Home Tags Mitologia

Tag: mitologia

L’enigmatica missione dello Scorpione: il rivelatore dei segreti

0
zodiaco-scorpione
Credit foto ©Pixabay

L’entrata del sole nella costellazione dello Scorpione segna i primi freddi della stagione autunnale e ci introduce al tempo dedicato ai defunti. È il tempo della nebbia, delle foglie morte che si decompongono sul terreno. La natura si spoglia, torna all’essenziale, e la linfa vitale si concentra nelle radici.

autunno-mese-di-novembre-nebbie
Credit foto
©Pixabay

Questo momento porta a risparmiare le risorse e si confonde con una morte apparente; ci porta verso la consapevolezza che in questo periodo dell’anno la maggiore attività si trova nella dimensione nascosta, invisibile agli occhi. Sotto la superficie. In questo periodo, Madre Natura ci invita a porre attenzione a tutto ciò che non vediamo o capiamo, a cercare la Verità nascosta, guidati dal guardiano e maestro di questo periodo: il segno dello Scorpione.

Il meraviglioso insegnamento della luna piena del grano

0
luna-del-grano-in-aquario
Credit foto ©Pexels

Questo mese di luglio è pronto a regalarci una notte magica baciata dalla Luna del Grano. Nella notte tra il 23 e il 24 luglio, precisamente alle ore 4:34, il nostro satellite raggiungerà il suo massimo splendore illuminando i campi di cui porta il nome.

La Luna di questo mese ha molti nomi: è chiamata Luna del Cereale, Luna del Malto, Luna della Mietitura, Luna del Grande Raccolto, Luna matura, Luna dei Cereali, Luna della Raccolta,… Questi nomi richiamano il tempo in cui i nostri antenati si rivolgevano alle fasi lunari che dettavano i tempi delle semine e dei raccolti, ed è proprio il raccolto ad essere il tema centrale di questa Lunazione che culminerà col plenilunio in Aquario mentre riceverà i raggi del Sole, nella costellazione del Leone.

Il filo di Arianna ti aiuta a non perderti nei tuoi labirinti interiori

0
donna-che-tiene-in-mano-filo
Credit foto ©Pexels

A volte abbiamo l’impressione di perdere il filo: il filo dei nostri pensieri, il filo della nostra vita, di perderci in situazioni complicate che ci sembrano senza via d’uscita, che ci fanno perdere la gioia di vivere, il coraggio di sperare in qualcosa di più di ciò al quale ci siamo abituati o forse rassegnati.

Ciò che possiamo fare in questi casi è fermarci un attimo, sederci su una sedia comoda, respirare lentamente, lasciare andare le tensioni e magari leggere una storia in grado di ispirarci, di richiamare le nostre doti immaginative, creative: i nostri tesori interiori.

Il mito di Pan e la sua energia “panica”, custode della creatività

0
flauto-di-Pan-appeso-ad-un-albero
Credit foto ©Pixabay

C’è nella mitologia una divinità particolare, ambigua, che ha lasciato un’impronta importante in ognuno di noi. Si tratta del dio Pan. Era un dio metà uomo e metà capra, figlio abbandonato dalla madre e portato nell’Olimpo da suo padre il dio Ermete secondo alcune versioni del mito, anche se si narra altrove di un Pan primordiale: un dio delle origini legato alla potenza della natura di cui era custode.

Era assimilato a Phanes (da phainō , “che porta la luce”), altro nome di Protogonos, il “primo nato”. Alcuni mitografi narrano che fu allattato da Amaltea assieme a Zeus, altri affermano che Pan era il più antico dell’Olimpo, colui che insegnò la divinazione ad Apollo ed addestrò i cani di Artemide.

Il Mito Di Amore E Psiche Insegna Come Amare Con L’Anima

0
Louvre-statua-amor-e-psiche
Credit foto ©Pixabay

I miti antichi sono dei piccoli scrigni di conoscenza, nascosti sotto mentite spoglie; non fa eccezione il mito di Amore e Psiche, noto racconto di Lucio Apuleio racchiuso nell’opera latina Le metamorfosi o L’asino d’oro. Secondo alcuni autori, questo mito rappresenterebbe la chiave di decodifica dell’intera opera dell’autore latino, nato intorno all’anno 125 d. C.

