Andrew Solomon è docente di Psichiatria alla Cornell University e consulente del dipartimento di Psichiatria della Yale University. Ha scritto diversi libri e ha vinto 14 premi nazionali.

Oggi vogliamo parlarvi del suo ultimo libro ma anche e principalmente vogliamo farvi ascoltare un suo discorso.

23 minuti che ogni genitore ma anche ogni educatore dovrebbe ascoltare. 23 minuti in cui si assapora la diversità in tutte le sue forme: la diversità non deve spaventare ma deve essere accolta, compresa e se possibile anche amata. Ogni genitore, quando nasce un figlio, si trova catapultato in un mondo nuovo: spaventa il fatto che una piccola e fragile vita dipenderà da lui stesso. Ma non c’è altro da fare che rimboccarsi le maniche e cercare di capire e poi di agire in modo creativo. Questo è tutto ciò che serve ad un figlio: amore, comprensione e creatività!

Che vostro figlio sia disabile o meno, timido o espansivo, sordo o dislessico, gay o con una gamba sola… egli avrà bisogno di voi!

Eccovi le parole di Andrew Solomon, parole sagge e vere che devono farci riflettere anche riguardo alla concezione della famiglia “normale”:

L’ultimo lavoro di Solomon s’intitola “Lontano dall’albero” ed è una raccolta di racconti narrati da genitori che hanno imparato ad amare i propri figli. Il titolo dell’opera è significativo: si dice, infatti, che il frutto non cade mai lontano dall’albero per indicare che il figlio assomiglia sempre al genitore. Nelle storie del libro, invece, il frutto è caduto molto lontano dall’albero e i genitori hanno dovuto confrontarsi con la diversità di un figlio: bambini sordi, nani, affetti da sindrome di Down, autistici, schizofrenici, con gravi disabilità, bambini prodigio, figli concepiti in uno stupro, giovani che commettono gravissimi crimini, transgender.

Salomon ha incontrato e parlato con 600 famiglie ed ha indagato il concetto di diversità.

Eccovi la presentazione del libro:

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici?

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente su Pinterest e su Twitter