Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Sonno

Tag: sonno

Il Rituale Del Risveglio: Ecco Perché Svegliarsi Un’Ora Prima

0
rituale del risveglio

C’è un momento nella giornata che sembra tagliato dal tempo: è quello in cui, sebbene tu viva in una città frenetica, puoi sentire il fruscio del vento tra gli alberi perché le strade sono deserte, in giro non c’è nessuno, a quell’ora ci sei solo tu e il mondo che sta ancora dormendo. Quello è il momento ideale per rubare un po’ di tempo a Morfeo e dedicarti a qualcosa che ti fa stare bene (a parte dormire, ovviamente): il rituale del risveglio.

Il rituale del risveglio ti aiuta a cominciare la giornata col piede giusto

L’intuito e la fiducia si sviluppano attraverso l’amore

0

“Non c’è maggiore benedizione che una madre possa dare alla figlia di un senso affidabile della veridicità del proprio intuito.”
Clarissa Pinkola Estès, Donne che corrono coi lupi

Il potere educativo del sonno e della pausa

0

L’atto del dormire racchiude in sé un valore importantissimo. Permette all’Io vigile di abbandonare controlli e difese psicologiche, garantisce ad esso una depurazione e una rigenerazione, lo rende più attivo e vivace.

Provate a pensare a quando, per qualsiasi motivo fisico o mentale, non riuscite a dormire e trascorrete giorni e giorni senza un sonno adeguato e sano: le vostre energie sono scarse, il vostro umore è a terra, il vostro entusiasmo è assopito. Dormire ci rende vivi ma non è solo una questione fisica! E’ stato dimostrato che chi rimane vigile per tanto, troppo tempo (tre-quattro giorni di seguito) senza mai dormire va incontro ad allucinazioni e ad uno stravolgimento totale della propria personalità.

Montessori e sonno infantile: il bambino non è un “disturbatore del sonno” ma un “destatore di vita”

25

risvegli-notturni

Il sonno si sa è un argomento spesso spinoso per chi ha bimbi piccini, tranne forse per pochi “fortunati” il cui bimbo dorme tutta la notte senza svegliarsi mai. Inutili i consigli di amici e parenti (consigli tra i più disparati): “lascialo piangere nella sua camera, si calmerà…”,  “Non portarlo nel tuo letto altrimenti non lo togli più…”, “Dagli la camomilla…”, “Non farlo dormire di giorno…”. E le povere madri stremate di stanchezza cercano di applicare i preziosi suggerimenti chee chiaramente avranno scarso successo. E il solo risultato finale sarà l’inadeguatezza che la madre avvertirà verso di sè e verso il proprio bambino.

I bambini dormono troppo poco: ecco quanto dovrebbero dormire

0

bambini-che-dormono-troppo-poco

Sempre più bambini soffrono di carenza di sonno, quali sono le cause?

Un disturbo diffuso tra i bambini è  la carenza di sonno, perchè in pochi dormono quanto dovrebbero per la loro età.

Il poco sonno nel bambino, tra l’altro, ha caratteristiche diverse rispetto a quella dell’adulto: il primo non vuole dormire e si sforza di stare sveglio, il secondo vorrebbe dormire ma non ci riesce.

Le cause di questa carenza del sonno? Per otto casi su dieci, sono responsabili le cattive abitudini e gli stimoli esterni.

8 Cose da Non Fare Prima di Andare a Dormire

1

L’obiettivo di tutti quando ci corichiamo è dormire bene, riposarsi al meglio e svegliarci belli pimpanti al mattino. Ma non sempre accade, anzi. Ci sono però delle regole da seguire e delle cose da evitare prima di coricarsi che migliorano sicuramente il sonno e il riposo.

Queste otto cose che andrò a spiegare sono quelle che impediscono di prendere sonno e che rendono impossibile il completo riposo, tanto che l’intera dormita può essere considerata interamente in fase REM (Rapid eye movement) che sarebbe la fase del sonno nella quale il nostro corpo subisce alterazioni corporali fisiologiche come irregolarità cardiaca, respiratoria e variazioni della pressione arteriosa. La fase REM è detta anche sonno paradosso o sonno paradossale ed è accompagnata dai sogni.

Dimmi come dormi e ti dirò chi sei

0

Se da svegli possiamo mettere in moto difese e recitare così una parte a seconda della situazione e della persona che abbiamo dinnanzi, di notte nel sonno il nostro vero Io si manifesta senza pudore.

Durante periodo della notte, infatti, la nostra mente si riposa insieme al nostro corpo. Si allentano le difese e le nostre emozioni più represse, i nostri sogni più nascosti, le nostre paure pù recondite emergono pian piano finalmente indisturbate. Prendono voce mediante i sogni ma anche attraverso la posizione corporea che inconsciamente scegliamo per dormire.

I Gattini che Sbadigliano [Video contagioso]

0

Wikipedia ci insegna cos’è lo sbadiglio: è un riflesso di una profonda inalazione ed espirazione del respiro.

E noi spesso lo accompagniamo da vari versi e stiracchiamenti che ci danno un gran senso di benessere.

Ma non solo l’uomo è portato allo sbadiglio, perfino i pesci lo fanno!! Nell’uomo e nei vertebrati solitamente uno sbadiglio è associato al sonno, ma a volte è anche sintomo di noia o di stress… o anche di fame.

Sbadigliare ci fa stare meglio perchè aumentiamo l’ossigenazione del corpo e se la associamo allo stiracchiarsi allora anche le parti del nostro corpo magari intorpidite ne traggono sollievo.

Problemi con il sonno? Provate l’infuso di Passiflora!

0

Passiflora

La “Passiflora incarnata” è una pianta rampicante, perenne, ramificata. Con foglie lobate, alterne e lungamente picciolate. I fiori, di 4-6 cm, sono caratteristici con cinque petali ed una corona di filamenti di colore rosso violaceo. È diffusa nelle regioni meridionali dell’America del Nord e del Messico, ma viene coltivata anche in Italia.

La Passiflora tra le piante rilassanti è molto versatile per la sua notevole tollerabilità; ha principalmente un effetto rilassante, ma il suo utilizzo non dovrebbe essere limitato solo a quando si è tesi o si ha difficoltà a dormire. Infatti l’uso di una pianta rilassante come la Passiflora si può accompagnare a rimedi più specifici, ad esempio quando la tensione nervosa è alla base di disturbi quali le palpitazioni, dispepsia nervosa o intestino irritabile.

Semi di Zucca amici di Morfeo: ecco per quali ragioni farne uso

0

I semi di zucca sono antichissimi, ne sono state trovate tracce in reperti messicani risalenti al 6000 a.C ed a conferma di questo c’è il fatto che la zucca, in certe aree del Messico cresce ancora in modo spontaneo, il che ne giustifica la presenza in reperti così lontani nel tempo, si presume, infatti, che fosse uno degli alimenti base della dieta, semi inclusi o forse, secondo alcune ipotesi, inizialmente furono proprio i semi ad essere l’attrattiva alimentare principale, sembra infatti che il sapore delle zucche che crescono spontaneamente sia molto amaro, quindi è probabile che si utilizzassero esclusivamente o principalmente i semi.