Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Educare

Tag: educare

Il video che insegna ad Educare senza Limitare

0
Educare

Spesso ci troviamo a spiegare ai nostri figli come fare le cose, anche quelle più semplici, mostriamo loro come fare e ci aspettiamo che loro le facciano allo stesso modo, ma ogni individuo e quindi anche i nostri bambini, hanno un loro modo per fare le cose e di vedere il mondo, e non possiamo pensare che il nostro modo sia l’unico corretto.

Educare

Bambini Felici, Non Perfetti: Questo è il Modo Migliore per Crescerli

0
Bambini Felici

Fatevi una domanda: “cosa volete per i vostri figli?

Molti genitori d’istinto risponderanno la felicità, ma pensateci un attimo. In sostanza vorreste che fossero preparati per affrontare la vita, diventare bravi professionisti, con un buon lavoro, una famiglia perfetta con il compagno perfetto, tanti soldi… ma è questo che veramente vogliono i vostri figli?

Certo se ci si rifà allo stereotipo del bambino perfetto delle riviste patinate dove sono sempre puliti, in ordine, non fanno mai i capricci e non fanno chiasso, e se poi aggiungiamo anche la visione di uomini e donne di successo tutti perfettini, belli e imbalsamati, allora uno può anche pensare di volere quello per i propri figli: la finta perfezione della cultura moderna.

Per educare un bambino bisogna prima educare se stessi

6

sgridare-bambina

Per educare un bambino bisogna prima educare se stessi e questo lo dicono in tutte le pedagogie del mondo (ad eccezione del mondo televisivo!).

“L’adulto non ha compreso il bambino e l’adolescente e perciò è in continua lotta con lui: il rimedio non è che l’adulto impari qualcosa intellettualmente o che integri una cultura manchevole. No: è diversa la base da cui bisogna partire. Occorre che l’adulto trovi in sè l’errore ancora ignoto che gli impedisce di vedere il bambino” Maria Montessori ne “il segreto dell’infanzia”

Il misterioso senso dell’ordine nei bambini: Maria Montessori ci spiega il perchè!

2

ordine-montessori

“Quando si parla di sviluppo, di crescenza, si parla di un fatto constatabile esteriormente, ma che è stato da ben poco tempo penetrato in qualche particolare del suo meccanismo interno. Negli studi moderni vi sono due contributi per penetrare tale conoscenza: uno è lo studio delle glandole a secrezione interna, che riguardano la crescenza fisica e si sono rese subito popolari per la immensa influenza che hanno avuto sulla cura dei bambini. L’altro è quello dei periodi sensitivi, che apre nuove possibilità di comprendere la crescenza psichica.

Piercarlo Morello il Primo Ragazzo Autistico che si Laurea

0

“Io, primo laureato autistico esco dalla prigione di cristallo”

Un grande traguardo quello raggiunto da Piercarlo Morello, 33 anni, di Volgapo del Montello (Treviso), che è riuscito a diventare dottore all’università di Padova con una laurea magistrale in Scienze umane e pedagogiche con un voto di 96/110.

La sua tesi, “Morello Inclusione e ben-essere sociale. Una storia d’autismo per capire“, è stata discussa attraverso un computer con tastiera semplificata, all’interno della sala delle Edicole, in piazza Capitaniato.

Kayden Scopre la Pioggia per la Prima Volta, un Video che Apre il Cuore

0

I bambini hanno bisogno di conoscere se stessi tanto quanto hanno bisogno di conoscere il mondo; e queste informazioni si ottengono soltanto agendo nel mondo, cioè tramite l’interazione reale fra esseri umani. I bambini hanno bisogno di più esperienza e meno televisione.

[John Condry]

Ed è proprio vero, i bambini devono interagire con il mondo, e non parlo di mondo virtuale, ma di quello reale, i bambini hanno bisogno di sporcarsi, di cadere, di sbucciarsi le ginocchia, di arrampicarsi sugli alberi, rotolarsi nella neve e camminare sotto la pioggia. Quando avranno fatto queste cose saranno bambini più consapevoli di loro stessi, sapranno che la neve è fredda quando si infila sotto la giacca, conosceranno il sapore della terra e sapranno quanto fa male scivolare sull’asfalto. Ma solo così arriveranno a capire  veramente le cose.

E’ Nata una Scuola Senza Orari e Senza Banchi

0

Una realtà completamente diversa, una scuola completamente diversa, libera da vincoli di orari, di postura e di costrizione. Questo è quello che è la scuola Vittra in Svezia, una scuola rivoluzionaria dove gli studenti sono liberi con il concetto di spazio/tempo diverso da quello al quale siamo abituati.

La classe in se non esiste, come non esistono i banchi e le sedie, lo studio è organizzato in una sorta di “piazza” centrale aperta, mentre le stanze hanno pareti di vetro in modo che non si senta il senso di chiuso di oppresso, ma solo un senso di spazio e libertà.

Perché la Maggior Parte delle Famiglie ha Solo 2 figli

0

Ho tradotto per voi questo discorso preso dal blog di Lindsay Boever, My child I love you.

Vi invito a leggerlo e a riflettere sul suo ragionamento.

 

Family2

La scuola steineriana e la libertà dei bambini

0

“Il nostro obiettivo: elaborare una pedagogia che insegni ad apprendere, ad apprendere per tutta la vita dalla vita stessa” Rudolf Steiner

La scuola steineriana nasce per caso nel 1919 quando a Stoccarda viene affidata la direzione di una scuola, destinata all’istruzione dei figli degli operai della fabbrica di sigarette di Emil Molt, al filosofo, pedagogista Rudolf Steiner.

La fabbrica si chiamava Waldorf-Astoria e da qui prende il nome di metodo Waldorf, utilizzato in più di 1.000 istituti e 1.600 scuole materne in tutto il mondo.

Ma in cosa consiste questo metodo di insegnamento tanto discusso?

Insegnanti: 12 Regole per Diventare l’Eroe della Classe

0

Notizia allarmante quella che proviene dal Segretario dell’Istruzione degli Stati Uniti, Arne Duncan, che conferma i dati di un recente studio secondo il quale gli americani adulti sono molto al di sotto della media in matematica, tecnologia e alfabetizzazione, rispetto a 24 altri paesi sviluppati,

Addirittura, in Florida, un gruppo di genitori stanno intentando una causa contro lo Stato per aver trascurato la propria responsabilità di offrire una formazione “efficiente, sicura e di alta qualità” ai loro figli.