Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Consapevolezza

Tag: consapevolezza

Non Combatterò Più Le Tue Battaglie, Mi Merito La Pace

0
battaglie altrui

Quante volte ti sei ritrovato a combattere battaglie che non erano tue? Quante responsabilità altrui hai fatto tue? Quante volte hai deciso di prendere sulle tue spalle dei pesi che non ti spettavano e ogni volta il peso era sempre più?

Speravi di aiutare gli altri, di fare un favore, ma in realtà ti sei fatto violenza perché chi ti ha visto forte, talmente forte da sopportare il peso che spettava ad altri, ti ha confuso per una roccia incrollabile e non ti ha creduto quando dicevi “basta!”, quando stavi crollando, quando cadevi a pezzi.

Autobiografia: Quando Scrivere Di Te Diventa Un’esperienza Catartica

0

Hai mai pensato di scrivere di te? Al di là dell’esperienza letteraria e creativa che l’autobiografia potrebbe rappresentare, raccontarti attraverso la scrittura può essere un’esperienza profondamente catartica. Affidare alle pagine i tuoi stati d’animo, le dinamiche passate, i successi e i dolori può permetterti di inserire tutti questi eventi in un quadro generale che spesso tende a sfuggire mentre lo si vive ma che può palesarsi con più chiarezza mentre lo si mette per iscritto in maniera più strutturata.

Le Mani Compiono Dei Riti Ogni Volta Che Sono Connesse Al Cuore

0

Ogni volta che siamo connessi al cuore, le nostre mani compiono riti. Ogni volta che facciamo qualcosa con presenza e consapevolezza, il corpo diventa veicolo di una conoscenza in grado di agire sulla percezione che abbiamo del mondo e della nostra vita.

Per esempio, lavarsi i capelli può diventare un atto di purificazione: laviamo via la tristezza, i pensieri pesanti, le preoccupazioni; fare il pane in casa diventa un atto di creazione: la materia inerte diventa viva, lievita, prende forma sotto le nostre dita e poi diventa cibo, nutre il corpo e lo spirito; cucire diventa un atto di riparazione: riunire ciò che è stato separato, riparare ciò che è stato rotto e farlo con bellezza aggiungendoci un tocco di creatività, qualche toppa colorata qua e là.

“Non Vorrei Essere In Nessun Altro Posto”: Una Frase Dal Potere Grandioso

0

“Non vorrei essere in nessun altro posto”.

Questa potente frase racchiude in sè un valore inestimabile, è la nostra frase maestra, un’insieme di preziose parole che, come un mantra, ci possono guidare alla scoperta di noi stessi e della nostra inconfondibile essenza.

Tendiamo ad essere sempre insoddisfatti, a non trovare pace, a vivere di fretta,  a desiderare di essere sempre altrove, a fare cose diverse, a riempire in modo superficiale e ripetitivo i vuoti che sentiamo di avere. E tutta questa insoddisfazione ci porta a correre ancora di più, a fare ancora più cose, ad essere sempre più malcontenti, stressati, ansiosi.

Per Conquistare Il Tuo Tesoro Interiore Dovrai Affrontare La Tua Ombra

0
occhio-tesoro interiore

Quando si decide di fare un serio lavoro su di sé, passata l’euforia degli inizi dove tutto sembra nuovo e meraviglioso, arriva il momento dove ci si ritrova a dover scavare in profondità per portare in superficie tutta quella serie di cose che, in tempi normali, non si vorrebbe vedere. Anzi, di solito si ha ben cura di lasciarle nascoste e ben sepolte lì dove sono; non sia mai che qualcuno se ne accorga, o peggio, che ci rendiamo conto di non essere la persona che credevamo.scavare con le mani

Non Devi Cambiare, Devi Solo Imparare a Guardarti Dentro

0

Sarò onesta con te: guardarsi dentro non è sempre una passeggiata, anzi! Spesso assomiglia a una di quelle scarpinate in montagna dove ti devi guardare dalle zecche, dai precipizi, dalle salite interminabili e la stanchezza è tanta (e spesso ti chiedi chi te lo fa fare); ma poi arrivi alla prima tappa del viaggio e di fronte a te si palesano le rocce intagliate dalla potenza del vento, vedi la cima degli alberi che si estende come un tappeto erboso, i raggi del sole che rimbalzano sul fiume lì giù e poi, il cielo: una distesa sconfinata che ti sembra di poter toccare con la punta delle dita.

Accettare La Malattia Di Un Figlio: 10 Passi Verso La Speranza

0

Quando un genitore si raffigura la paura, la maggior parte delle volte vi dirà che ha a che fare con il figlio. Con qualcosa che può capitare ai suoi bambini. La morte, la malattia spaventano tantissimo. Rifiutiamo l’idea che un figlio possa essere malato o addirittura morire prima di noi. È innaturale e non può essere una reale possibilità se ci pensiamo con il cuore. La mente però sa bene che questo può succedere e tenta di nascondersi dietro alla paura.
Quando ti dicono che tuo figlio è malato, subito la tua mente pensa: si stanno sbagliando. Non può essere così .
Si succedono momenti di analisi, di rifiuto, di rabbia, di crisi profonda. Poi la vita ti spinge a reagire, ad andare avanti. E tu pensi solo a come.

La Concentrazione Del Bambino E’ Il Nutrimento Della Sua Anima

0

“La concentrazione su un interesse porta il bambino a essere qui e ora in una dimensione meditativa.” Elena Balsamo “Libertà e amore”

Obiettivo base del metodo Montessori è favorire la concentrazione del bambino perché da essa deriva il nutrimento necessario alla sua anima per emergere e svilupparsi. La concentrazione viene definita uno “sballo sano”, una forma di meditazione in cui il bambino riposa, si alimenta ed esce pieno di gioia e felicità .

10 frasi di Osho che possono aiutare nei momenti difficili

0

C’é un detto, che viene della saggezza taoista, che recita così:

“ Vuoi essere felice per una sera? Ubriacati!
Vuoi essere felice per una settimana? Sposati!
Vuoi essere felice per tutta la vita? Coltiva un giardino!
Vuoi essere felice per l’eternità? Coltiva il tuo giardino interiore!”

Stai male perché sei in continua lotta contro la vita…

0
i fili della vita

“Stai male perché sei in continua lotta contro la vita, e quindi contro la tua anima, che è vita. Vorresti andare altrove, ma la serie di legami che ti sei creato è come una catena, ti ritrovi schiavo di una serie di scelte prese quasi con incoscienza, o comunque non con la consapevolezza che hai adesso. Probabilmente, fra qualche anno, quando potresti allentare questi legami, la tua forza si sarà affievolita e non potrai comunque fare la vita che avresti desiderato. Allora, abbi il coraggio di cominciare ora. Di andare oltre al castello di responsabilità che ti sei o ti hanno costruito e comincia a reclamare e a riprendere i tuoi spazi. Cerca di spiegare che non è colpa loro, ma che ti senti il cuore vuoto e hai bisogno di riempirlo, per poter condividere qualcosa con loro. Non so se ti capiranno, forse no. Non so se accetteranno le tue scelte, forse no. Forse ti diranno che sei pazzo. Ma intanto la nuova vita che ti attende scorre via, lo sai, e per questo soffri. Datti pace, pensa meno e segui più il tuo cuore. Certo, le tue scelte avranno un prezzo. Ma non sarà mai più alto di quello che stai pagando ora rinnegando te stesso.”