Spesso ci troviamo a spiegare ai nostri figli come fare le cose, anche quelle più semplici, mostriamo loro come fare e ci aspettiamo che loro le facciano allo stesso modo, ma ogni individuo e quindi anche i nostri bambini, hanno un loro modo per fare le cose e di vedere il mondo, e non possiamo pensare che il nostro modo sia l’unico corretto.

Educare

Quando pensiamo all’educazione che diamo ai ragazzi dobbiamo pensare che li stiamo arricchendo e non dobbiamo mai limitare questo processo, ognuno di loro imparerà a proprio modo e il nostro compito è quello di spingerli a fare seguendo il proprio istinto cercando di non copiare nessuno, il compito di noi genitori è quello di fornire degli strumenti, quello dei figli di imparare ad usarli nel modo a loro più congeniale che non sempre è uguale al nostro.

Quante volte capita di riprendere un bambino perché non fa una determinata cosa come vorremmo noi, anche la più banale come ad esempio mettere in ordine i giocattoli o rifarsi il letto, magari anche come tiene la forchetta o come si allaccia le scarpe, in questo modo il difetto è nostro perché stiamo limitando la loro creatività.

Ho provato mille volte a far allacciare le scarpe a mia figlia come faccio io, tanto che iniziavo quasi a preoccuparmi che non ne fosse in grado, sono arrivata a pensare che avesse problemi di coordinazione… anche se poi in realtà faceva tutto perfettamente e alcune cose anche meglio di me, ma non c’era verso di farle allacciare le scarpe. Un giorno mi si presenta dinnanzi e mi dice “Mamma ho imparato, guarda”… e comincia ad allacciarsi le scarpe… in un modo che non avevo mai visto prima e che ancora oggi non riesco a capire, eppure lei i fiocchi li fa così in un modo assolutamente differente dal mio e lo scopo lo raggiunge ugualmente! Ecco questo è un esempio di come ho provato a limitare la creatività di mia figlia ma la sua visione differente delle cose le ha fatto trovare una strada alternativa e decisamente migliore per lei.

Educare

Anche le etichette limitano la personalità di questi piccoli grandi uomini e donne, ogni volta che appiccichiamo un appellativo a qualcuno li rinchiudiamo in scatole dove un individuo può solo cercare di raggiungere le aspettative altrui e non le proprie.

Lasciate sognare i vostri figli, lasciategli fare le cose a modo loro, solo così potranno volare, anche se pensiamo che fargli seguire le nostre orme sia la strada migliore, molto probabilmente non sarà così perché non esiste un modo giusto o sicuro per fare le cose, esistono il mio modo, il tuo modo e il suo modo… e solo sperimentando si trova quello che fa sentire più a proprio agio, quello che viene meglio. Insegniamo loro i fondamenti ma lasciamo che siano loro a costruirci sopra la loro dimora.

Educare

Non preoccupatevi degli errori, fanno parte del processo di apprendimento e ad ogni errore corrisponde un nuovo tentativo che va incoraggiato e sostenuto, dai grandi errori sono nate scoperte sorprendenti! Sostenete le idee e le inventive dei vostri figli, queste derivano di solito da un precedente fallimento che viene migliorato e prende vita, con amore e fiducia in loro sapranno affrontare al meglio ogni situazione, senza scoraggiarsi e senza cadere in sensi di colpa per non esserci riusciti al primo colpo oppure non aver fatto qualcosa come lo avreste fatto voi.

Il video che segue si intitola “A cloudy lesson” ed è un corto di due minuti scarsi, realizzato dal regista Yezi Xue che spiega perfettamente come la fantasia non deve mai essere sottovalutata e che non esiste un solo modo giusto per fare una cosa… anzi a volte da un pasticcio nasce qualcosa di magico!

Tre importanti lezioni che possiamo imparare

Articolo scritto da Valeria Bonora – valeria2174.wix.com