Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Nascita

Tag: nascita

Lotus Birth: i neonati che vivono con la placenta

7

LA MIA BIMBA E’ LOTUS

lotus-birth

Come un fulmine a ciel sereno giunge la notizia che ti cambia la vita: sei incinta. Iniziano i primi controlli, tutto procede per il meglio e cominci a documentarti su dove vorresti dare alla luce la tua bambina. Tra corsi preparto, libri e “viaggi” in internet, scopri, un po’ per caso, che esiste una procedura dolce e rispettosa della vita che verrà: il Lotus Birth.

Peccato che in Italia se ne parli ancora così poco, tanto da rendere la scelta difficile perché le persone ti guardano come una matta e i medici non sanno darti consigli per mancanza di esperienza al riguardo.

Porta: significato e bellezza in 53 foto

0
Porta aperta

Non c’è niente come una porta per segnare un confine, un gesto semplice come varcare l’uscio è visto in molte culture come simbolo di cambiamento. Una porta è un mezzo di comunicazione tra due mondi, o un mezzo di separazione.

Porta aperta

Una porta chiusa è sempre un ostacolo da superare. In astronomia ci sono due porte solstiziali che sono rappresentate dal solstizio d’inverno (21 dicembre) e dal solstizio d’estate (21 giugno).

Oggi è la Giornata Internazionale dell’Ostetrica, la sconosciuta che entra nell’anima di ogni mamma

0

 

Ogni mamma nella giornata di oggi non può che celebrare l’ostetrica che ha incontrato nel suo cammino, soprattutto quella conosciuta durante il parto. Una donna fino a quel momento sconosciuta ma che in poche ore ha conosciuto la più profonda ed intima personalità di quella mamma che stava per nascere.

Ci si mette una vita, e spesso non è neppure sufficiente, per conoscere realmente una persona. L’ostetrica invece ci riesce in poche ore.

L’abbraccio di una mamma che salva la vita. Uno spot che fa battere il cuore!

0

Questo video che voglio condividere con voi, è uno spot pubblicitario “pro istinto materno“, ma la cosa che lo rende tanto emozionante, oltre ad esserlo già di suo, è che è tratto da una storia vera.

Una madre che riesce a resuscitare il proprio figlio a dispetto di quello che dicevano i medici, sembra forse più una favola, ma a volte le favole si avverano. E’ accaduto a Sidney in Australia il 27 Agosto del 2011.

Kate Ogg ha partorito due gemelli prematuri, di 27 settimane, la femminuccia stava bene, mentre il maschietto era stato dichiarato morto dai medici, dopo i vani sforzi per cercare di rianimarlo.

Kanamara Matsuri: La festa della fertilità Giapponese

0

Si chiama Kanamara Matsuri ovvero “festa del pene di ferro“. Si avete letto bene è la festa dell’organo maschile inteso come simbolo di fertilità e potenza. Questa festa si ripete ogni anno  alla prima domenica di Aprile a Kawasaki in Giappone.

 

Questa festa scintoista vuole celebrare la fertilità. La prima volta che si sentì parlare di questa festa fu il 1603, e anche se oggi rimane principalmente una festa di folclore locale, le motivazioni sono alquanto nobili, infatti tutti i proventi della festa vengono donati per la lotta contro l’AIDS. Questo richiamo alla ricerca contro una malattia venerea è da ricercarsi nella simbologia del tempio il quale per secoli è stato luogo di preghiera per tante prostitute che invocavano protezione dalle malattie a trasmissione sessuale.

Luna Piena: ecco come influenza il mondo

0

“Questo è il tempo della pienezza, l’alta marea del potere,, quando la Signora nella pienezza del suo splendore attraversa il cielo notturno, sorgendo con l’arrivo del buio. Questo è il tempo della maturazione, dei cambiamenti che si realizzano. La Grande Madre, Colei che nutre il mondo, che è Lei stessa, riversa in abbondanza i suoi doni” La Danza a Spirale – Starhawk

Le attività chimico-biologiche dell’intero globo terrestre aumentano d’intensità durante il plenilunio, quando cioè la luna è piena.

Lasciata Sola a Partorire nel Bagno, Erano Tutti Obiettori

0

Valentina Magnanti ha solo 28 anni, insieme a suo marito desiderava tanto un figlio. Un figlio che potesse avere una speranza di vita, perchè lei è affetta da una terribile e rara malattia genetica. Eppure il suo sogno è stato infranto nei bagni dell’ospedale Sandro Pertini di Roma.

Valentina, magra, segnata dalla vita, ha raccontato il suo calvario a LaRepubblica.

Le venne diagnosticata questa tremenda patologia genetica nel 2006 e nel 2010 rimase incinta, qualcosa che non potrà mai più scordare…

Emergency: Nate 5 Gemelline a Panshir

0

Alcune settimane fa, eseguendo un’ecografia a una delle donne che si rivolgono al Centro di #maternità in #Panshir, #Afghanistan, la nostra ginecologa è rimasta senza parole: la mamma era incinta di 5 bambine.
Abbiamo ricoverato la mamma per monitorare la gravidanza e, soprattutto, tenerla a riposo il più a lungo possibile, anche per dare tempo alle bambine di crescere.
L’11 gennaio, con un cesareo programmato, sono nate 5 bambine molto piccole, ma in buona salute.
Ora sono in ospedale, le terremo in osservazione per qualche tempo prima di farle tornare a casa con la madre.

La Creazione della Vita: Niente è così Perfetto [Video]

0

Questo è un video che non ha bisogno di particolari spiegazioni… è il semplice atto della nascita della vita, dal concepimento al primo vagito… nove mesi di pura magia.

Incredibile cosa accade all’interno del ventre materno, quando un piccolo semino incontra un uovo e insieme creano la vita.

Molto freddamente se cerchiamo “nascita” su Wikipedia troviamo questa descrizione:

“[…] la fecondazione dell’ovocita da parte di uno spermatozoo genera l’embrione, che dall’ottava settimana viene chiamato comunementefeto; il periodo di gestazione è di nove mesi ed è chiamato gravidanza, al termine della quale avviene il travaglio (fra la 38ª e la 42ª settimana), il bambino viene espulso dal ventre della madre, il cordone ombelicale viene tagliato e il nascituro diviene capace di respirare autonomamente.”

Parto in Casa: il Racconto Attraverso le Immagini

3

Decidere di avere un figlio a casa non è una scelta semplice, potrebbero insorgere difficoltà, problemi, però casa è il posto in cui ci sentiamo più protetti, più al sicuro, ci sentiamo più liberi. Ed è forse per questo che Erin Loechner  ha deciso di partorire la sua bambina proprio tra le quattro mura domestiche.

Non certo stato facile, anzi è stato estenuante, impegnativo ed è durato ben due giorni. Senza l’aito di nesun farmaco o di epidurale, Erin ha lottato per dare alla luce la sua piccola e la sua amica fotografa,  Betsy King, ha voluto documentare questi due giorni di infinito dolore ed infinita gioia!