Ecco perchè i bimbi africani non piangono

mamma_africana2

Ho tradotto per voi questa splendida storia di J. Claire K. Niala una donna africana che vive nel Regno Unito e che racconta i primi mesi della sua vita insieme a quella della sua bambina, racconta di come non è stato facile e di come ha affrontato le difficoltà ma sopratutto racconta di come ha capito che bisogna saper “leggere” i nostri figli…

Sono nata e cresciuta in Kenya e Costa d’Avorio e dall’età di 15 anni ho vissuto nel Regno Unito. Tuttavia, ho sempre saputo che volevo crescere i miei figli (quando li avrei avuti) a casa in Kenya. Si ero certa che ne avrei avuti.

Sono una moderna donna africana, con due lauree, faccio parte della generazione di donne che lavora, ma quando si tratta di bambini, sono tipicamente africana.

Il presupposto rimane che non si è completi senza di loro, i bambini sono una benedizione che sarebbe folle evitarli. In realtà la questione non si pone neppure. Ho iniziato la mia gravidanza nel Regno Unito. La voglia di tornare a casa era così forte che ho venduto la mia licenza, ho impostato una nuova attività e cambiato casa e paese entro i primi cinque mesi di gravidanza.

Ho fatto quello che la maggioranza delle donne nel Regno Unito fanno, ho letto voracemente: i nostri bambini, noi stessi, Unconditional Parenting e l’elenco potrebbe continuare. (Mia nonna ha poi commentato che i bambini non leggono libri e davvero tutto quello che dovevo fare era “leggere” il mio bambino).

mamma-africana-che-porta

Tutto quello che ho letto, spiegava che i bambini africani piangevano meno dei bambini europei. Ero incuriosito sul perché. Quando sono tornata a casa ho osservato. Ho guardato e madri e bambini erano ovunque, anche se molte giovani africane, prima delle sei settimane del neonato stanno principalmente a casa. La prima cosa che ho notato è che, nonostante la loro ubiquità, in realtà era abbastanza difficile “vedere” un bambino keniota.

Di solito sono incredibilmente ben avvolti prima di essere trasportati o legati sulle loro madri (a volte sul padre). Anche i bambini più grandi che vengono portati sulla schiena vengono ulteriormente protetti dalle intemperie da una grande coperta. Saresti fortunato a scorgere un arto, figuriamoci un occhio o il naso. La protezione è una replica come dell'”utero”. I bambini sono letteralmente protetti dallo stress del mondo esterno in cui stanno entrando.

mamma_africana

La mia seconda osservazione invece fu di tipo culturale.

Nel Regno Unito, si è capito che i bambini piangono. In Kenya, è tutto il contrario. La normalità è che i bambini non piangono. Se lo fanno, qualcosa è terribilmente sbagliato e deve essere corretto immediatamente. Mia cognata inglese ha riassunto bene la situazione: “La gente qui, in realtà non ama i bambini che piangono, vero?”

Tutto ha preso molto più senso quando finalmente mia nonna è venuta a trovarmi. Come è normale, il mio bambino ha pianto per una discreta quantità di tempo. Esasperata e stanca, ho dimenticato tutto quello che avevo letto e, a volte mi sono unita al pianto. Eppure, per mia nonna era semplice: “Nyonyo (allattalo)!“.

mamma-africana-che-allatta

Era la sua risposta ad ogni singolo pianto. Ci sono stati momenti in cui aveva il pannolino bagnato, oppure l’avevo coricato troppo presto, o che aveva bisogno di fare il ruttino, ma soprattutto voleva solo essere attaccato al seno e non aveva molta importanza se le si dava da mangiare o semplicemente un momento di conforto.

La portavo legata a me e condividevamo il sonno, quindi allattarla sempre è stata una naturale estensione di quello che stavamo facendo.

Ho improvvisamente imparato il non-così-difficile-segreto del gioioso silenzio dei bambini africani.

E’ stata una semplice simbiosi di bisogni che si incontrano e che ha richiesto una sospensione totale di quello che dovrebbe accadere e di abbracciare ciò che stava realmente accadendo in quel momento.

La linea di fondo è che il mio bambino è stato nutrito molto, molto di più di quanto avessi mai letto, almeno cinque volte tanto quanto alcuni dei protocolli di alimentazione più severi che avevo letto.

