Una delle gite che si fanno ogni anno al Kindergarten (asilo) di mia figlia è la visita alla “Teddybärkrankenhaus”, la clinica dei peluches, una sezione all’interno dell’ospedale di Innsbruck gestita dagli studenti di medicina.

I bambini sono stati invitati a portare a scuola un peluche “malato”, lo hanno infilato nello zainetto, hanno preso l’autobus e sono andati all’ospedale. Lì sono stati accolti dagli studenti in camice bianco, che hanno condotto i bambini a visitare gli ambienti ospedalieri, per poi farli sedere col loro animaletto malato al tavolo del pronto soccorso dei peluches.

Teddybärkrankenhaus

Ogni studente ha preso in carico un animale, e ogni piccolo proprietario ha spiegato quali fossero i “sintomi” riscontrati dal peluche. Tutto viene messo per iscritto in un apposito modulo da compilare, sul quale il futuro dottore scriverà anche la diagnosi e la terapia da seguire. Viene fatta anche una (finta) radiografia al paziente, che eventualmente viene medicato o addirittura ingessato.

Teddybärkrankenhaus1

Il cavallo di mia figlia si era rotto una gamba saltando un ostacolo, per cui è stato ingessato per bene, e ha dovuto fare un ciclo di punture! Ai bambini sono stati dati alcuni strumenti da portare a casa: cuffia, mascherina e guanti.

La clinica dei peluches esiste in alcune città dell’Austria da diversi anni, e ha il duplice scopo di insegnare ai giovani studenti l’importanza del rapporto umano nella relazione medico-paziente, con particolare riferimento all’infanzia, e soprattutto di avvicinare i bambini al mondo sanitario: all’ospedale, alla figura del dottore, agli strumenti di diagnosi e cura.

Teddybärkrankenhaus4

Attraverso un approccio giocoso, i piccoli hanno l’opportunità di vivere un’esperienza apparentemente negativa, come quella della malattia, dal punto di vista di un “genitore” che porta il suo bimbo-animaletto all’ospedale, aiutandolo quindi a mitigare le sue paure e spronandolo a superarle. Questo cambio di punto di vista è utilissimo al bambino per imparare a gestire le emozioni e a vivere le diverse situazioni della vita con un approccio più sereno possibile.

Teddybärkrankenhaus2

Il progetto è ormai consolidato a livello internazionale, soprattutto in alcuni paesi come Austria e Germania, in cui la clinica dei peluches viene allestita anche all’interno degli ospedali; ma l’iniziativa si sta diffondendo sempre di più anche in Italia, sotto forma di unità mobile.

Diana Cappellini
lamiavitadamammainaustria.blogspot.co.at
La mia vita da mamma in Austria su Facebook

Link al progetto italiano:
http://www.nazionale.sism.org/ospedale-dei-pupazzi/

Approfondimenti in tedesco sul prgetto di Innsbruck:
http://www.teddy-krankenhaus.at/ibk/
file:///C:/Users/Admin/Downloads/impressionen.pdf