Il Mito della Fenice che Rinasce dalle Proprie Ceneri

0
mito-fenice-statua-photos-asia-vento-cina-pietra-
Credit foto ©Pixabay

La Fenice è per noi un simbolo di rinascita e resurrezione. La leggenda narra che poteva vivere fino a 500 anni e che prima di morire, costruiva un nido di mirra, incenso e cannella prima di offrirsi ai raggi incendiari del sole di cui, secondo una leggenda egizia, era l’anima in terra, fino ad essere consumata dalle fiamme. Dalle sue ceneri spuntava allora un uovo, che nell’arco di tre giorni, dava nascita alla fenice risorta semper eadem, “sempre la medesima”.

Il 13 Novembre Si Festeggia Feronia, La Dea Che Guida Dal Buio Alla Luce

0

C’era un tempo in cui sulla nostra penisola venivano celebrate feste di cui oggi non abbiamo più memoria. È il caso della festa che avrebbe avuto luogo oggi, 13 novembre, dedicata ad una divinità italica di epoca pre-cristiana: Feronia.

Il culto di questa dea legata alle nostre terre, e in particolare all’Italia centrale, fu introdotto nel 217 a.c e a lei era dedicato un tempio circondato da un boschetto nel Campo Marzio, oltre ad un santuario, il Fanum Feroniae, situato tra il Tevere e il monte Soratte; ma molti erano i luoghi di culto e i boschi sacri dedicati alla dea in antichità perché Feronia era venerata sia dai Romani che dai Sabini e dai Falisci, un antico popolo di Etruira meridionale.

Agosto, Il Mese Dedicato Alle Dee Madri e Alle Guarigioni

0

Aneddoto sulle origini di agosto: anche dietro ad un imperatore c’è una madre che veglia

Come luglio, il mese di agosto prende il suo nome dal primo imperatore romano: Gaio Giulio Cesare Ottaviano Augusto, meglio conosciuto come Ottaviano o Augusto, deceduto il 19 agosto dell’anno 14 a.c. Fu in seguito alla decisione del senato romano che questo mese cambiò nome, passando dal sextilis del calendario di Romolo all’agosto che conosciamo ancora oggi.

Liridi: le Stelle Cadenti della Lira di Orfeo

0
Liridi-Stelle cadenti

Ad aprile è la cometa Thatcher a regalarci emozioni, scoperta il 5 aprile 1861 da A. E. Tatcher, passa nel sistema solare interno ogni 415 anni, l’ultima volta è stato nel 1861 e ripasserà nel 2276, nel frattempo, quando la Terra attraversa la ‘nuvola’ di detriti lasciati dal passaggio della cometa, è possibile osservare lo sciame meteorico che è forse il più antico osservato per la prima volta dai Cinesi alcuni secoli A.C.: le Liridi.

 

Lo sciame meteorico delle Liridi è attivo dal 15 aprile al 28 aprile di ogni anno, con picco di attività il giorno 22; la media delle Liridi è di circa 15-20 meteore ogni ora ma ci sono osservazioni di anni passati che arrivano a 100!

Fate dell’acqua e folletti del bosco visibili solo a chi ha il cuore puro

0

Spiriti dei corsi d’acqua, gnomi, folletti, diavoli, sono tante le creature fantastiche che abitano le aspre terre del Friuli Venezia Giulia, espandendosi in alcuni casi fino al vicino Veneto. Dalle Agane, ambigue ninfe protettrici dei corsi d’acqua, ai famosi Sbilfs, folletti di varie tipologie molto attaccati alla natura ma anche terribilmente dispettosi con gli uomini, fino ad arrivare ai Guriuz. Scopriamo i segreti del piccolo popolo friulano.

LE AGANE O AGUANE