Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Africa

Tag: africa

Chokorà: i Bambini di Nairobi che Trasformano i Rifiuti in Strumenti Musicali

0
Chokora
Immagine di repertorio

Li chiamano Chokorà, in swahili “rifiuto”, i bambini di strada di Nairobi, intenti a rovistare tra le immondizie a caccia di oggetti da rivendere per acquistare, spesso, colla da sniffare. Una piaga pericolosa a cui qualcuno ha pensato di porre fine, provando perlomeno ad arginarla.

Si tratta del progetto Amref, African Medical and Research Foundation, organizzazione non governativa internazionale nata per migliorare la salute in Africa coinvolgendo le comunità locali. Tra i vari progetti attivati dall’ONG ci sono la lotta all’AIDS e alla malaria, la lotta contro l’acqua contaminata, servizi clinici per emergenze sanitarie e assistenza ai bambini di strada.

La Storia della Parola “Nabajyotisaikia” che Aiuta chi Commette un Errore

0
Nabajyotisaikia

C’è una storiella, la possiamo definire così, che gira in rete da qualche anno, nessuna fonte ufficiale, molto probabilmente è una bufala anzi lo è quasi sicuramente, ma mi piace così tanto che sono arrivata alla conclusione che può insegnare davvero un nuovo modo di pensare e voglio raccontarvela e spiegarvene il significato più intrinseco.

La storiella la trovate un po’ ovunque basta cercare su Google la parola “Nabajyotisaikia” che molto probabilmente è inventata e non vuol dire nulla, ma che nel contesto della storia ha un significato ben preciso.

La Baraggia: una riserva naturale tra paesaggi africani e l’edera fiorita

0

Quando ho pensato ad alcune mete per gite domenicali in luoghi che offrissero un qualcosa di magico ho subito pensato alla Baraggia, una steppa semi desolata ma non desolante nel Biellese.

baraggia-boschi

Ricca di querce secolari divise nel tronco da figli nati prepotentemente, betulle che si piegano al vento, felci verdissime e rigogliose. E nel paesaggio si intravedono alberi colpiti da chissà quale dolore… nudi, spezzati, senza vita. Colpiti dall’estraneo fulmine o dall’interno da piccole termiti che si nutrono di loro… Che si trasformano però in affascinanti tende per gli indiani di passaggio, ponti traballanti per sfidare i coccodrilli, rifugi per animali feriti, terreno fertile per storie su orsi bruni che si arrampicano su di loro togliendogli il manto di corteggia. La Baraggia come terra d’Africa in un’Italia lontana, che in stagione estiva si può fingere di aspettare un leone appostato nella savana pronto ad un agguato, avvistare da lontano colli lunghi che brucano dagli alberi più alti, proboscidi che si muovono morbide al vento.

Madri come Regine, isolate per 5 anni dopo la nascita del figlio

1

Esiste un luogo nel sud del mondo, precisamente nella Repubblica Democratica del Congo, dove le donne che diventano madri per la prima volta vengono elette “regine”.

Le madri come regine sono le donne della popolazione pigmea Ekonda, una sorta di rituale che serve a proteggere il neonato e la sua mamma, in modo che il loro spirito si elevi e la loro famiglia acquisisca prestigio; la giovane madre, che di solito ha tra i 15 e 18 anni, viene tenuta in isolamento, tornando nella casa dei suoi genitori, per un periodo che va dai due ai cinque anni, e qui starà col suo bambino e altre donne senza avere contatti col marito che andrà alla ricerca di una dote per la moglie.

Gli Himba e la canzone della vita

0
Eric Lafforgue

Himba villaggio

Si muovono a nord della regione del Kaokoland delimitata a nord dal fiume Kunene al confine con l’Angola, e a sud dal fiume Hoanib; gli Himba sono una popolazione nomade della Namibia che segue la transumanza delle mandrie di bovini in cerca di acqua.

Lo stile di vita tradizionale degli Himba è rimasto immutato dal 1920 quando tornarono nelle loro terre dopo la fuga in Angola per sfuggire alle aggressioni Nama nel XIX secolo.

