Home Tags Educazione

Tag: educazione

Il Parco Cinque Sensi: a piedi nudi tra le meraviglie della natura

0

Il Parco Cinque Sensi a piedi scalzi, uno dei parchi divertimento naturali tra i più innovativi in Italia si trova a Vitorchiano, comune virtuoso e Bandiera Arancione del Touring Club Italiano in provincia di Viterbo.

Si tratta di “un percorso innovativo ed emozionante per vivere un’indimenticabile esperienza, dalla testa ai piedi” – così gli “Artigiani dei Sensi”, gli addetti del parco, definiscono il magico bosco dove prende vita un vero e proprio parco divertimenti boschivo.

Ippoasi, la Fattoria della Pace: il rifugio per gli ex animali da reddito

1

Ci trovi Ettore, un agnellino salvato mentre vagava in autostrada, che ora socializza con i cani e mostra il suo carattere forte e determinato alla vita. E pure Marta, una mucca dalle mammelle molto grandi e afflitta da una mastite cronica, simbolo dello sfruttamento degli allevamenti, che oggi può finalmente vivere serena e prendersi cura del suo piccolo. Che dire poi di Cara, una scrofa che viveva sola, malata e apatica nello zoo di Cavriglia (Ar), attualmente in buona forma fisica ed emotiva, fiduciosa in sé e nell’ambiente che la circonda.

Parco dell’energia rinnovabile: l’esempio per uno stile di vita sostenibile

0

Dopo aver letto centinaia di libri sulle energie rinnovabili e l’agricoltura sostenibile, Alessandro e Chiara sono passati dalle parole ai fatti. Promuovere, diffondere e perseguire uno stile di vista sostenibile è diventata la loro missione, coincisa con la creazione del Parco dell’energia rinnovabile (PeR), «un centro scientifico, didattico e ricettivo in prima linea nella ricerca e nella sperimentazione di tecnologie, processi e azioni virtuose che migliorino la vita dell’uomo e riducano l’impatto dell’azione della società civile sul Pianeta», così come amano definirlo.

Il malessere emozionale del bambino: per l’adulto è inaccettabile

0

Nel mio percorso lavorativo e di studio mi sono imbattuta nell’osservazione di molti bambini di età ed esperienze molto diverse tra loro. In alcuni ho notato la tendenza ad “inventare” malesseri fisici per evitare situazioni a loro sgradevoli o semplicemente troppo forti per riuscire ad affrontarle con la giusta serenità. Ho iniziato a pormi alcune domande sulla necessità di ricorrere alla bugia anziché esprimere un malessere, un disagio psichico di fronte all’adulto di riferimento.

Scuola Itinerante: la maestra è la Madre Terra

2

Non più aule chiuse, corpi immobili, voti, compiti, classi divise per età e competizione sfrenata. La scuola ideata da due giovani poco più che trentenni, Andrea Gravina e Alessandra Polverini, è itinerante e sempre in movimento grazie alla guida di una splendida maestra, la Madre Terra. In alternativa ai principi e ai metodi dell’insegnamento tradizionale, Scuola Itinerante è un progetto educativo rivolto a bambini da quattro a dieci anni che frequentano la scuola tradizionale o praticano educazione parentale, con sede ad Asciano (frazione di San Giuliano Terme, provincia di Pisa). Una scuola a contatto con la natura e basata su principi di tipo libertario, che si fonda sull’apprendimento libero e motivato e vuol contribuire alla crescita di individui felici e liberi dalle pressioni del mondo industrializzato. Cerchiamo di capirne di più con l’aiuto di Andrea e Alessandra.

Il Meraviglioso Potere Educativo Dei Fiori Selvatici

0

“I miei fiori preferiti sono i fiori selvatici,
Spontanei, liberi e indomabili.
Quelli che fioriscono senza essere annaffiati ,
Quelli che profumano di rivoluzione,
Quelli che donano a sè stessi il diritto a crescere
In tutti i luoghi dove la gente pensa
Che non avrebbero mai potuto farlo”

Hermana Águila

Sono ignorati dai più, strappati dalla terra, derisi, denigrati… sono i fiori selvatici.

Wwoofing: viaggiare in tutto il mondo lavorando in aziende biologiche

0

Condividere la quotidianità rurale alla ricerca di stili di vita in armonia con la natura: questo è il principio fondamentale di Wwoof, un movimento mondiale che mette in relazione volontari e progetti rurali naturali, promuovendo esperienze educative e culturali basate su uno scambio di fiducia senza scopo di lucro. Obiettivo: contribuire a costruire una comunità globale sostenibile.

wwoof

Volontari più o meno giovani e sensibili alle tematiche ambientali hanno così la possibilità di viaggiare in tutto il mondo, a bassi costi e in modo eco-friendly, ottenendo vitto e alloggio in aziende biologiche e biodinamiche, in cambio di alcune ore di lavori agricoli quotidiani. Wwoof è infatti l’acronimo di “World wide opportunities in organic farms”, traducibile in italiano in “opportunità nelle fattorie biologiche di tutto il mondo”.

E’ giusto non separarsi per amore dei bambini?

0
coppia seduta lontana su un divano
Credit foto © Pexels

Accade sempre più spesso. Due persone si incontrano, s’innamorano e mettono al mondo dei figli. Poi accade qualcosa che mette in crisi il loro rapporto. La crisi non si risana ma a separarsi non se ne parla perché ci sono di mezzo i bambini. E la vita continua tra incomprensioni, bugie, sofferenze…

Una prigione che, forse, non ha motivo di esistere.

E’ giusto rimanere insieme solo ed esclusivamente per via dei figli? Verrebbe da rispondere di sì perché un bambino ha bisogno di una mamma e di un papà vicino, ha bisogno di punti di riferimento ben precisi. Sacrificarsi per i figli viene spontaneo e il solo pensiero di ferirli con qualche nostra azione ci fa tremendamente male.

La meditazione, una stupenda opportunità per gli adolescenti di oggi

1

La meditazione, descritta dal monaco Buddhaghosa del V secolo come “pratica dell’attenzione”, è una disciplina che per sua intrinseca natura non dovrebbe mai mancare nell’educazione di un giovane.  In Occidente se ne sono accorti per primi i paesi anglosassoni dove, da alcuni anni in Inghilterra e da decenni negli States, viene proposta nelle scuole all’interno dei programmi curricolari.

Perché NON si Deve Costringere i Bambini a Condividere

0
Condivisione tra bambini

Se siete genitori potete intuire il tono provocatorio del titolo di questo articolo, ma così non vuol essere, ci hanno sempre insegnato che è giusto giocare insieme e condividere i giochi, spesso cedendo ai capricci di qualche altro coetaneo, ma questo non è giusto ed ora vi spiego il perchè.

bambini

Per quanti giochi ci possano essere a disposizione, in un gruppo di bambini in età prescolare, è facile notare come tutti vogliano lo stesso gioco allo stesso momento e spesso si crea il caos, e allora interviene l’insegnante o il genitore che spiega che è giusto condividere i giochi con gli altri bimbi e quindi chi stava giocando viene messo nella condizione di cedere il gioco suo malgrado.