Come viene vissuto il Carnevale nella scuola materna steineriana

carnevale-scuola-steiner

Giorni di Carnevale ed i miei bimbi stanno vivendo il loro primo Carnevale all’asilo steineriano.

Sono settimane che si preparano per queste giornate in maschera. Insieme alla maestra hanno deciso cosa voler diventare in questi giorni di festa e lei ha disegnato i costumi di ogni bambino e ha appeso questi progettini sul muro con sopra il nome di ogni bimbo. L’idea di ogni maschera così ha preso vita e si è fissata magicamente sopra un foglio.

E così giorno dopo giorno su quel magico muro appariva una fata, un cavaliere, un unicorno, un angelo, tanti gnomi…

Dall’idea alla realizzazione la strada è ancora lunga ma affascinante per ogni piccolo d’uomo (ma anche per ogni adulto!). Le maestre si sono armate di ago e filo, di lana e filo di ferro, di stoffa e di nastrini e pian piano, giorno dopo giorno, pezzetto dopo pezzetto, il costume di carnevale prendeva forma. Ma una forma non banale, non superficiale… vere e proprie opere d’arte: tanti gnomi con cappelli colorati di feltro e i loro sacchettini di stoffa anch’essi appesi ad un lungo bastone pronto ad accompagnarli in giro per il mondo, una fata con un cappello elegante e con ali morbide e delicate che sembrano davvero pronte a farla volare, un unicorno con il corno più veritiero di sempre e dei veri zoccoli pronti ad esplorare il mondo, un cavaliere tra i più coraggiosi mai visti, un angelo con un vestito ed una coroncina tra le più incantate…

gnomo-carnevale

Che bellezza assistere a questo lavoro e che insegnamento di vita bellissimo: ogni abito non è stato comprato (come si è soliti fare sia per i costumi di Carnevale che per l’abbigliamento normale) ma è stato creato a mano con pazienza e amore, ogni minimo particolare è stato pensato e costruito per rendere quel costume meraviglioso. Ogni bambino che indosserà quell’abito si sentirà un prediletto perchè nessuno al mondo avrà un abito come il suo, creato insieme alle maestre e ai genitori solo ed esclusivamente per lui!

Anche i genitori infatti hanno contribuito con qualche piccolo dettaglio a completare ogni costume in modo da far comprendere al bambino che indosserà una maschera preziosa, fatta a mano da maestre e genitori, solo per lui!

I bambini impareranno da questa bellissima esperienza una miriade di insegnamenti: il processo reale e concreto che porta alla realizzazione di un abito, la possibilità di personalizzare qualsiasi indumento se creato a mano, la pazienza e l’impegno di un lavoro così complesso, la bellezza e il divertimento del creare con le proprie mani, la curiosità e il saper aspettare per vedere il risultato finito, la possibilità di godere davvero ciò che si indossa non solo perchè è bello ma anche perchè ha un valore affettivo straordinario…

E quando i costumi saranno completati e li potranno finalmente indossare la loro gioia sarà autentica e meravigliosa: riuscire a far vivere la gioia ai bambini è l’insegnamento tra i più grandi che possano ricevere!

steiner-gioia

Elena Bernabè

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 13/02/2015
Categoria/e: Primo piano, Rassegna Etica.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655