Elefanti uccisi in Camerun

Una vera e propria strage è quella accaduta in Camerun: oltre 300 elefanti uccisi barbaramente dai bracconieri.

Questo massacro è stato filmato dal Wwf che ha ripreso delle immagini davvero forti e violente. La stessa associazione dichiara: “la caccia di frodo degli elefanti in Africa ha raggiunto livelli record, e gli elefanti di foresta dell’Africa centrale sono stati i più colpiti. Decine di migliaia di esemplari vengono barbaramente uccisi ogni anno per l’avorio delle loro zanne, che vengono per lo più trafficate nei mercati asiatici“.

Elefanti uccisi principalmente a causa del commercio illegale d’avorio.

Cosa fare per porre fine a questa strage che si ripete continuamente?

Il Camerun ha deciso di reclutare nei prossimi anni 2500 nuovi rangers per difendere le aree protette del paese. Ma questo basterà?

L’appello di Massimiliano Rocco, responsabile del Programma specie del WWF Italia sembra voler arrivare ai vertici più alti del governo. Egli infatti dichiara: “chiediamo ai governi dell’Africa Centrale di porre fine al bracconaggio e al commercio illegale di avorio e ai crimini contro la fauna selvatica“.

Speriamo che le immagini di questo massacro servano a far riflettere il mondo e chi di dovere.

Per vedere il video girato dal Wwf andate a questo link http://www.youtube.com/watch?v=a07mz15XRo0. Vi ricordiamo però che le immagini sono davvero forti.

Fonte: Ansa.it

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 11/08/2012
Categoria/e: Animalismo, Maltrattamento, Primo piano, Sfruttamento.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655