Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Uova

Tag: uova

Ragù, Formaggio o Frittata Senza Carne, Latte o Uova è Corretto Chiamarli così?

0
Ragù

Che siate vegani o meno, vi sarà capitato più volte di non sentirvi completamente a vostro agio a parlare di  “ragù veg”, “fari-frittata” o di “tiramisù” per descrivere dei manicaretti senza cibi animali.
Dopo tutto, senza uova, latte o carne, quei piatti non sarebbero quello che sono.
Giusto?
A volte no…

NEOLOGISMI Sì, NEOLOGISMI NO

Il mondo vegano è diviso in due fronti in questo campo.
C’è chi preferisce usare neologismi od eufemismi al fine di:

1) far notare che questi piatti hanno qualcosa di diverso dagli altri
2) evitare che amici onnivori si mettano a fare spiacevoli paragoni

La Nascita della Tradizione dell’Uovo di Pasqua

0
Tradizione dell'Uovo di Pasqua

Da sempre le uova rivestono il ruolo di simbolo della vita e della sacralità, già nei secoli lontani alcune credenze pagane e mitologiche narravano che cielo e terra fossero due emisferi che creavano un unico uovo; anche gli Egizi erano affascinati da questa forma particolare tanto da farlo coincidere con il fulcro dei quattro elementi dell’universo (acqua, aria, terra e fuoco).

Il donare uova come tradizione la possiamo trovare già nell’antica Persia, dove le uova di gallina venivano regalate per annunciare l’arrivo della primavera, quando gli uccellini iniziavano a prepararsi il nido per deporre le uova, era sintomo che il freddo era ormai passato; in molte culture come quelle egizie, greche e cinesi, le uova venivano decorate a mano, e in molte altre culture si sono ritrovati resti di uova di creta, addirittura le statue di Dioniso trovate nelle tombe in Beozia hanno un piccolo uovo in mano simbolo del ritorno alla vita.

Triturazione di Pulcini Vivi: la Germania dice BASTA

3
Triturazione di Pulcini Vivi

Ve ne avevamo già parlato di questa pratica brutale e direi anche piuttosto barbara di tritare i pulcini maschi VIVI, i video sono strazianti per chiunque abbia un minimo di empatia e sensibilità, ma anche per chi non ne ha, infatti il lavoro di “sessatore di pulcini” non lo vuole più fare nessuno, in fondo come si fa a stringere tra le mani un giallo batuffolino pigolante e decidere se vivrà o morirà? Che poi anche questa scelta di farli vivere non è che sia delle migliori, infatti se i maschi hanno un destino segnato, le femmine non vivono una vita degna di questo nome, le viene tagliato il becco attraverso una macchina apposita che la condannerà ad una vita di dolore, viene stipata in stie dove non può aprire le ali e senza un pavimento adeguato alle sue zampette, viene sfruttata fino alla morte per produrre uova su uova… e se si ammala o ferisce di sicuro non viene curata, per gli allevatori sono solo dei numeri e praticamente nessuno spende soldi per curare una gallina, preferiscono lasciarle morire tra atroci sofferenze.

Maltrattamento animale: salvati 74 pulcini dal tritacarne [Video]

0

maltrattamento-animale-video-pulcini

Un maltrattamento animale davvero crudele e orribile che accade però più di quanto si pensi. Settantaquattro piccoli pulcini destinati a un tritacarne. Il motivo? Perchè “imperfetti”.

E’ questo quanto successo in Italia e, in linea generale, quanto succede in tutti gli allevamenti intensivi.

E’ la dura e crudele realtà di questi allevamenti, che come noto utilizza tecniche industriali e scientifiche per ottenere la massima quantità di prodotto al minimo costo e utilizzando il minimo spazio, tipicamente con l’uso di appositi macchinari e farmaci veterinari.

La gallina libera del contadino dietro casa: un’opzione etica?

4

L’immagine è una delle più idilliache, non si può negare:  un gruppo di galline libere e felici,  un giardinetto selvatico dietro casa in campagna, la mano di una bambina che cerca le loro uova sotto la paglia per poi metterle delicatamente in un paniere, e poi la mamma o la nonna che utilizzano sapientemente queste uova per farne una torta o una frittata per il pranzo della domenica.