Bambina

Questa popolazione ha una struttura prettamente matriarcale, dove la donna si occupa del villaggio, composto da più capanne costruite con rami di mopane, sterco e fango, queste capanne sorgono intorno ad una capanna centrale. tutto il villaggio è protetto dagli attacchi di animali notturni con un recinto di rami spinosi.

Little Dress for Africa: Cucire un Vestito e Regalare Speranza

0

associazioni-per-aiutare-bambini-africani-little-dress-for-africa-storia-lillian-weber-640x480

L’associazione Little Dress for Africa è stata fondata nel 2008 da Rachel O’Neill con la missione è di fornire assistenza ai bambini in tutto il continente africano e non solo.

I volontari che lavorano per l’associazione provengono da tutti i 50 Stati membri, così come l’Australia, il Canada, il Regno Unito e Singapore, e si uniscono per creare abitini ricavati da federe, modelli semplici e comodi. Alcuni volontari cuciono gli abiti, altri donano, altri vanno in Africa; i vestiti e i pantaloni per i ragazzi vengono distribuiti  attraverso orfanotrofi, chiese e scuole.

603704_979301395432539_9093524627866748322_n

Pomodoro in scatola: il lato oscuro del frutto rosso

0
Pomodoro e Ghana

Pomodoro e Ghana

Il pomodoro, per assurdo in Ghana era una risorsa, una miniera d’oro per i ghanesi, eppure ormai i campi sono desertici e i lavoratori non ci sono più. Ma perché questo? Chi e cosa ha strappato i coltivatori alla terra del Ghana?

Quello che state per leggere sembra pazzesco eppure è vero, è proprio così. L’Italia è responsabile di questo abbandono dei campi di pomodoro, perché? Perché è in Italia che si produce il pomodoro che viene inscatolato e venduto ai ghanesi. Assurdo vero? Ma ancora più assurdo è che in Italia chi lavora la terra dei pomodori sono coltivatori ghanesi, che non avendo più un lavoro al loro paese, sono venuti a farlo qui da noi, in condizioni di povertà, senza documenti e senza soldi.

La rana della pioggia, il suo adorabile verso impazza sul web!

0

La rana della pioggia, il suo adorabile verso impazza sul web! [Video]

La rana della pioggia: conosciamo questo animale così singolare!

Della rana hanno solo l’aspetto possiamo dire, mentre per tutto il resto rappresenta qualcosa di insolito, almeno per i più.

Quando pensiamo ad una rana, infatti, la immaginiamo nel suo stagno, in mezzo a delle foglie galleggianti magari. Il suo verso, invece, lo conosciamo tutti.

E invece no, lei si distingue dalle sue simili. Appartiene alla famiglie dei Breviceps, un genere di anfibi anuri appartenente alla famiglia Brevicipitidae, presenti nelle zone aride e semiaride dell’Africa orientale e del Sud.

Wonderbag: La Borsa per Cucinare

0

E’ una tecnica che si conosce da secoli, praticamente da quando l’uomo ha scoperto la cottura, permette di risparmiare combustibile, sia che sia gas, energia elettrica o legna.

Quando il cibo raggiunge il punto di ebollizione si prende la pentola e la si chiude in un pacco, o la si sotterra o la si mette in cesti con coperte e spugne o foglie di banano per mantenere il calore e proseguire la cottura lenta.

Spose Bambine: Un Problema Etico, Culturale, Morale ed Economico [Video]

0

Il matrimonio precoce è una pratica ancora troppo diffusa nei paesi in via di sviluppo, tanto da mettere in pericolo le vite delle ragazzine. Radicata nella tradizione culturale, affiancata e spronata dalla povertà, la pratica non solo viola le leggi sui diritti umani, ma anche minaccia la stabilità e lo sviluppo economico.

Le convenzioni internazionali proibiscono il matrimonio precoce e definiscono diciotto anni come l’età della maturità.