Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Frutta

Tag: frutta

Ricetta per la Salsa alla Frutta

0

Questo tipo di salse dolci e compatte sono ottime per decorare un gelato, una torta a base di frutta, un budino alla vaniglia, una cheesecake vegana, da spalmare sulle frittelle o per accompagnare una semplice macedonia, e sono veloci da fare.

Basta lasciare che la frutta prescelta rilasci il suo succo qualche ora, e poi cuocerla per 15 minuti a fiamma media.

Norvegia: la Frutta Cresce Grazie al Riscaldamento Globale

0

Si trovano frutti selvatici un po’ ovunque nel mondo,  ma la nazione più a nord in cui la frutta cresce in quantità sufficienti da poter essere commercializzata è la Norvegia.


In questo Stato, fin dal medioevo, si coltivano in particolare le prugne (ce ne sono più di un milione di alberi!), ma anche pere e mele.
In tutta la Scandinavia sono stati le monache e i monaci a coltivare alberi da frutto nei giardini protetti dei loro monasteri, ma fino ad oggi gli scandinavi dipendono ancora completamente dalle importazioni di frutta dai mercati esteri per arrivare alle porzioni minime.
Le cose però potrebbero presto migliorare.

Frutta Grigliata e Stufata: Ricette Deliziose

0
Frutta Grigliata

Perderà un po’ di vitamine, gli zuccheri si concentrano e qualche fitonutriente sparirà col calore, ma la frutta cotta, grigliata e stufata, resta comunque un piatto saporito, che non necessita di sale, contiene pochi grassi,  zero colesterolo ed è tradizionale, facile da digerire e versatile.

Come si cuoce la frutta?

Frutta Grigliata

Ecco i tre metodi principali di cottura:

1.  Frutta affogata, stufata o bollita
2. Frutta al forno o grigliata
3.  Frutta fritta

Nessuno deve spiegarvi come fare due mele al forno, quindi vediamo due delle altre tecniche:

Ricetta del One-Pot Wonders, il “Pentolone delle Meraviglie”

0

Qualche tempo fa non sapevo cosa preparare, quando il mio migliore amico inglese mi ha mandato una foto di quello che stava cucinando lui per tutta la famiglia.
Un’enorme pentolone pieno di ogni sorta di ortaggio che aveva in frigo.
Gli inglesi  chiamano questi piatti, “one-pot wonders“, cioè dei pentoloni (o padelloni) dove si buttano tutti gli ingredienti a cucinare insieme… dentro il sugo!


Gli ortaggi vengono infatti cotti e immersi in una pummarola di pomodori al posto dell’acqua.
La meraviglia, la “wonder” della serata, è proprio la selezione di ortaggi che vengono scelti.
Ogni sera, mi raccontava il mio amico, nessuno sa mai quale mix bollirà nel pentolone.

Il Caffè Deriva da un Frutto, Scopriamo Perché Piace Tanto

0

Da dove viene il caffè, il suo profumo e il suo aroma? Dalla Frutta ovviamente!!
I famosi chicchi del caffè non sono altro che i semi di un frutto simile alle nostre amarene o a delle piccole bacche rosse.


La pianta di questo frutto si chiama “Coffea arabica“.
Le sue bacche vengono raccolte a mano quando sono mature, ma poi viene praticamente gettata via tutta la polpa, una volta che il prezioso seme è stato estratto, dato che la polpa dolce “rovinerebbe il sapore del caffè“.
Un vero peccato, dato che questo frutto contiene molti antiossidanti, polifenoli e anti-infiammatori e si è visto che inoltre possiede anche buone quantità di proantocianidine (come quelle  preziose dell’uva).

Cioccolato: Lo Sapete che Deriva da un Frutto?

0

Ebbene sì, la dolce coccola offertaci dal cioccolato dopo una giornata stressante non esisterebbe se non fosse per una pianta da FRUTTO.

Il CACAO è il nome non solo della famosa polvere con cui si produce il cioccolato ma di un frutto dell’America centrale, un frutto che sembra una sorta di lungo pallone da rugby, giallo o rossiccio.

Da Cosa Deriva il Nome Della Frutta che Mangiamo?

0

Ecco l’etimologia dei frutti più comuni sulle nostre tavole.
Siete pronti a giocare?  Provate in casa, e vedete chi ne indovina di più o ci va più vicino!




ALBICOCCA  =  Deriva da una parola latina che significava “precoce”, o praecocum. L’albicocca era infatti precoce rispetto alle pesche. Gli arabi gli aggiunsero un AL davanti e trasformarono la P in B.
L’inglese “apricot” ricorda meglio l’origine latina.

ANANAS =  Dalla parola caraibica “nana”, cioè “profumo”.  Diventò poi famosa come la“pigna delle Indie” quando fu introdotta in Europa (da cui il vocabolo inglese “pineapple”). Si dice che Cristoforo Colombo fu accolto con un ananas quando arrivò in Guadalupe.

Gli Uomini sono Frugivori: Eccone la Dimostrazione Antropologica

0

Gli esseri umani sono “animali tropicali” e infatti continuiamo a ricreare i tropici dovunque viviamo a suon di riscaldamento a pavimento, piumini e piumoni. Il nostro DNA non si è adattato all’ambiente, siamo noi ad aver forzato l’ambiente ad adattarsi a noi, fan notare gli esperti. Allo stesso modo, l’anatomia comparata ci mostra che non ci siamo affatto “adattati” a consumare cibi animali, abbiamo solo deviato dalla nostra dieta naturale, e non senza pagarne il prezzo.

 

Viviamo di più oggi che un tempo, vero, ma grazie a maggior tecnologia, farmaci e igiene, non perché mangiamo meglio. La realtà è che siamo sempre più ammalati (e sempre prima nel tempo).

Perché la Dieta Fruttariana Fa Dimagrire

0

CARBOIDRATI BUONI

“Quando ho deciso di passare ad un’alimentazione vegana crudista pesavo 80 kg, nei primi 6 mesi (da aprile a ottobre del 2011) ho perso 12 kg, consumando quasi esclusivamente frutta e verdura. Nei 6 mesi successivi ne ho persi altri 8 e da allora sono stabile sui 60 kg.”    ROSALBA

“Da onnivora son passata a vegana il 13 gennaio 2010, compiuti da poco i 30 anni. A marzo ero già aspirante fruttariana quindi ho aumentato il consumo di frutta. A settembre avevo perso 15 kg.” SERENA

La Frutta fa Ingrassare?

0

“Da agosto 2012 a gennaio 2013 sono a meno 25 kg con una dieta vegana. Tanta frutta (soprattutto banane), verdura, frutta secca e legumi. Il tutto possibilmente crudo. Anche la lieve iperglicemia che avevo si è normalizzata portandomi un valore normale.” ERIKA M.

Dal 2016, il colosso americano Weight Watchers – regina nel campo delle diete dimagranti – ha deciso di assegnare ZERO PUNTI alla frutta fresca.
Chi segue il loro metodo può  mangiarne quanta ne vuole ora, in teoria. Basta solo non sia essiccata, sciroppata o con zuccheri aggiunti.