Il turismo speleologico consiste nel visitare grotte, patrimonio dell’umanità di cui la Terra, per fortuna, è ricca, inclusa la nostra bella Penisola. Una vacanza alla scoperta delle grotte più belle del mondo è un modo diverso per trascorrere il tempo libero, che si tratti di qualche giorno o di una settimana, in luoghi decisamente insoliti e ricchi di sorprese. Le grotte infatti riservano sempre qualche curiosità e celano spesso segreti tutti da scoprire. In primis stalattiti, concrezioni calcaree che pendono dalla volta, e stalagmiti che al contrario partono dal pavimento per estendersi verso l’alto. Ecco le grotte più belle in Italia e nel mondo.

Waitomo Caves – GlowWorm Caves

waitomo-grotte
La Nuova Zelanda ospita le famose Grotte di Waitomo, un’attrazione molto ambita nel paese, situata a poca distanza dalla cittadina omonima. In queste grotte si possono vedere i vermi luminescenti, delle creature paragonate a piccoli draghi che irradiano una strana luce, sono chiamati infatti glowworms. Le grotte ospitano anche un grande pozzo chiamato Tomo e un antro molto particolare, specialmente dal punto di vista acustico.

Grotta di Bossea, Piemonte

Grotta-di-Bossea-La-Cascata
La grotta di Bossea, situata nel comune di Frabosa Soprana in provincia di Cuneo, è lunga circa 3 km e si sviluppa sopra canyon scavati nella roccia. Vi sono molte stalattiti e anche stalagmiti, pareti a strapiombo, soffitti intagliati, dirupi, anfratti e altre curiosità tutte da scoprire.

Catedral de Màmol, Cile

Catedral-de-Màmol
La cosiddetta Cattedrale di Marmo, in Cile, è un’isola di dimensioni ridotte erosa dalle acque del lago Buenos Aires. La cito poiché le guide turistiche affermano che le grotte di roccia bianca che si possono visitare in barca quando il livello delle acque scende, sono di una bellezza unica e meritano certamente una visita, se si capita da quelle parti.

Batu Caves, Malesia

Batu-caves
La Malesia, e per l’esattezza Selangor, ospita le Batu Caves, i cui templi induisti attraggono ogni anno moltissimi visitatori. Alcune zone sono considerate sacre e pertanto accessibili solo a piedi nudi. La grotta interna è raggiungibile scalando 272 gradini, tutti numerati. All’arrivo, di frequente, il visitatore è atteso da gruppi di macachi, molto affamati ma assolutamente innocui. Tra le divinità cui sono dedicati i templi si annoverano Hanuman, il dio scimmia, e Murugan, dio guerriero figlio di Shiva e Parvati.

Grotte di Toirano, Liguria

Grotte-di-Toirano
Questo complesso sotterraneo include più di 150 caverne naturali, alcune aperte al pubblico, altre ancora da esplorare. Anche qui si possono ammirare stalagmiti di bellezza inestimabile, fra cui si distingue per il rivestimento in cristalli di aragonite, quella situata nella sala Pantheon della Grotta inferiore di S. Lucia.

Grotta di Sgonico, Friuli-Venezia Giulia

Grotta-di-Sgonico
Nei pressi di Trieste, a Sgonico, è situata questa grotta gigante, scoperta nel 1840. Essa è formata da un solo salone alto addirittura 98 metri e grazie a una scalinata è possibile ammirarla dall’alto. Questa grotta, per merito delle dimensioni, è stata inserita nel Guinness dei Primati come grotta contenente la sala più grande al mondo, la cui origine probabilmente deriva dalla fusione di due gallerie sovrapposte.

Grotte di Postumia

grotte-di-postumia
Le grotte di Postumia, in Slovenia, comprendono quasi 21 km di caverne e gallerie sotterranee che ogni anno accolgono moltissimi visitatori. Si tratta infatti del complesso di grotte più esteso del Carso. Vi si possono vedere moltissime stalagmiti e stalattiti oltre che curiosi animaletti che secondo la leggenda, sarebbero discendente dei draghi.

Grotta di Fingal

Grotta-di-Fingal

Questa grotta si trova in Scozia, sull’isola di Staffa, ed è caratterizzata da colonne basaltiche esagonali di una bellezza unica. Ma la cosa che rende forse ancor più particolare questa grotta sono le melodie che si creano al suo interno, non a caso essa è anche soprannominata “grotta della melodia”. Questi suoni particolari nascono dall’incontro fra le onde del mare e l’aria.

Laura De Rosa

yinyangtherapy.it