Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Bracconaggio

Tag: bracconaggio

Rinoceronti: non solo un corno da vendere!

0

L’aumento di bracconaggio dei rinoceronti, registrato negli ultimi anni in Asia e in Africa,  ha portato la specie un passo al di là del solo “rischio” di estinzione, facendo presupporre che con buona probabilità quest’animale possente e antico possa scomparire ben presto da nostro paese.

Questo stato di emergenza ha portato le associazioni ad agire su molti fronti, tra le varie soluzioni possibili si è pensato, oltre alla più ovvia di spostare i rinoceronti in zone protette, a quella più particolare ed estrema di tagliare il corno in modo da far perdere interesse ai bracconieri.

rinoceronti1

Stop al bracconaggio: la Cina distrugge 6 tonnellate di avorio d’elefante

0

Qualche giorno fa lo stato della Cina, con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica contro il bracconaggio degli elefanti, ha distrutto oltre 6,15 tonnellate d’avorio provenienti dal commercio illegale di zanne d’elefante.

Si è trattato di un’azione simbolica che la Cina, tra il più grande consumatore mondiale di avorio, ha voluto fare per sostenere la campagna internazionale lanciata dal WWF a sfavore del bracconaggio degli elefanti e del mercato illegale delle zanne dei pachidermi.

Il sorriso della Tigre

0

 

La tigre è uno degli animali più maestosi che esistano al mondo, ma quelle del santuario buddista sembrano dei gattoni mansueti.

Nella foto del “sorriso della tigre” un monaco gioca con le guancie della bestia mostrando le zanne in una sorta di sorriso, chissà se l’animale prenderà bene questo tira e molla delle sue guance pelose?

Il monaco buddista thailandese lo fa con una delle tigri allevate presso il Tempio Tiger nella provincia di Kanchanaburi, in Thailandia, dove dal 1994, per contrastare i bracconieri, gli animali vengono accolti, custoditi e allevati a contatto con l’uomo, tanto da essere uno dei pochi, se non l’unico, luogo dove è possibile accarezzare una tigre libera

Bracconieri e cacciatori entrambi pongono fine ad una razza

0

Pilar era l’ultimo della sua specie, un biancone, un grande rapace che era seguito proprio per questa sua triste caratteristica.

Un gruppo di ricercatori ne stava seguendo le rotte per monitorare gli spostamenti dei rapaci, il naturalista Giacomo Dell’Omo, presidente dell’associazione no profit Ornis Italica si unisce all’indignazione dei colleghi che seguivano il progetto Birdcam.it, attività che consentiva di monitorare la vita nei nidi dei rapaci e non solo.

Bracconieri nel parco nazionale d’Abruzzo

0

Fra una settimana si festeggeranno i 90 anni di apertura del parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, ma sembra proprio che non sarà un lieto evento visto che nonostante dovrebbe essere un parco sicuro per la fauna, i bracconieri riescono ad entrare e a fare i loro sporchi traffici.

Infatti in questi giorni sono stati ritrovati i corpi di due lupe, uccise a fucilate dai bracconieri. Una delle due lupe, aveva partorito solo un paio di mesi fa, per cui i suoi piccoli, forse cinque, sono sicuramente morti poco dopo, a denunciarlo è il WWF preoccupato per le specie protette che abitano il parco.

Squalo toro mutilato

0

Lo squalo toro è un animale in via d’estinzione ma è anche un animale ricercato e vittima di bracconaggio per le sue pinne.

In Australia nel Nuovo Galles del Sud sulle rive della costa settentrionale è stato ritrovato un esemplare di questo animale (Carcharias Taurus) privo di pinne dorsali.

Lo squalo fa parte delle specie a rischio, e conta al di fuori dell’Australia orientale solo 1.000-1.500 esemplari, scampati all’estinzione.
Sull’insolito ritrovamento è stata aperta un’inchiesta e le autorità, sono alla ricerca di testimoni oculari, per carcare di spiegare il perchè del gesto barbaro.

Edoardo Stoppa testimonial della Lipu contro il bracconaggio

0

La LIPU (Lega Italian Protezione Uccelli) si sta impegnando a fondo contro il bracconaggio e ha scelto come testimonial per la  sua campagna il noto inviato di Striscia la Notizia Edoardo Stoppa dove nel video, che trovate allegato, invita invita il pubblico a firmare l’appello della LIPU e a documentarsi sulla grave situazione del bracconaggio nel nostro Paese.