Taranto: tracce di dossina e Pcb nelle uova di alcune masserie nell’agro di Martina Franca e di Crispiano

0
Immagine da: www.vivavoceweb.com

Lo scorso 8 Gennaio il Fondo Antidiossina ha lanciato un allarme dopo che, a seguito di alcune analisi, sono state trovate tracce di diossina e Pcb (policlorobifenili) nelle uova prelevate da alcune masserie nell’agro di Martina Franca e di Crispiano, in provincia di Taranto.

Immagine da: www.vivavoceweb.com

Allarme che è stato confermato anche dai dati ufficiali acquisiti dalla onlus e redatti dal Dipartimento di Prevenzione della Asl di Taranto e dell’Istituto Zooprofilattico di Puglia e Basilicata.

Fabio Matacchiera, presidente del Fondo Antidiossina, è tornato sulla questione dopo aver ottenuto i rapporti di prova con cui già in passato l’Asl aveva certificato la presenza degli inquinanti nelle uova.

Allarme Uova Avvelenate

3

Le Asl Lombarde hanno esaminato le uova degli allevamenti ed il 76% di esse sono risultate avvelenate.

Diossina e policlorobifenili (PCB – inquinanti persistenti dalla tossicità pari quella della diossina) sono stati trovati in 23 allevamenti su 30 esaminati.

L’avvelenamento coinvolge allevamenti che si trovano a Milano, a Sesto San Giovanni, a Monza e lungo il Lambro, fino ad arrivare a Mantova e paesi limitrofi come Marmirolo e Borgoforte.

La diossina è classificata come sicuramente cancerogena e inserita nel gruppo 1, Cancerogeni per l’uomo dalla IARC. La diossina è solubile nei grassi dove tende ad accumularsi e nelle uova ne è stato trovato un tasso decisamente superiore a quello consentito dal limite europeo di 5 picogrammi per grammo di grasso.

Uova: ecco come sostituirle in cucina per le nostre ricette

1

Sostituire le uova nelle comuni ricette non è una scelta che riguarda solo i vegani, ma diventa un obbligo per chi ne è intollerante o allergico o per chi, per esempio, deve preparare una ricetta e si ritrova senza uova in casa..

Ma è possibile sostituire le uova? Assolutamente si. Dobbiamo ricordare, infatti, che le uova vengono impiegate in cucina per due motivi: per facilitare la lievitazione oppure per amalgamare meglio gli ingredienti. Il tipo di sostituto, dunque, dipende dallo scopo per cui sono usate le uova nella ricetta originale e dal numero di uova usate: è buona regola generale, infatti, sapere che se in una ricetta sono previste 3 o più uova allora la sua funzione potrà essere solo lievitante.

Mangio uova: che c’è di male?

5

Solitamente chi si ciba di prodotti animali non sa o non vuol sapere cosa c’è dietro alla loro produzione.

Io però sono convinta che l’informazione, seppur spesso difficile da accettare, rende liberi, coraggiosi, consapevoli e veri.

La domanda che ci poniamo oggi è “Mangio uova: che c’è di male?”.

La risposta è “Tutto!”.

Non rappresentano assolutamente un cibo indispensabile all’uomo. Anzi dal punto di vista nutritivo presentano un eccessivo contenuto di colesterolo, così dannoso per la salute umana.

Andrebbe quindi drasticamente ridotto il loro consumo o meglio eliminato. Ciò non è sempre facile: le uova, infatti, si trovano in tantissimi prodotti confezionati. Meglio leggere sempre le etichette di ciò che acquistiamo!

Il ragazzo ucciso perchè salvava le tartarughe

1

In CostaRica nidifica un raro esemplare di tartaruga gigante chiamato baulas, arrivano fino a 300 chili e arrivano a terra, di notte per deporre le uova, e li avevano un difensore Jairo Mora Sandoval, di 26 anni che amava quelle bestie più di della sua vita. E purtroppo ha pagato questo amore proprio con la sua vita.

Aveva ricevuto molte minacce da coloro che seguono le tartarughe per rubare le uova e rivenderle al mercato nero per un dollaro l’una, un dollaro per un animale in via di estinzione, e poi l’uso che se ne fa di queste uova è assurdo, strani afrodisiaci o pozioni magiche per ogni sorta di rituale.