Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Allattamento

Tag: allattamento

Quattro piccoli Ricci Adottati da una Gatta [Video]

1

In un villaggio una mamma riccio morì, e lasciò i suoi 4 piccoli riccini orfani. Sembra il triste inizio di una triste storia, ma non è così, perché a questo punto della storia arriva l’eroe che in questo caso è la gatta Sonya che come ogni mamma ha un cuore grande e adotta i 4 piccolini.

Ora Sonya ha un gattino, il suo cucciolo, e quattro piccoli ricci da sfamare ed accudire.

 

OMS: i latti di proseguimento e di crescita non sono necessari e non sono idonei a sostituire il latte materno

1

Viviamo in una società davvero malata. Siamo arrivati al punto che preferiamo nutrire i nostri bambini con latti diversi da quello materno.

I motivi per cui lo facciamo sono tanti ma possono essere ricondotti a uno solo: una campagna di marketing massiccia e subdola dei prodotti alimentari della prima infanzia. Complici più o meno consapevoli di questo “complotto” risultano essere i pediatri, gli ospedali e tutte quelle figure mediche che hanno a che fare con la prima infanzia e che consigliano i latti di proseguimento e di crescita. Se poi aggiungiamo a questo anche il fatto che la nostra società non fa molto per promuovere, sostenere ed incoraggiare l’allattamento al seno il gioco è fatto!

Zoe, la bassotta che allatta i gattini adottati – Video

0

Non è la prima volta che raccontiamo una storia del genere. Certo è che ogni volta fa sempre riflettere…

Accade a Firenze. Dei mici appena nati sono stati abbandonati lungo una strada. Il fidanzato di una giovane studentessa di veterinaria amante degli animali ha deciso di prenderli e portarli dalla sua ragazza, Ilaria, che non ha esitato ad ospitarli con sè.

Ilaria li ha presentati alla sua bassotta Zoe di 7 anni. E’ stato amore a prima vista: la cagnolina li ha immediatamente adottati. Li pulisce e li coccola ma ciò che stupisce di più è che li allatta amorevolmente entrambi.

Ecco perchè i bimbi africani non piangono

9

mamma_africana2

Ho tradotto per voi questa splendida storia di J. Claire K. Niala una donna africana che vive nel Regno Unito e che racconta i primi mesi della sua vita insieme a quella della sua bambina, racconta di come non è stato facile e di come ha affrontato le difficoltà ma soprattutto racconta di come ha capito che bisogna saper “leggere” i nostri figli…

Sono nata e cresciuta in Kenya e Costa d’Avorio e dall’età di 15 anni ho vissuto nel Regno Unito. Tuttavia, ho sempre saputo che volevo crescere i miei figli (quando li avrei avuti) a casa in Kenya. Si ero certa che ne avrei avuti.

Il video della cagnolina che produce il latte per il gattino adottato

0

Accade nel Minnesota. La cagnolina Mittens è una dolce pechinese di cinque anni. Ha trovato nel giardino di casa dove vive un piccolo micino abbandonato e senza pensarci sopra più di tanto ha deciso di aiutarlo e di tenerlo con sè.

Dopo tre giorni amorevoli cure, Mittens ha incominciato a produrre latte per il cucciolo diventato ormai figlio adottivo. E grazie al latte di questa mamma speciale il gattino, all’inizio denutrito e debole, è in perfetta forma.

Chi bada ai due animali lo ritiene un miracolo. Questa la sua dichiarazione: “Si tratta di un vero miracolo se si pensa che Mittens ha partorito l’ultima volta ormai due anni fa”.

Svezzamento: quando iniziare?

0

La maggior parte dei pediatri dà ai genitori indicazioni sullo slattamento (chiamato anche svezzamento) non in linea con i consigli dettati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Solitamente infatti i pediatri consigliano di iniziare lo slattamento verso i 4-5 mesi. Un’età davvero precoce: la maggior parte dei bambini non ha ancora i denti, non mantiene la posizione seduta, non è interessata al cibo diverso dal latte.

E allora quando è giusto iniziare lo svezzamento?

L’OMS raccomanda l‘allattamento al seno esclusivo (senza assaggi e quant’altro) fino al sesto mese di vita del bambino. Poi ogni bimbo è un caso a sè ma dai sei a circa 10 mesi è il periodo indicativo più adatto per iniziare questo grande cambiamento.

Allattamento nei mammiferi: amore allo stesso modo!

1

I mammiferi rappresentano gli unici animali in grado di allattare: le mamme di tutti i cuccioli producono il latte per i propri piccoli e questi lo berranno fino a quando non saranno in grado di mangiare cibo solido in modo autonomo.

Le mamme umane dovrebbero prender spunto dagli animali per quanto riguarda l’allattamento: nessun orario, a completa disposizione del piccolo (cioè a richiesta), nessun vincolo nella durata (quanto allattare? 1 anno, 2 anni…? il regno animale risponde: “fino a quando il piccolo si staccherà da solo perchè allora vorrà dire che si sentirà in grado di cibarsi in modo autonomo”), completa libertà d’allattamento nei luoghi e negli spazi (allattare dovunque ed in qualsiasi situazione poichè è la pratica più naturale del mondo e non esistono momenti inopportuni!).