Vivere sani e a lungo? Servono 7 porzioni al giorno di frutta e verdura!

Fino ad oggi medici, nutrizionisti ed esperti spiegavano che per uno stile di vita sano ed equilibrato che preservi la nostre salute bisogna assumere quotidianamente 5 porzioni di frutta e verdura.

Ma adesso ecco che questa “teoria” è stata in parte smentita, poichè, a quanto pare, le porzioni quotidiane di frutta e verdura di cui il nostro organismo ha bisogno per vivere sani e più a lungo non sono 5 ma 7.

A dimostrarlo è stato uno studio condotto da Oyinlola Oyebode, della University College di Londra, pubblicato sul “Journal of Epidemiology & Community Health“.

Per giungere a questa conclusione, gli studiosi hanno seguito, dal 2001 al 2013, le abitudini alimentari di 65.000 adulti di almeno 35 anni di età.

Dai dati emerge che consumare sette porzioni di frutta e verdura al giorno riduce del 42% il rischio di morire per qualunque causa, del 25% il rischio di morte per cancro, del 31% quello per infarto e ictus.

Gli esperti hanno diviso il campione sia per tipologia di consumo di frutta e verdura, sia per le quantità consumate.

Per esempio, gli studiosi hanno potuto vedere come la frutta sciroppata non riduca, ma anzi aumenti del 17% a porzione, il rischio di morte.

Per quanto siano entrambi basilari per la nostra salute e per il corretto funzionamento del nostro organismo, tra frutta e verdura a vincere sembra essere la verdura: 2-3 porzioni quotidiane di verdure, infatti, riducono il rischio complessivo di morte del 19%, mentre per un’equivalente quantità di frutta il rischio si riduce solo del 10%.

Ma non solo un regime alimentare fatto principalmente di frutta e verdura ci aiuta a vivere più sani e più a lungo, ma favorisce anche il corretto funzionamento del cuore, del cervello e di tutti i nostri organi.

Via libera, dunque, a piatti di spinaci, pomodori, carote, ma anche tutta quella frutta fresca e di stagione. Sopratutto in vista della stagione più calda, poi, perchè non approfittarne per fare delle belle macedonie di frutta? Oppure un bel frullato o centrifugati di frutta e verdura?

Commentando i risultati della sua ricerca, Oyinlola Oyebode ha spiegato:

“Il messaggio è chiaro: più frutta e verdura si mangia, meno probabilità si ha di morire, questo a qualsiasi età. I risultati dell’effetto dell’alimentazione sulla salute di un’alimentazione sano colpisce molto. Sarebbe importante introdurre gradualmente questo cibo nella propria dieta…”

L’unico problema è che, ad oggi, “la regola del 5” viene seguita da solo il 15% degli italiani, figuriamoci quella del 7. Siamo ancora ben lontani insomma. Vuoi per le comodità a cui oggi è possibile fare affidamento, vuoi per quello stile di vita sempre più frenetico e movimentato che ci lascia poco spazio da dedicare alla cucina, vuoi per quelle abitudini alimentari che oggi sono ben lontane da quelle di qualche anno fa, e che ci consentono di scegliere tra una vasta gamma di prodotti alimentari, molti facili e veloci da preparare.

Insomma, per qualcuno forse era già difficile consumare 5 porzioni di frutta e verdura nell’arco di una sola giornata, figuriamoci 7. Ma ne va della nostra salute, per cui vale la pena fare uno sforzo, non trovate?

[Fonte: www.repubblica.it]

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguite Eticamente sulla Fanpage di Facebook, su Pinterest e su Twitter e non dimenticate di iscrivervi alla newsletter!

Daniela Bella

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Daniela Bella il 03/04/2014
Categoria/e: Alimentazione, Primo piano.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655