A circa quattro mesi, quando un sacco di mamme urbane iniziano a introdurre i solidi come le linee guida si erano raccomandate, mia figlia tornò ad attaccarsi al seno come i neonati, ogni ora, il che è stato uno shock totale. Negli ultimi quattro mesi, il tempo che intercorre tra le poppate aveva lentamente iniziato ad aumentare. Avevo anche iniziato a seguire qualche paziente senza che i miei seni perdessero latte o che la baby-sitter di mia figlia, mi interrompesse la sessione col paziente per farmi sapere mia figlia aveva bisogno di un mangiare.

mamma-africana-che-allatta2

La maggior parte delle madri del gruppo mamma-bambino avevano diligentemente iniziato a introdurre il riso nell’alimentazione del bambino (per allungare il tempo delle poppate) e tutti i pediatri professionisti coinvolti nella vita dei nostri figli, anche doule, dicevano che questo era giusto.

Le madri avevano troppo bisogno di riposo, avevamo fatto cose incredibili per arrivare a quattro mesi di allattamento esclusivo, e ci avevano assicurato che i nostri bambini sarebbero stati bene. Qualcosa per me non andava e anche quando ho provato, senza troppa convinzione, di mescolare papaia (il cibo tradizionale svezzamento in Kenya) con latte in polvere e di darlo a mia figlia, no ne ha voluto sapere.

Così ho chiamato mia nonna. Lei rise e mi chiese se avevo letto ancora i libri. Lei mi spiegò attentamente come l’allattamento al seno sia tutt’altro che lineare.

Lei ti dirà quando è pronta per il cibo – e quando per il suo corpo sarà troppo.”

Che cosa farò fino ad allora” Ero ansioso di sapere?

Tu fai quello che hai fatto prima, nyonyo regolare” (allattala regolarmente)

Così la mia vita rallentò, e andò di nuovo verso il basso per quello che sembrava un punto morto. Mentre molti dei miei contemporanei si meravigliava di come i loro figli dormivano più a lungo ora che avevano introdotto il riso ed avevano persino incominciato ad avventurarsi su altri alimenti, io mi svegliavo ogni ora o ogni due ore con mia figlia e dovevo dire ai pazienti che il ritorno al lavoro non era come avevo programmato.

africa

Poi scoprii che, inconsapevolmente, mi stavo trasformando in un servizio di sostegno delle altre mamme. Il mio numero di telefono ha fatto il giro e molte volte mentre stavo dando da mangiare al mio bambino mi capitava di sentire pronunciare le parole: “Sì, basta allattarlo. Sì, anche se lo hai appena fatto. Sì, si potresti anche non riuscire a uscire dal tuo pigiama oggi. Sì, ha ancora bisogno di mangiare e bere come un cavallo. No, ora non potrebbe essere il momento di prendere in considerazione di tornare al lavoro se ti puoi permettere di non farlo.

E, infine, mi assicurarono le madri: ” Sarà più facile. “

Ho dovuto fidarmi solo quest’ultimo consiglio in quanto non era ancora “più facile” per me. Circa una settimana prima che mia figlia compisse cinque mesi, abbiamo fatto un viaggio verso il Regno Unito per un matrimonio e per farle incontrare la famiglia e gli amici. Perché ho avuto pochissime altre richieste, ho facilmente conservato il suo programma di alimentazione. Nonostante gli sguardi sconcertati di molti stranieri, ho continuato a dare da mangiare a mia figlia in molti luoghi pubblici diversi (la maggior parte delle camere di allattamento al seno sono nei bagni, che proprio non riuscivo a usare).

Alle nozze, le persone al nostro tavolo ci osservavano: “Lei è una bambina calma, ma la allatti ancora tanto.” Ho continuato il mio silenzio. Un’altra signora ha commentato: “Anche se ho letto da qualche parte che i bambini africani non piangono molto.” Non ho potuto fare a meno di ridere.

Dolce saggezza di mia nonna: 

1. Offrire il seno ogni volta che il vostro bambino è turbato anche se ha appena mangiato.

2. Sonno condiviso. Molte volte si può nutrire il bambino prima che sia completamente sveglio, che permetterà loro di tornare a dormire più facilmente e così si riposerà meglio e di più.

3. Portare sempre con sé una bottiglia di acqua calda a letto per mantenerti idratata e favorire lo scorrimento del latte.

4. Rendere l’alimentazione del vostro bimbo la priorità (in particolare durante le impennate di crescita) e fare in modo che tutti gli altri intorno a te facciano il più possibile per voi. C’è ben poco che non può aspettare.

Leggere il bambino, non i libri. L’allattamento al seno non è lineare, si gira in cerchio, si va giù ma sei tu l’esperto delle esigenze del tuo bambino.

[Testo originale su incultureparent.com – Tradotto da Valeria Bonora]

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 18/07/2013
Categoria/e: Anteprima, Rassegna Etica.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655