Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Pedagogia

Tag: pedagogia

La Posizione Seduta del Bambino Non va Anticipata

0
posizione seduta

Oggi si è portati a vivere un po’ di fretta e di conseguenza anche a cercare di anticipare sempre un po’ i tempi, e questo viene fatto anche con i bambini, si vuole che siano i primi in tutto e quando questo non accade ci si preoccupa credendo ci siano ritardi o anomalie nello sviluppo motorio e psicologico.

Pensiamo quando non siamo consci di una postura e ci mettono comunque in quella situazione, accade per esempio durante degli esercizi di pilates, l’insegnante ci aiuta a restare in una posizione per noi innaturale e la cosa è alquanto difficoltosa soprattutto i primi tempi; nello stesso modo quando un bambino di pochi mesi viene messo in posizione seduta la sua stabilità non è dettata dalla scoperta della posizione ma da un’imposizione dell’adulto, si troverà quindi in difficoltà.

Il Piano di Studi di una Prima Classe Elementare Steineriana

0
Immagine by www.scuolawaldorfverona.it

La mia bimba frequenta la prima classe di una scuola steineriana. Chi non conosce la pedagogia Waldorf ci pone tantissime domande sulla didattica, sull’aula, sui maestri. Incuriosisce molto questo modo diverso di fare scuola e giustamente ci si chiede cosa c’è di diverso rispetto al metodo tradizionale.

Tutte le scuole italiane hanno stilato un documento importantissimo chiamato PEI, Progetto Educativo d’Istituto, nel quale si ritrovano gli obiettivi, i valori e le modalità per raggiungerli di ogni scuola.

L’Io del bambino: le frasi che lo distruggono e quelle che invece lo aiutano ad esprimersi

0

Quest’oggi voglio parlarvi di una conferenza a cui ho partecipato ieri su “L’importanza del potenziamento cognitivo da 0 a 7 anni“.
Devo dire che sono stata molto ascoltatrice oltre che relatrice e voglio ringraziare l’associazione Sempre Meglio -Better and Better con Rodolfo Cavaliere che mi ha permesso di comprendere che anche altri studi e teorie hanno dimostrato l’importanza dell’approccio al bambino in ogni ambito della sua vita, affiancandosi così a ciò che racconta il metodo Montessori.

Crescere i bambini senza televisione: una scelta coraggiosa, sana e possibile

0

Spesso, quando vengono bambini a casa nostra, entrando in sala la prima domanda che fanno è: “Ma voi non avete la televisione?”. Vuoi che le dimensioni di questo oggetto sono ormai talmente importanti da risaltare immediatamente, vuoi che si notino da subito una luce e un silenzio diversi da quanto mediamente siano abituati…la trovo comunque una cosa agghiacciante.

Anche io e mio marito, da adulti abituati alla routine, con l’arrivo della nostra bambina, anni fa ci siamo posti la domanda e abbiamo fatto questa scelta, radicale, oggi estrema ma quantomai benefica per tutti.

Sabbia Cinetica: Come Farla in Casa e la sua Grande Utilità

0
sabbia cinetica

Tutti hanno giocato almeno una volta con la sabbia, la sensazione di piacere fisico che si prova nel manipolarla è tale che negli anni ’50 Dora Kalff, un’allieva di Carl Gustav Jung, gettò le basi della Sand Play Therapy, ovvero della terapia basata sul giocare con la sabbia.

La prima volta fu sperimentata in Svizzera dove Dora Kalff relazionò il gioco con la sabbia al comunicare e all’esprimersi attraverso la motilità delle mani. In Italia l’AISPT (Ass.Ital.Sand Play Therapy) è stata riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione come scuola di specializzazione alla psicoterapia.

“Cremerutsche”, scivolare sulla crema: ecco come l’Austria prepara i bambini alla prima elementare

0

Un’esperienza di educazione all’integrazione sensoriale nei Kindergarten austriaci

Probabilmente qualcuno di voi da piccolo avrà giocato come me al calcetto saponato, e, a meno che non siate artisti dell’equilibrismo, ve lo ricorderete come una prova tutt’altro che facile!

Al Kindergarten (asilo) di mia figlia, nel Tirolo austriaco, hanno organizzato il Cremerutsche, che letteralmente significa “scivolo sulla crema“. In pratica, hanno messo sul pavimento della palestra un grande tappeto di gomma e lo hanno ricoperto di crema per il corpo e acqua calda. Ogni bambino ha preso con sé un costume da bagno e un asciugamano, è stato a sua volta spalmato di crema dalle insegnanti e via a scivolare sul tappeto! Inutile dire che mia figlia e gli altri bimbi non stavano nella pelle, ma lo scopo non era solo quello di far divertire i piccoli.

10 punti in comune tra Metodo Montessori e Pedagogia del Bosco: la realtà dell’associazione “L’AgriCultura”

3

Realtà “alternative” alle scuole classiche ormai ce ne sono a bizzeffe. Alcune si definiscono con l’applicazione di un metodo, altre invece scelgono altre vie. Ci sono bellissime realtà montessoriane, come anche steineriane o a metodo Reggio children, ma ci sono anche realtà che io definisco “realtà del buon senso”. Ed è di una di queste che voglio parlarvi quest’oggi: l’asilo nel bosco e precisamente del “nostro”, quello dei nostri boschi, del nostro territorio biellese!

image8

L’associazione “L’AgriCultura il bosco dei piccoli” applica i principi delle scuole nel bosco.

Consigli Montessori: come sviluppare la fiducia, l’autostima e l’autonomia nel bambino

0
Child successfully ties shoes - closeup on feet and hands

Negli anni di lavoro al nido e durante questi mesi nella mia ludoteca ho avuto modo di osservare genitori e bambini di ogni genere. La difficoltà più grossa che noto nei genitori è quella di lasciar provare il bambino. Lasciarlo libero di sperimentare, di sbagliare e di autocorreggersi, nel rispetto dell’ambiente.

LEGGI ANCHE —> Montessori: sbagliare è umano, correggere è diabolico

I 7 insegnamenti della scuola Waldorf per i genitori

3

I miei bimbi frequentano una scuola materna Waldorf. Loro vivono quest’esperienza rispettati in tutto e per tutto: mi ritrovo spesso a commuovermi dinnanzi a questo profondo rispetto nei loro confronti che mai ho sperimentato prima d’ora.

Il loro carattere, i loro tempi individuali, i loro tempi di bambini… non vengono vissuti come capricci, problemi, fastidi da risolvere il prima possibile ma come spunti per comprenderli a fondo e aiutarli a vivere in armonia.

Come ritrovare i nostri ritmi in connessione con la natura

0
Immagini tratte dal web da cartoline che si trovano nelle scuole Waldorf

IL RITMO DELLA VITA – gioia, salute, serenità, crescita, apprendimento connessi ai propri tempi e a quelli della Natura.

“Le cose di per sé non rappresentano nulla, se non nella successione con cui si riferiscono l’una all’altra”

Rudolf Steiner

Mai come in questo periodo dell’anno, dopo i viaggi e le pause estive, tutti noi sperimentiamo impellente la necessità e la fatica di rientrare nei nostri ritmi, luoghi, abitudini quotidiani abbinati al bisogno profondo di rinnovamento, sia per gli adulti che ancor più per i bambini.
Ed è proprio in uno di questi momenti, anni fa, che ideai il ciclo di eventi creativi famigliari ispirati alla pedagogia steineriana e ai ritmi della natura, per cercare di offrire ai bambini e alle loro famiglie un modo semplice e gioioso di ricollegare se stessi, tra loro e con la vita.