Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Educazione

Tag: educazione

E’ giusto non separarsi per amore dei bambini?

5

Accade sempre più spesso. Due persone si incontrano, s’innamorano e mettono al mondo dei figli. Poi accade qualcosa che mette in crisi il loro rapporto. La crisi non si risana ma a separarsi non se ne parla perché ci sono di mezzo i bambini. E la vita continua tra incomprensioni, bugie, sofferenze…

Una prigione che, forse, non ha motivo di esistere.

E’ giusto rimanere insieme solo ed esclusivamente per via dei figli? Verrebbe da rispondere di sì perché un bambino ha bisogno di una mamma e di un papà vicino, ha bisogno di punti di riferimento ben precisi. Sacrificarsi per i figli viene spontaneo e il solo pensiero di ferirli con qualche nostra azione ci fa tremendamente male.

La meditazione, una stupenda opportunità per gli adolescenti di oggi

1

La meditazione, descritta dal monaco Buddhaghosa del V secolo come “pratica dell’attenzione”, è una disciplina che per sua intrinseca natura non dovrebbe mai mancare nell’educazione di un giovane.  In Occidente se ne sono accorti per primi i paesi anglosassoni dove, da alcuni anni in Inghilterra e da decenni negli States, viene proposta nelle scuole all’interno dei programmi curricolari.

Perché NON si Deve Costringere i Bambini a Condividere

0
Condivisione tra bambini

Se siete genitori potete intuire il tono provocatorio del titolo di questo articolo, ma così non vuol essere, ci hanno sempre insegnato che è giusto giocare insieme e condividere i giochi, spesso cedendo ai capricci di qualche altro coetaneo, ma questo non è giusto ed ora vi spiego il perchè.

bambini

Per quanti giochi ci possano essere a disposizione, in un gruppo di bambini in età prescolare, è facile notare come tutti vogliano lo stesso gioco allo stesso momento e spesso si crea il caos, e allora interviene l’insegnante o il genitore che spiega che è giusto condividere i giochi con gli altri bimbi e quindi chi stava giocando viene messo nella condizione di cedere il gioco suo malgrado.

Idee Montessori per i regali dei bambini

0

Si sta avvicinando il Natale e tutti incominciamo a pensare al regalo migliore per i nostri bambini, quello che gli farà brillare gli occhi, quello che desiderano da tanto, quello che li farà felici… E qui scatta già una riflessione su ciò che hanno chiesto nella famosa letterina. In genere ben più di un gioco soltanto e dunque: quale davvero sarà il preferito? Ne basterà uno solo? E sempre entra in gioco il nostro bambino interiore perché: “io ho sempre desiderato questo e non me lo hanno mai comprato!” Oppure “Avevo così tanti giochi che non me ne ricordo uno in particolare”.

Il principio 90/10 di Stephen Covey: ciò che ci accade nella vita dipende soprattutto da noi

2
Immagine by Giulia Bernardelli

Gran parte di ciò che ci succede dipende dalle nostre reazioni a un evento inevitabile. Ogni uomo può fermarsi a riflettere, imparare a dominare i suoi impulsi e condizionare in positivo la sua vita e i suoi rapporti interpersonali. Basta che si controlli e che lo voglia. Traiamo queste considerazioni dal noto principio 90/10 elaborato dal compianto Stephan Covey, imprenditore, scrittore e influente teorico della leadership personale, autore del best-seller “I sette pilastri del successo”.

Ascoltare il bambino senza pregiudizio: consigli Montessori

0
Child being Scolded

Mother scolding her 9 years old daughter.

Catene invisibili ci tengono ancorati ad un modo ormai obsoleto di vedere le cose. Sono passati migliaia di anni ma ancora a volte vedo scene da clava e caverna, che se allora potevano avere anche un senso, oggi di sicuro non lo hanno più.

I periodi sensitivi dei bambini sono i fari che illuminano il loro cammino

0

I periodi sensitivi: faro che illumina il cammino

“I periodi sensitivi si riferiscono a fatti psichici e sono luci e vibrazioni spirituali, che preparano la coscienza: esse sono le energie che partono dal non esistente, per dare l’esistenza agli elementi fondamentali, con cui si devono attuare le costruzioni future del mondo psichico” M. Montessori ne “Il segreto dell’infanzia”

I periodi sensitivi sono dunque una guida inconscia e selettiva che porta il bambino verso ciò che sarà il suo nutrimento psichico che andrà a formare un organo psichico: mano, movimento grosso, apparato fonatorio ( gola, corde vocali, diaframma, polmoni, cassa toracica…).

periodi-sensitivi1

Il diritto di ogni bambino di arrabbiarsi

0

Quante volte un adulto urla, impreca, piange, sbatte gli oggetti, i pugni, si dimena… Noi lo guardiamo e diciamo: è arrabbiato. Molto arrabbiato”.

Se lo fa un bambino lo guardiamo con disapprovazione e diciamo: “ah ecco che ha ripreso a fare i capricci!” Oppure… “Non c’è motivo di arrabbiarsi!” Oppure ancora: “non si può fare così, smettila!”

rabbia-bambini

E se non la smettono ci arrabbiamo noi, che però ne abbiamo il diritto, e quindi via con la tiritera, giustificata ovviamente. Questo perché? Perché noi abbiamo il diritto di arrabbiarci senza apparire squilibrati o bisognosi di chissà quale aiuto mentre un bambino no? Viene subito etichettato come capriccioso o rabbioso, scontroso, maleducato… Noi abbiamo delle motivazioni per una tale rabbia, il bambino no. Lui si arrabbia per cose poco importanti se non addirittura sciocche.

Bambini miei, siate fieri di essere diversi!

4

bambini-diversità

La diversità può spaventare. A me invece affascina. Credo che dietro ad ogni diversità, ad ogni crisi, ad ogni cambiamento ci sia un movimento dell’anima, la ricerca della Verità, un’esplosione di curiosità.

Rimanere immobili è deleterio anche se apparentemente comodo e rassicurante.

Ecco perchè vorrei che i miei bambini vivessero di ideali, magari diversi dai miei ma pur sempre principi di vita fatti propri e calati nella realtà quotidianamente.

Io mi nutro di Ideali e di Giustizia e faccio di tutto per individuarli, comprenderli e agirli. Vivo per questo in modo passionale, divertente e arricchente. Ed i miei bambini sono coinvolti in questo uragano di pensieri, riflessioni e azioni. Non è una vita stressante o faticosa. Al contrario è di una bellezza indescrivibile.

Il rito Montessori del compleanno: per dare il giusto valore al giorno della nascita!

1
Immagine by www.marbellamontessori.com

La nascita è un momento di Gioia, in cui si sente scorrere dentro la vita… Il cuore che batte, i polmoni che iniziano a respirare… Un momento unico, che segna la nostra intera esistenza anche se noi non lo ricordiamo. Beffardamente i ricordi dei primi attimi di vita non ci appartengono se non attraverso i racconti.

Si avvicina il compleanno di mia figlia Gioia e vorrei parlarvi di un rito speciale che ho avuto la fortuna di conoscere molto presto! Il rito Montessori del compleanno è un inno al festeggiato, all’importanza dell’evento della nascita e all’altrettanto importante momento della crescita scandito dagli anni, il tutto collegato al moto naturale del mondo.