Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Leggenda

Tag: leggenda

Orionidi le Stelle Cadenti D’autunno e la Leggenda Di Orione

0

Le Orionidi non sono stelle comete ma uno sciame meteorico generato dal passaggio della Terra nella scia della cometa di Halley; questo sciame è visibile tra 2 ottobre e il 7 novembre, con la massima attività intorno al 20-23 di ottobre e quest’anno il punto massimo di visibilità sarà proprio stasera, il 21 ottore quando sarà possibile osservare fino a 25/30 meteore l’ora.

Il nome Orionidi deriva dal fatto che il punto dal quale sembrano partire le meteore si trova in una zona intorno alla costellazione di Orione; la prima volta che fu visto lo sciame fu nel 1839, da E.C. Herrick del Connecticut,ma solo il 18 ottobre 1864 venne condotta un’osservazione attenta dello sciame da Alexander Stewart Herschel il quale stabilì che la pioggia di meteore si originasse  a est della costellazione di Orione, non lontano dalla stella Betelgeuse.

La Leggenda della Campanella di Capri

0
Campanella di Capri
la campanella si regala alle persone speciali ed e' possibile acquistarla sul sito www.manecapri.com siamo una gioielleria storica di Capri

Va molto di moda portare una campanella come collana o come bracciale, molti anche come anello, ma pochi ne conoscono il vero significato, si chiama Campanella di Capri ed è legata ad una antica leggenda, quella della Campanina di San Michele.

Capri

La leggenda è legata all’isola di Capri e narra di un povero pastorello, orfano di padre, che non possedeva alcun bene materiale al di fuori di una pecorella. La portava sempre al pascolo ogni giorno e la curava come il bene più prezioso che possedesse, ma una sera, all’imbrunire, il fanciullo si attardò a raccogliere dei fiori per la madre e quando si voltò per chiamare a sé la pecorella, quest’ultima era sparita dalla sua vista. Subito il ragazzino si mise a piangere disperato, che ne sarebbe stato di lui e della mamma? Così iniziò a ripetere ad alta voce:

La Leggenda di Retna Dumilla e della Nascita Del Riso

0
Il riso

Il riso è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Gramineae che tutti conosciamo e amiamo per svariati motivi… risotti, arancini, frittelle, insalate, minestre ci sono mille modi per cucinarlo, ma scommetto che pochi di voi ne conoscono le origini.

Si sa che il riso apparve sulla Terra alla fine dell’epoca glaciale, probabilmente intorno al 10.000 a.C. grazie ai campi di riso paludosi che apparvero dopo lo scioglimento dei ghiacciai. Il mondo mediterraneo conobbe il riso solo dopo la conquista dell’Asia da parte di Alessandro Magno, infatti Teofrasto fu il primo a descrivere il riso nel suo trattato sulla storia delle piante come un alimento.

Il Significato Della Foglia

0

Avete mai pensato a quante foglie ci sono al mondo? E quante muoiono e ricrescono ogni volta? Vi siete mai fermati ad osservare un albero nel pieno della sua bellezza e avete notato invece quanto è triste quando è spoglio? Se la risposta è si allora sarete contenti di scoprire quale sia il significato della foglia, quello intrinseco che spesso sfugge.

La foglia simboleggia la crescita, la fertilità e il rinnovamento, basta pensare a come in primavera gli alberi srotolano le foglioline verdi, come in estate si mostrino grandi e forti e come in autunno si richiudano su se stesse seccandosi per poi cadere, un ciclo vitale che assomiglia molto alle fasi della vita di un essere umano, nasce piccolo e delicato, cresce forte e robusto, invecchia riempiendosi di rughe e poi muore.

La Cicala: Tra Miti, Leggende e Favole

0
cicala

Chiedo scusa alla favola antica,
se non mi piace l’avara formica.
Io sto dalla parte della cicala
Che il più bel canto non vende, regala.

~ Gianni Rodari ~

Quello della cicala è il canto che proviene dal caldo, o almeno così si diceva una volta, perché questo insetto segnava l’arrivo della stagione della gioia, della vita, la stagione estiva con il suo frinire.

cicala

La Barca Di San Pietro E La Sua Magia

0
Barca Di San Pietro

San Pietro e Paolo si festeggiano il 29 giugno e come ogni festa che si rispetti ha le sue tradizioni legate alle usanze popolari.

