Lavoro
Notizie
Primo piano

6 ore di lavoro e stessa paga: ecco la proposta di questo sindaco

Di Valeria Bonora - 15 Aprile 2014


In Svezia è stato proposto di fare una prova di un anno durante il quale alcuni funzionari pubblici saranno testati con un nuovo orario di lavoro e con stipendi identici a quelli di chi seguirà gli orari tradizionali.
L’idea nasce per ridurre le assenze per malattia e incentivare la produzione. Il personale che aderisce a questo progetto lavorerà 30 ore settimanali, quindi 6 ore al giorno, e il loro lavoro sarà paragonato ad altri lavoratori che invece lavoreranno 8 ore al giorno per un totale di 40 ore settimanali. A fine anno verrà valutata la produttività e nel caso quella del primo gruppo fosse maggiore, l’orario ridotto sarà esteso a tutti i dipendenti comunali.
Questa iniziativa nasce dall’esperimento avviato dal comune di Göteborg, in Svezia, dove il vicesindaco Mats Pilhem spiega i motivi di questo orario:

Speriamo che così diminuiscano i giorni di assenza dal lavoro per malattia e che psicologicamente e fisicamente gli impiegati si sentano meglio. La speranza è che i membri dello staff prenderanno meno giorni di malattia e che si sentano meglio fisicamente e mentalmente dopo aver lavorato meno ore al giorno e avere più tempo libero a disposizione.

Il partito di opposizione dei Moderati, l’opposizione, ritiene l’esperimento “disonesto e populista“.
Il comune non è comunque il primo a intraprendere l’iniziativa, infatti già un’industria automobilistica di Göteborg aveva intenzione di attuare e far seguire ai suoi dipendenti questo orario in altre zone della Svezia.
Il vicesindaco spera che l’iniziativa porti i risultati sperati per poter così creare più posti di lavoro. Ma è ben fiducioso visto che ha riscontrato che in ogni caso i turni lunghi hanno sempre generano più inefficienza, soprattutto nei settori dove la pazienza è fondamentale ed è strettamente legata allo stress come ad esempio l’assistenza agli anziani dove i problemi che si creavano non erano dati dalla mancanza di personale, ma dalla scarsa produttività di chi lavorava per periodi più prolungati.
[Fonte Worky.biz]

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici?
Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente su Pinterest e su Twitter e non dimenticate di iscrivervi alla newsletter, presto tantissime novità!!





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)