Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Lavoro

Tag: lavoro

Michelle Hunziker al lavoro subito dopo il parto: una scelta che significa tanto

2

Michelle Hunziker è tornata al lavoro una settimana dopo aver partorito.

Una scelta che significa tanto.

E’ giusto non accudire personalmente un neonato di appena una settimana? E’ giusto ritornare al lavoro nell’immediato? E’ giusto diffondere un modello di emancipazione femminile che però nulla a che vedere con il ruolo materno?

Il messaggio che invia, volontariamente o meno, questo atteggiamento è che prendersi del tempo per accudire una nuova vita non è cosa buona nella nostra società: vi sono ormai molteplici sostituti materni che possono farlo al nostro posto. In questo modo siamo donne libere di ricominciare a fare ciò che vogliamo.

Dal Vendere Accendini ad Ingegnere Civile: La Storia di Rachid

0

Rachid Khadiri Abdelmoula oggi è un dottore in Ingegneria Civile, ma fino a poco tempo fa, vendeva accendini e fazzolettini davanti all’ateneo di Torino.

Rachid è dal 1998 che “bazzica” Palazzo Nuovo, è arrivato a Torino che aveva appena 12 anni, indosso sempre un parka, cappuccio in testa e poche parole, chi girava per Torino lo conosceva, e se non conosceva Rachid, sicuramente conosceva il fratello Said, famoso marocchino piemontese, che ha fatto del dialetto il suo punto di forza: “Ciau, mè amis cata ‘n fassolèt…”.

Soddisfa la Tua Anima, un Fumetto che Insegna Molto

2

Una vita che rifletta i tuoi valori e soddisfi la tua anima è una cosa rara.

In una cultura che promuove l’avarizia e l’eccesso come esempi positivi, una persona che vuole perseguire il suo “lavoro”, è considerata eccentrica, se non sovversiva.

L’ambizione è compresa solo se è finalizzata a raggiungere il gradino più alto di un’immaginaria scala del successo.

Chi decide di fare un lavoro poco impegnativo perchè gli permette di avere tempo per altre attività o interessi, è considerato uno sfaticato.

Una persona che abbandona la carriera per stare a casa e crescere i figli è considerata incapace di esprimera il suo potenziale.

Al lavoro: in bicicletta o in auto? Eccovi il video che spiega le differenze

0

Andare al lavoro in bicicletta è di certo una buona abitudine. I vantaggi sono su tutti i fronti: si svolge esercizio fisico, è un’attività che promuove il buonumore, si è ecologici, si risparmia denaro e a volte anche il tempo.

Certo, non è sempre possibile: basti pensare ai giorni di maltempo o durante i mesi più freddi dell’anno (la strada ghiacciata è pericolosa!). Inoltre bisogna valutare anche dove si vive: nelle grandi città italiane recarsi al lavoro in bicicletta è purtroppo un pò impossibile. Pensiamo allo smog che ci respiriamo oppure alla pericolosità del traffico laddove non esistono le piste ciclabili (e sono davvero poche in Italia!).

Industria del cacao: donne e bambini schiavi da 2 euro

0

La notizia arriva dall’Oxfam che ha classificato le politiche adottate dalle 10 maggiori aziende del settore alimentare su 5 tematiche precise:

  1. il rispetto dei diritti dei lavoratori e dei contadini impiegati nella loro filiera nei paesi in via di sviluppo;
  2. l’attenzione alla tematica di genere;
  3. la gestione della terra e dell’acqua utilizzate nel processo produttivo;
  4. le politiche di contrasto al cambiamento climatico;
  5. la trasparenza adottata dall’azienda nella propria attività

La campagna di Oxfam si focalizza su 10 delle più potenti aziende del settore alimentare che sono: Associated British Foods (ABF), Coca-Cola, Danone, General Mills, Kellogg’s, Mars, Mondelez Internatonal (ex Kraft Foods), Nestlé, PepsiCo e Unilever .

RC Auto contraffatte: ecco le agenzie non sicure

0

Si gioca al risparmio in questo periodo di crisi è ovvio, e anche quando si tratta di assicurare la propria vettura si cerca la compagnia che offre il miglior prezzo. A volte ci sono differenze di 200€ da una all’altra ma fate attenzione alcune agenzie non sono abilitate ad operare!

A dare l’allarme è l’Ivass, istituto di vigilanza sulle assicurazioni, che tiene aggiornato il sito dove poter leggere i nomi di compagnie d’assicurazione non abilitate per l’Rc auto o polizze contraffate.

Imprenditore malato lancia annuncio «Creerò 50 posti di lavoro in più»

0

Angelo Corigliano lancia un annuncio e lo fa acquistando una pagina del Corriere della sera, l’annuncio recita così «Creerò 50 posti di lavoro in più».

L’imprenditore sessantenne  presidente dell’azienda Itex srl, ha scoperto di essere malato, la cosa lo ha fatto riflettere talmente da prendere una decisione importante, entro un anno vorrebbe «dare un piccolo contributo al rilancio del nostro Paese» cosa che a lui darebbe infinita soddisfazione.

Più cinquanta posti di lavoro in meno di un anno, uguale infinita soddisfazione. E’ questa la scritta sottostante alla equivalente formula matematica che campeggia sulla pagina a pagamento del “Corriere della Sera”.

Working Capital Accelerator premia i migliori progetti di ricerca

0

Chi non ha nella propria mente un’idea che vuole realizzare? Un progetto a cui tiene e che vuole mettere in pratica? Bene, questo è il momento giusto per concretizzare i propri sogni imprenditoriali!

Si può partecipare a Working Capital Accelerator inviando il proprio progetto: 20 grant di ricerca da 25 mila euro negli ambiti digital, internet, green.

Un’occasione davvero da non perdere! Non lasciate le vostre idee chiuse nella mente: se provate ad esporle potreste avere un duplice risultato.

Innanzitutto riuscirete finalmente a capire se effettivamente è una buona idea imprenditoriale (verrà analizzata e giudicata da una giuria di alto livello) ed in secondo luogo potreste avere la possibilità di vederla realizzata.

Gli Italiani tornano ad emigrare in Svizzera

0
emigrazione

emigrazioneUna delle normali conseguenze delle crisi economiche è l’emigrazione, e gli italiani che sono un popolo di migranti, lo sanno bene. Erano decenni, però, che i flussi migratori dall’Italia avevano intrapreso una costante flessione, eccettuata da qualche timida ripresa negli anni ’90, ma l’aggravarsi della situazione ci ha fatto tornare indietro con migliaia di cittadini italiani che hanno ripreso la via dell’emigrazione. Una delle mete per non dire la principale in questo particolare momento storico che intraprendono i nostri concittadini alla ricerca di un lavoro e di un futuro migliore, sembrerebbe ancora una volta la vicina Svizzera.