Barca Di San Pietro

Il culto di San Pietro risale al Medioevo quando i monaci Benedettini lo diffusero in territorio lombardo; nell’ottocento era popolare la leggenda secondo cui «nel giorno di San Pietro debba seguire temporale, perché il diavolo promette alla di lui madre di uscire dall’ inferno per quell’ anniversario», per questo motivo molti pescatori durante questa notte non escono in barca per timore di burrasche e temporali. In altri luoghi invece si pensa che questa notte sia proficua per la pesca, in altri ancora si narra ai ragazzi che le acque del lago siano infide perché la madre di San Pietro pretenderebbe un sacrificio umano, sempre la madre del santo è protagonista di altre leggende che la vedono invece benevola nei confronti dei raccolti perché nei periodi di siccità provvederebbe il 29 giugno a far cadere la pioggia per salvarli.

La leggenda dell’isola di Avalon

0
avalon-abitanti

Avalon è un’isola leggendaria e arcana ubicata, forse, nell’ovest delle isole britanniche, nonché soprannominata Isola delle Mele, secondo quanto riportato nella Historia Regum Britanniae di Goffredo di Monmouth. Sebbene alcune fonti la individuino in Sicilia, altri credono si trovi nell’Ile Aval o Daval in Bretagna, altri ancora a Burgh-by-Sands in Cumberland o nel monte/isola di San Michele in Cornoaglia. Oggi la teoria più comune la identifica nella cittadina di Glastonbury in Inghilterra, a sud di Bristol, famosa meta di pellegrinaggi. L’isola può essere raggiunta solo in barca e a quanto si dice, è avvolta nella nebbia.

avalon

Come è Nata l’Usanza dell’Albero di Natale?

1
Albero di Natale

“Significativo simbolo del Natale di Cristo, perché con la sue foglie sempre verdi richiama la vita che non muore”
~ Benedetto XVI

Albero di Natale
“Albero della Vita” di Pacino di Buonaguida (1305-1310 circa)
Galleria dell’Accademia a Firenze

L’albero di per sè è il simbolo della vita ed è diffuso in tutte le culture e in tutte le epoche, ma come è nato l’albero di Natale? Forse non tutti sanno che decorare l’albero di Natale è un’usanza antichissima, si pensa infatti che già venissero decorati gli alberi del Paradiso con nastri e oggetti colorati, fiaccole, piccole campane, animaletti votivi, e vi era la credenza che le luci che si andavano a posizionare tra i rami, corrispondessero alle anime; anche gli alberi cosmici venivano adornati con decorazioni come il Sole, la Luna, i Pianeti e le stelle, famoso era l’abete sacro a Odino il dio dei Germani, che era visto come il simbolo dell’immortalità, una manifestazione divina del cosmo.

La Leggenda del Vischio: tra Lacrime di Gioia e Redenzione

1

Natale non è Natale se nelle case non entra un rametto di vischio (Viscum album), il simbolo di fortuna e felicità per l’anno nuovo; questa usanza ha radici antiche, nasce infatti ai tempi dei Druidi del nord Europa quando si incontravano sotto una pianta che portava del vischio, deponevano le armi e si concedevano una tregua e per sancire questo patto si scambiavano un bacio.

Vischio-72788

I Celti consideravano il vischio (chiamato oloaiacet) una pianta sacra perchè la ritenevano in grado di curare molte malattie, allo stesso tempo la collegavano direttamente al mondo del cielo, in grado di raccogliere i fulmini.

La Danza del Sole: un Rito di Purificazione e Autosacrificio

0

Si chiama Wiwanyag Whachipi e letteralmente significa “Danzare guardando il Sole” e deriva da Wi che significa Sole, da Wanyag che significa guardare e da Wachipi che significa danzare.

La danza del sole indiana è una delle più importanti e solenni cerimonie dei popoli di tutte le nazioni tribali del Nord America, che ebbe inizio tra l’800 e il 1200 dell’Era Moderna ed esprime tutta la spiritualità del popolo indiano, in particolar modo del popolo Lakota.