Home Tags Cultura

Tag: cultura

21 Maggio: Giornata Mondiale della Diversità Culturale [Video]

0

Dopo gli attacchi dell’11 Settembre, nel 2001, l’UNESCO ha adottato la Dichiarazione Universale sulla Diversità Culturale, la quale valorizza il dialogo tra le culture come mezzo per garantire la pace e una convivenza armoniosa tra i popoli. Da qui nasce anche la Giornata Mondiale della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo, proclamata dalle Nazioni Unite nel 2002.

Il primo articolo della Dichiarazione recita:

Il Libro Sospeso, un Gesto di Altruismo Gratuito

0

Era nato da un’idea dei napoletani con il caffè, è poi stato passato al pane, in periodo di crisi il pane è un’ottima cosa, ed ora è arrivato ai libri… vi state chiedendo cosa? Il regalare!

Il regalare incondizionatamente qualcosa a qualcuno che non si conosce, ad uno sconosciuto che entrerà nel negozio dopo di voi. Il caffè sospeso ormai è famoso in tutto il mondo, basta entrare in un bar bere un caffè e pagarne due lasciandone uno sospeso per chi verrà dopo. Il pane sospeso nasce forse più per un’esigenza di aiutare le famiglie più in difficoltà, ma è comunque un gesto nobile. Il libro sospeso invece è un gesto importante per rilanciare la cultura e l’empatia verso le altre persone. Rilanciare il voler fare qualcosa per gli altri.

Spose Bambine: Un Problema Etico, Culturale, Morale ed Economico [Video]

0

Il matrimonio precoce è una pratica ancora troppo diffusa nei paesi in via di sviluppo, tanto da mettere in pericolo le vite delle ragazzine. Radicata nella tradizione culturale, affiancata e spronata dalla povertà, la pratica non solo viola le leggi sui diritti umani, ma anche minaccia la stabilità e lo sviluppo economico.

Le convenzioni internazionali proibiscono il matrimonio precoce e definiscono diciotto anni come l’età della maturità.

Petizione per salvare l’arte nelle scuole

0

E’ partita in rete un’altra petizione per cercare di salvare l’arte nella cultura italiana. Come vi avevo già scritto nell’articolo “Abolita una Materia dalle Scuole, l’unica che ci Differenzia dalle Macchine“, le materie artistiche, dopo la riforma Gelmini, sono state drasticamente ridotte, il Ministro Bray aveva raccolto 15mila firme per cercare di ripristinare le ore tolte a queste materie così fondamentali per la nostra cultura artistica, ma la sua richiesta non fu accolta.

Questa petizione è ora rivolta al Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e al nuovo Presidente del Consiglio Matteo Renzi, con la speranza che le 50mila firme richiesta dalla petizione lanciata da Alfonso Pecoraro Scanio, possano questa volta smuovere le acque e dare risalto ai problemi dell’istruzione e della scuola in generale.

Abolita una Materia dalle Scuole, l’unica che ci Differenzia dalle Macchine

0
La Cappella Sistina

Un duro colpo per l’Italia e la sua storia, per quell’Italia fatta di artisti, di opere d’arte, sculture, musei.

La Cappella Sistina

Un duro colpo per la cultura italiana, per quell’Italia che da sempre è il simbolo dell’Arte in tutto il mondo.

I migliori artisti da Giotto a Michelangelo, dal Bernini al Tiziano per non parlare di Leonardo… tutti verranno dimenticati, accantonati, impolverati e messi in soffitta da una cultura disfattista, falsamente all’avanguardia, da una cultura che non si preoccupa del patrimonio culturale di una nazione che potrebbe splendere su tutto il mondo se solo fosse in grado di valorizzare di più la sua arte anzichè nasconderla e addirittura abolirla.

Le chiese di Napoli, un patrimonio culturale in degrado

0
Santa Maria della Scorziata.
Santa Severino e Sossio.

Fanno parte del nostro patrimonio culturale, non è necessario essere cattolici, praticanti o meno per rendersi conto delle opere d’arte contenute nelle chiese, e anche le chiese stesse sono spesso e volentieri opere d’arte, create da antichi costruttori, che contengono una storia da raccontare. Eppure le stiamo perdendo. Sopratutto a Napoli e a parlerne è un ex ricettatore di opere d’arte, che uscito dal carcere ha deciso di redimersi: «So tutt vacant… nun c’è rimasto niente. Qua a Napoli nelle chiese hanno fatto stragi».  «Nelle chiese napoletane non c’è più niente perché sono abbandonate ed è stato facile prendersi tutto. Ce ne stanno tantissime chiuse», assicura.