Home Tags Mare

Tag: mare

Slow Life: 150 mila scatti per restare incantati

0

Nove mesi di lavoro per raccontare il mondo lento, sommerso ed incantato di spugne e coralli.

Slow Life è un documentario “sottomarino” realizzato da Daniel Stoupin, 150 mila scatti montati alla perfezione per incantarci con la lentezza e l’eleganza di questo mondo sommerso i cui movimenti possono essere ripresi solo grazie al timelaps. Come danzatori giapponesi di Butoh coralli e spugne trasformano ogni loro movimento in un lento istante di perfezione.

Porto Rico: pareti rocciose proteggono una baia da onde gigantesche, è un vero spettacolo [VIDEO]

0

A seguire vi mostreremo uno straordinario e incredibile video che mostra una bellissima spiaggia di Porto Rico, la quale viene protetta dalle gigantesche onde dell’Oceano che si infrangono violentemente e di seguito contro una parete rocciosa che funge da protezione della piccola baia di Playa Puerto Nuevo, che si trova a Vega Baja, una città situata sulla costa settentrionale dell’isola.

Da come potrete vedere si tratta di una vero e proprio posto incantevole: viene paragonato al paradiso terrestre! Inoltre una volta che l’enorme onda si infrange sulle pareti rocciose, gli schizzi raggiungono un’altezza elevata, formando un vero e proprio spettacolo naturale che lascia tutti increduli e a bocca aperta.

Jason deCaires Tailor l’artista del mondo sommerso

0

L’arte deve essere viva, deve riuscire a far parte del mondo che la circonda, in un modo o nell’altro, oggi come agli albori della storia dell’uomo, deve riunire in se creatività e comunicatività, il contenuto non deve prescindere dalla forma, il senso dev’essere aperto al non senso in modo che il fruitore possa ritrovarvisi, in ogni caso e comunque,deve accogliere, deve aprire le braccia ai cuori sensibili di chi la fruisce.

Non tutti gli artisti contemporanei sono capaci di quel senso del “magico” non tutti sono capaci di creare quell’atmosfera incantata che fa di un’opera d’arte un capolavoro.

Lo Spettacolare Video della Migrazione dei Delfini ripreso da un Drone

0

Per quanto riguarda la migrazione dei delfini, un simile evento si è verificato esattamente un anno fa nella stessa zona. E lo stesso l’anno precedente ancora.
La ricorrenza dell’episodio a 12 mesi di distanza, e la coincidenza di luogo fanno pensare che si tratti di un pattern migratorio ricorrente.

Il Capitano Dave Anderson ha girato a Dana Point, in California, uno dei video più belli che si possano vedere, cinque minuti di riprese fatte dal suo gommone attraverso un drone con telecamera ad alta definizione costato ben 1.700 dollari.

Sale marino: tanti usi quotidiani

0

Indispensabile per la vita, il sale contiene tutta l’energia del sole e del mare da cui nasce. Per noi ormai è una sostanza data per scontata, in apparenza quasi insignificante, tanto è comune e poco costosa.

Eppure il sale ad esaminarlo con attenzione è un prodotto della natura davvero straordinario! E’ il frutto di un lungo processo di dissoluzione e purificazione: dalle rocce frantumate e scomposte l’acqua estrae il cloro e il sodio portandoli al mare. Qui il calore del sole mette in atto un secondo lentissimo processo di depurazione e perfezionamento facendo evaporare l’acqua.

Ha solo 6 Anni ed ha Mobilitato Tutti gli Animalisti degli Stati Uniti [Video]

0

 

Ha solo cinque anni Cash quando si intrufola di nascosto nel salotto dei genitori, per vedere il film-documentario sulle Orche MarineBlackfish.

Credit foto
©Pexels

Cash era determinato a vedersi tutto il film di nascosto visto che i genitori glielo avevano proibito per la violenza e la tristezza delle scene… ma Cash non ce l’ha fatta a vederlo tutto, sconvolgente già per un adulto figuriamoci per un bimbo.

L’incredibile tesoro nascosto dietro i granelli di sabbia: gli scatti fotografici di Gary Greenberg

0

La sabbia è una roccia sedimentaria clastica sciolta, proveniente dall’erosione di altre rocce tra le quali l’arenaria (roccia sedimentaria).

Ma la sabbia può formarsi anche attraverso precipitazioni chimiche da acque sovrasature in ioni (ipersaline) e per accumulo di scheletri e gusci di organismi, come ad esempio le conchiglie.

La sabbia è il classico esempio di materiale granulare: ogni singola particella che la compone è infatti chiamata “granello di sabbia”.

Nessuno direbbe mai che dietro un minuscolo granello di sabbia possa nascondersi una vera e propria opera d’arte, un tesoro della natura.

Ritrovato dopo 28 anni un messaggio in bottiglia… ecco cosa diceva

0

Era partito dal Canada 28 anni fa, dentro una bottiglia, perfettamente conservato. Si tratta di un messaggio ritrovato da una surfista, Matea Medak-Rezic,  sulla costa meridionale della Croazia, precisamente sulla spiaggia di Ploce, la bottiglia affiorava dalla sabbia in un punto dove il fiume Neretva sfocia nel mare Adriatico, non lontano da Spalato.

Matea originaria della città di Desne, stava ripulendo la spiaggia con un gruppo di amici del club Split in vista dell’arrivo della stagione del surf. E’ stato allora che ha notato la bottiglia: «L’ho presa insieme ad altre bottiglie, e ho notato che all’interno vi era un biglietto umido con su scritto in inglese: “Mary, sei una persona meravigliosa. Spero che riusciremo ad avere una corrispondenza, io ti scriverò. Il tuo amico per sempre, Jonathon. Nuova Scozia, 1985» ha raccontato la ragazza al giornale che poi ne ha dato la notizia, il Dubrovacki Vjesnik.

L’orca bianca Iceberg è tornata

0

 

E’ stata avvistata nei mari Kamchatka, vicino all’isola di Bering in Russia, da un team di ricercatori guidato da Erich Hoyt, esperto della Whale and Dolphin Conservation Society (Wdcs). Era dal 1972 che non se ne avvistavano, «Abbiamo visto altre due orche bianche in Russia ma erano entrambe giovani», ha detto il dott. Hoyt alla BBC News. «Iceberg invece è adulta, lunga due metri e di almeno 16 anni», ha aggiunto. Di seguito potete vedere un video dello straordinario animale che nuota insieme ai suoi simili.

Marea Nera: si teme per il cargo incagliato al largo della Nuova Zelanda

0
cargo_rena

cargo_renaCapita spesso, quasi troppo spesso, e adesso è capitato nuovamente, in Nuova Zelanda. Al largo della bay of Plenty si è incastrata due giorni fa e adesso minaccia un disastro ambientale di vaste proporzioni. Si tratta della nave cargo Rena, registrata in Liberia ma di proprietà dell’armatore Greco Costamare Inc., è lunga bel 236 metri e trasporta ben 2.100 container ed ha nella stiva circa 1.700 tonnellate di carburante, che se iniziassero a fuoriuscire potrebbero creare un disastro ambientale di proporzioni enormi, anche se c’è la concreta possibilità di evitarlo. Infatti ecco la dichiarazione in merito del Ministro dei Trasporti del Governo Neozelandese Nick Smith “potrebbe diventare la peggiore catastrofe ecologica marittima degli ultimi decenni in Nuova Zelanda“.