La Pet Therapy: cos’è e perchè funziona

La Pet Therapy, o terapia dolce, nasce dal connubio tra uomo e animale. Questa terapia nasce ufficialmente nel 1961 quando l’animale diventa “co-terapeuta” nel processo di guarigione, rivestendo il ruolo di “mediatore emozionale” e “catalizzatore” dei processi socio-relazionali.

A partire dagli anni ‘80 il programma Pet Therapy è stato suddiviso in fasi distinte tra loro:

  • Animal-Assisted Activities (AAA) – Attività svolte con l’ausilio di animali che hanno l’obiettivo primario di migliorare la qualità della vita di alcune categorie di persone (anziani, ciechi, malati terminali,ecc.).

Sono interventi di tipo educativo e/o ricreativo che, finalizzati al miglioramento della qualità della vita, possono essere erogati in vari ambienti da professionisti opportunamente formati, para-professionisti e/o volontari, insieme con animali che rispondono a precisi requisiti. Le AAA sono costituite da incontri e visite di animali da compagnia e a persone in strutture di vario genere. Per queste attività:

  • non sono necessari obiettivi specifici programmati per ciascuna visita, anche se è opportuno prevedere sempre obiettivi di miglioramento;
  • é opportuno raccogliere e conservare dati sulle visite effettuate;
  • le visite sono gestite con spontaneità e la loro durata non è prestabilita.
  • Animal-Assisted Therapy (AAT) – Terapia effettuata con l’ausilio di animali finalizzata a migliorare le condizioni di salute di un paziente mediante specifici obiettivi.

È una terapia di supporto che integra, rafforza e coadiuva le terapie normalmente effettuate per il tipo di patologia considerato. Può essere impiegata, con pazienti affetti da varie patologie, con questi obiettivi:

  • cognitivi ( miglioramento di alcune capacità mentali, memoria, pensiero induttivo)
  • comportamentali (controllo dell’iperattività, rilassamento corporeo, acquisizioni di regole)
  • psicosociali (miglioramento delle capacità relazionali, di interazione)
  • psicologici in tempo stretto (trattamento della fobia animale, miglioramento dell’autostima).

Sono interventi con obiettivi specifici predefiniti, in cui gli animali rispondenti a determinati requisiti sono parte integrante dei trattamenti volti a favorire il miglioramento delle funzioni fisiche, sociali, emotive e/o cognitive nonché della salute del paziente. Si tratta di co-terapie dolci, che affiancando i consueti trattamenti, si rivelano efficaci, anche laddove questi non riescono, grazie soprattutto alla presenza dell’animale. La terapia effettuata con gli animali per risultare efficace deve, innanzitutto, individuare gli obiettivi specifici per ciascun destinatario dell’intervento, valutare i progressi in itinere, deve essere finalizzata al raggiungimento di obiettivi di salute e fattore importante essere gestita da professionisti di sanità umana.

  • Human- Animal Support Services (HASS).

In Italia, la Pet Therapy, sbarca nel 1987 al Convegno interdisciplinare su “Il ruolo degli animali nella società odierna”, tenutosi a Milano il 6 dicembre al quale hanno partecipato esperti di fama internazionale. Nel 1990 nasce, sempre in Italia, il C.R.E.I. (Centro di ricerca Etologica Interdisciplinare per lo Studio del Rapporto uomo-animale da compagnia) che unisce studiosi di varie discipline inerenti la salute umana ed animale, l’ambiente ed il comportamento.

Queste informazioni sono tratte dal sito dell’associazione ONLUS animali esotici (http://www.aaeweb.net/).
In poche parole la Pet Terapy aiuta i pazienti e gli anziani sopratutto nella sfera emotiva, chi si trova ad avere a che fare con un animale si rende conto quasi subito quanto sia benevola la loro vicinanza, e quanto un animale li possa aiutare a recuperare quella sicurezza di sentimenti che spesso vanno persi durante le terapie mediche.
A questo scopo si possono utilizzare solo animali equilibrati e felici e l’identificazione dei singoli animali e il loro perfezionamento richiedono l’impiego di conduttori altamente qualificati che permettano l’instaurarsi con l’animale di un rapporto di conoscenza, affiatamento ed affetto notevoli. Gli animali più usati sono i cani, i gatti e i cavalli, ma anche i conigli e gli uccellini possono sortire effetti benefici anche se spesso sono meno interattivi con le persone.

Per darvi un esempio di aiuto che la pet terapy può portare vi riporto una parte di un’intervista fatta al dott. Roberto Marchesini, presidente della Società italiana di Scienze Comportamentali Applicate e direttore della Scuola di Interazione Uomo Animale, al magazine on-line www.nannimagazine.it in merito all’aiuto degli animali alle persone affette da Alzheimer:

Al dottore è stato chiesto in che modo l’interazione tra essere umano e animale aiuta il malato di Alzheimer?


“Il contattto e lo scambio emozionale che avviene tra uomo e animale è molto particolare e profondo, sicuramente differente dai comuni rapporti interumani. Si differenzia tanto sul piano emotivo che occupazionale, e soprattutto crea un coinvolgimento molto forte. Molte persone malate di Alzheimer tendono a chiudersi in loro stesse a causa della perdita progressiva delle capacità cognitive, e il rapporto che si instaura con un animale dà loro modo di ‘riattivarsi’, esternare emozioni, migliorare l’umore e la qualità della vita quotidiana. Uscire dallo stato apatico e depressivo è di fondamentale importanza per il malato di Alzheimer (come per altri malati), e questo tipo di terapia è basata fondamentalmente sul piacere e sull’avere voglia di ‘fare’. Perdere interesse per ogni azione e non voler uscire di casa sono le caratteristiche comuni a molti malati di Alzheimer, ma il solo fatto di avere un animale che va spazzolato, nutrito, accompagnato a fare una passeggiata, con il quale si gioca e che regala momenti di dolcezza e divertimento, rimette in moto la persona malata in ogni senso, la Pet Therapy offre al malato una leva motivazionale fortissima. Emerge il piacere di conoscere l’animale, il piacere di trascorrere del tempo in sua compagnia, il piacere di accarezzarlo e giocare. Un altro aspetto è quello emozionale, perché l’animale crea intorno a sé un clima di grande affettuosità e gioia, e un’atmosfera distesa e serena aiuta molto il malato di Alzheimer”.

La pet terapy non è solo una terapia di supporto, ma spesso è l’unica terapia che possa dare dei risultati soddisfacenti, quindi non è da considerarsi una panacea, ed è anche importante dal punto di vista etico, da quando esiste questo tipo di terapia si è iniziato a pensare di più ad un animale in modo dinamico e non solo come oggetto, da allora gli animali sono veri e propri coadiuvanti nelle terapie che necessitano di stimoli psicologici, affettivi e motori.

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUIe poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser

Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 11/02/2013
Categoria/e: Animalismo, Anteprima.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655