Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags IKEA

Tag: IKEA

Ikea aiuta i cani senza casa

0

ikea_cani2

IKEA è sempre alla scoperta di nuove iniziative, questa volta si tratta di aiutare i cani dei canili a trovare un padrone e per farlo ha trovato un’idea davvero originale, ha infatti realizzato una campagna di adozione direttamente nel negozio, con dei cartonati con le sagome dei cani che chiedono di essere adottati.

Ogni sagoma rappresenta un cane o un gatto del canile e mostra ai clienti come sarebbe la casa con un amico in più al suo interno. Ogni sagoma è provvista di un codice QR scannerizzabile con uno smartphone, e dal quale è possibile ricevere informazioni sull’animale raffigurato.

IKEA ritira 4 milioni di prodotti pericolosi per i Bambini

0

E’ stata una decisione importante quella che ha dovuto prendere il più grande negozio di arredamento svedese, IKEA,  quando ha dovuto far ritirare dai suoi scaffali ben 4 milioni di lampade destinate alle camerette dei bambini.

Sul sito americano dell’IKEA si può leggere la lettera di richiamo:

IKEA invita tutti i clienti che hanno una lampada da parete per bambini di controllare immediatamente che la lampada ed il cavo siano fuori dalla portata dei bambini e saldamente fissati alla parete. I cavetti della lampada allentati possono presentare un rischio di strangolamento per lattanti e bambini.

Ikea Perde la Certificazione FSC per aver usato alberi secolari

0

I magazzini Ikea, il simbolo del comfort nord europeo, della “casa” intesa nel senso più profondo, un business che reggeva sul rapporto qualità prezzo e sull’idea di “faidate” , assolutamente falsa considerando che di fatto il faidate prevede, o almeno dovrebbe prevedere, anche una certa originalità della cosa, originalità completamente assente quando si parla di mobili Ikea, che hanno reso anche le case italiane delle copie di quelle svedesi, dove tutto è allineato e, apparentemente, a misura d’uomo non sono, però, a misura d’ambiente!

Lo spot virale di Ikea che invita a “Cominciare qualcosa di nuovo”

0

Il nuovo spot dell’Ikea spagnola apparsa su You Tube ad Agosto è subito diventato virale.

S’intitola “Cominciare qualcosa di nuovo” ed è un vero e proprio invito a vincere la pigrizia fisica e mentale e a lanciarsi nel nuovo. Nello spot un vecchietto decide di comprare una sedia e questa sua decisione lo porta a cambiare completamente la sua vita…

Eccovi il filmato!

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Ikea: ritirata tazza per rischio di ustioni

0

Questa la comunicazione che trovate sul sito dell’Ikea datata 5 giugno 2013 (http://www.ikea.com/ch/it/about_ikea/newsitem/LYDA_recall_050613):

“IKEA invita i clienti in possesso di una tazza LYDA a smettere subito di usarla e restituirla in qualunque negozio IKEA per un rimborso completo.

Le tazze possono rompersi quando vi si versa dentro del liquido, con conseguente rischio di ustioni.

IKEA ha ricevuto venti rapporti di rottura delle tazze durante l’uso, compresi tre referti di lesioni. Le tazze in questione sono state vendute tra l’agosto 2012 e il aprile 2013.

Questo ritiro non riguarda nessun’altra tazza IKEA.

Ci scusiamo per eventuali inconvenienti”.

Fonte: www.ikea.com

Ikea ritira le polpette. Famiglia avvelenata

0

Una famiglia composta da due adulti e tre bambini hanno avuto un malore dopo aver pranzato nel ristorante Ikea di Lisses, vicino Parigi in Francia. Tutti e cinque avevano mangiato da poco polpette di carne.

Una volta andati in ospedale la diagnosi è stata di avvelenamento. Sono stati fortunatamente dimessi in giornata senza gravi conseguenze.

A riferire la notizia è stato il quotidiano Le Parisien . L’azienda ha deciso, in seguito all’accaduto, di ritirare per precauzione la tipologia di polpette sotto accusa in tutto il territorio francese.

Ora si attendono i risultati degli esami effettuati sulle polpette di carne per comprendere il perchè di questo avvelenamento.

Ikea ritira le lasagne di alce perchè contengono tracce di maiale

0

La notizia è fresca fresca: un altro ritiro da parte del colosso Ikea dopo quello recente relativo alle famose polpette con carne di cavallo.

Questa volta si tratta delle lasagne di alce (si mangiano proprio tutti gli animali!!!) poichè  esami di laboratorio hanno confermato la presenza nel prodotto di tracce di carne di maiale non segnalata negli ingredienti.

Questa la dichiarazione della portavoce dell’azienda svedese Tina Kardum: “Abbiamo ricevuto conferma che una parte della produzione contiene carne di maiale in quantità molto piccola, circa l’1%”. Percentuale molto piccola ma pur sempre presente! Così sono state ritirate circa 17.000 confezioni in tutti i negozi Ikea d’Europa.

Ikea: ritiro di prodotti alimentari per colibatteri fecali

0

Le autorità di frontiera cinesi hanno fermato alcuni prodotti alimentari appartenenti al gruppo svedese Ikea in transito alla dogana a causa di parametri non idonee nelle analisi sanitarie.

L’Ikea si è vista così costretta a fermare la vendita dei «dolci al cioccolato». Si sarebbero trovati colibatteri fecali nelle tortine al cioccolato: immediato il ritiro del prodotto in 23 Paesi.

Questi batteri rappresentano solitamente una spia di una contaminazione fecale, anche se non sempre è così. Una portavoce dell’azienda svedese ha dichiarato che è necessario conoscere i livelli quantitativi dei batteri sotto accusa poichè una minima presenza non è pericolosa per la salute pubblica.

Bomboniere solidali e significative? Ci pensa il WWF

0

regali solidali

Ognuno di noi ha partecipato nella propria vita a ricorrenze importanti e liete come battesimi o matrimoni o lauree. Talvolta siamo stati anche i protagonisti di questi eventi. A farci rivivere le emozioni di quei giorni, oltre alla miriade di fotografie, ci sono le bomboniere.

Ma spesso queste ultime non riescono nell’intento e così ci ritroviamo per la casa ciotole, vasi o portafoto che magari non utilizziamo e di cui non ricordiamo nemmeno l’origine.

Gli oggetti scelti come bomboniere, poi, quasi mai rispecchiano ciò che l’evento rappresenta davvero e addirittura la maggior parte delle volte risultano inutili per chi li riceve.