Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Genitori

Tag: genitori

La Volta Che Ho Svelato A Mia Figlia Di Non Essere Un Supereroe

0

“Tua figlia mi ha detto: Vorrei andare a vedere le tombe romane ma lì sotto sarà pieno di ragni…meglio che vada con papà che non ha paura di niente”.

Quando ricevetti questo messaggio, apparentemente banale, eri molto piccola e ricordo di essermi soffermato a lungo a rileggere ogni parola. Il messaggio capitava nel buio personale di un tempo, in cui, a causa di un forte dolore familiare, la percezione di me stesso come padre era di un uomo spesso assente, inadeguato e con vulnerabilità che ritenevo eccessive per quel ruolo.

In Questo Momento Di Grande Caos Non Dimentichiamoci Dei Bambini

0

Cari genitori,
in questo momento di grande caos, di limitazioni, di rivolta del sistema, non dimentichiamoci dei bambini.

Non solo è necessario cullare le loro paure, prendersi cura della rabbia e della frustrazione, è necessario, oggi più di ieri, mantenere una quotidianità salda e costante, al fine di non perdere il contatto con la realtà “sana” del prima.

Quel prima che sembra scomparso, quel mondo che pare non esistere più per come lo conoscevamo. Esisterà ancora care mamme e cari papà. Esisterà e noi dobbiamo essere pronti ad accoglierlo nuovamente. Avrà sicuramente un volto più nuovo, ci apparirà più bello, più commovente, più vicino al cuore.

Insegniamo Ai Nostri Figli A Vivere Anche Senza Di Noi

0

Da genitore le riflessioni che nascono sono milioni in un giorno. Una in particolare mi è nata tra un film e una chiacchiera con un’amica.

IL COMPITO PIU’ DIFFICILE PER UN GENITORE E’ INSEGNARE AL PROPRIO FIGLIO A VIVERE ANCHE SENZA DI LUI.

Questo vale per tutti i genitori, biologici e non. Solo che quando si pensa di prendere in affido un bambino, ci si blocca dinnanzi alla possibilità che egli non possa vivere per sempre con noi. Ma non è forse la stessa cosa per un figlio naturale? Certo, sicuramente un figlio biologico sarà lui a scegliere quando e come andare via, mentre un bambino in affido no. Alle volte capita che venga reinserito in famiglia e non si abbiano più rapporti con i genitori affidatari, ma il più delle volte non è così e in ogni caso, il compito per cui siamo chiamati, resta il medesimo.

Ascoltare Con Attenzione Un Bambino E’ L’Atto Educativo Più Importante

0

“Un bambino ha bisogno più di un ascolto che di una buona parola” (Anonimo)

Spesso dinnanzi al problema di un bambino vogliamo offrire soluzioni o consigli. Questo ha un duplice effetto:
-il bambino non si sente compreso, perchè nessuno lo aiuta ad esprimere e a riconoscere ciò che sente
-avverte la supremazia intellettuale dell’adulto e questo da un lato non gli consente di sviluppare la capacità di problem solving e dall’altro mette a rischio la sua autostima.

 Anche l’aiuto non richiesto si può considerare superbia

Come reagire dunque di fronte ad una difficoltà del proprio bambino?

La Separazione E’ Un Atto Di Coraggio E Di Amore

0

La separazione è un atto di coraggio e di amore. 

Coraggio perché si salta al buio. C’è l’ignoto che ci attende oltre quella decisione. Decisione che cambierà inevitabilmente la nostra vita e anche quella dei nostri figli. Non sappiamo quale direzione prenderà la nostra vita, non abbiamo certezze. Solo paure e speranze.

Amore, perché quando si arriva ad una scelta così difficile, dietro ci sono tante notti insonni, tanti pensieri, tanti tentativi. Si dimostra di amare se stessi e i propri figli compiendo una scelta che, ci auguriamo, ci porti nella direzione della serenità.

Come Liberarti Dalle Emozioni Represse Trattenute Troppo A Lungo

0
liberare emozioni ripresse

Le emozioni sono un po’ ciò che colora la tua vita: possono aggiungere degli schizzi vivaci ed allegri ad una giornata oppure dare una sfumatura tetra ad un periodo della tua vita, ma sicuramente avrai già sperimentato un’intera palette di emozioni, a volte anche senza volerlo, senza averne il controllo.

“Non dimentichiamo che le piccole emozioni sono i grandi capitani della nostra vita e che obbediamo a loro senza saperlo.”
— Vincent Van Gogh

Auguri di Passione per il Primo Giorno di Scuola

0

Un nuovo anno scolastico si accinge alla partenza. C’è chi inizia un nuovo percorso, chi continua quello intrapreso. Negli occhi la speranza e la paura, entrambi sentimenti che descrivono l’ignoto.

Cosa mi aspetterà dietro quella porta?

Si sperano tanti sorrisi, abbracci, sorprese, insegnamenti, confronto, amicizie. Si temono insegnanti, inimicizie, ritmi, studio.
Tutti i percorsi saranno segnati da esperienze positive e non, ma partire con il fiato corto ad una corsa non fa mai bene.

Respiriamo, chiudiamo gli occhi, rilassiamoci e partiamo.

Sconfiggere l’ansia dei primi giorni

PER GLI STUDENTI

La meravigliosa missione di vita dei primogeniti

0

I primogeniti sono i figli nati per primi, le persone che possono diventare fratelli o sorelle maggiori oppure rimanere figli unici. In entrambi i casi sono anime speciali giunti per compiere delle grandi imprese.

Innanzitutto trasformano una coppia in una famiglia. Ciò che era prima di loro non tornerà mai più in quella coppia, conducono con un’energia vitale impressionante quella mamma e quel papà in una vita completamente diversa.

Schede da compilare e scuola dell’infanzia: lasciamo al bambino gli anni della fantasia

0

E’ sempre più frequente ormai che già alla scuola dell’infanzia (e giuro, ho sentito anche in alcuni asili nido) i bambini vengano istruiti alla compilazione di schede e materiale didattico e privati di esperienze vive. Milioni di domande si aprono già a questo punto, perchè ci si domanda che bisogno c’è di pre-scolarizzare ulteriormente i bambini, di “insegnare” chissà quale cosa straordinaria che non possano imparare in altro modo. Non si discute il fatto che siano i bambini stessi a voler imparare, ma c’è modo e modo per acquisire varie competenze e non solamente le famose “schede”, che tra l’altro, se utilizzate con cognizione di causa sono anche utili, ma prima c’è tutto un mondo da esplorare.

I genitori non sono i costruttori del bambino, ma i suoi custodi

0

“I genitori non sono i costruttori del bambino, ma i suoi custodi. Essi devono proteggerlo e curarlo in un senso profondo, come chi assume una missione sacra, che supera gli interessi e i concetti della vita esteriore. I genitori sono custodi super-naturali, come gli angeli custodi di cui parla la religione, che dipendono unicamente e direttamente dal cielo, più forti di qualsiasi autorità umana e uniti al bambino da legami indissolubili anche se invisibili. “
Maria Montessori “il segreto dell’infanzia”.

Con queste parole Maria Montessori investe i genitori del ruolo sacro di custodi. Custodi dell’intera umanità che si creerà attraverso l’opera dei loro bambini.