Animalismo
Primo piano

Wicca è stata uccisa

Di Valeria Bonora - 27 Luglio 2012

Era un American Staffordshire Bull Terrier ed è stato soppresso.

E’ di nuovo la BSL (Breed-specific legislation) con le sue normative che considerano pericolose determinate razze canine, a far parlare di crudeltà e a far scendere lacrime di dolore e rabbia.
Il 10 luglio scorso le normative britanniche hanno posto fine alla vita di Lennox perché ricordava nell’aspetto fisico un pitbull. Ora da Montreal, Canada, arriva la storia di Wicca, una femmina di cinque anni condannata a morte per aver aggredito e morso una donna e un paramedico. Il problema però è che dalle ricostruzioni della dinamica dell’accaduto sembra che Wicca abbia solo graffiato la donna e solo per difesa perchè spaventata.
In effetti le foto pubblicate sul profilo Facebook creato a difesa di Wicca mostrano l’addome della donna con qualche graffio, senza la presenza di morsi o altro di più grave, e non le sono stati applicati punti di sutura, non si è fatta ricoverare né ha testimoniato in tribunale e anche il paramedico, che è intervenuto per disinfettare l’addome della donna, ha confermato di non aver ricevuto né morsi né altro.
“Nessuno dei giudici ha voluto leggere i rapporti della polizia che dicono che quando il mio cane è saltato addosso al paramedico, io l’ho tirato indietro col guinzaglio”, ha dichiarato Papakostas il suo padrone, “Il cane non è mai entrato in contatto, non ha mai morso e lo stesso paramedico ha cambiato la sua versione più volte. Wicca non ha mai morso nessuno. Ha graffiato una donna e questo è tutto. Non giustifica il doverla uccidere”.
La vicenda normalmente verrebbe punita con 90 giorni di museruola, una multa e una eventuale valutazione da parte di un veterinario comportamentista. Invece Wicca è stata condannata a morte a causa dell’aggravante della sua razza di appartenenza.

Il proprietario Christos Papakostas da così il suo addio a Wicca sul pavimento del tribunale :
«Riposa in pace mia piccola bambina. Ti prego di perdonarmi, sappiamo che non è colpa tua se ti sei spaventata. Voglio che tu mi perdoni per il modo crudele con cui ho dovuto lasciarti, ho davvero pensato che saremmo invecchiati assieme, ho cercato di fare del mio meglio per mantenerti sana e felice. Ho anche comprato un letto “king size” per avere più spazio per dormire con te. Mi mancherà svegliarmi con il tuo … alito cattivo […] Ti prometto bambina io non ti dimenticherò, ogni mio respiro penso di te, sei stata il mio vero amore, ti ho amato più di qualsiasi cosa. Ti prometto che cambierà questa legge stupida che ti ha ucciso. ce la faremo. Ci mancherai Wicca la mia bambina»
Ieri Wicca è stata però comunque soppressa. Di lei rimangono le foto postate sui social network che la vedono dormire teneramente con Papakostas, quella dell’addio sul pavimento del tribunale prima che venissero separati.
E questo è quello che rimane di lei.

 





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)