Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Animali

Tag: animali

Ripopolamento delle specie a rischio

0

Ogni tanto qualche bella notizia dal mondo animale che grazie allo sforzo delle associazioni animaliste e anche grazie alle autorità, si stà lentamente ripopolando di animali dei quali si rischiava l’estinzione.

In varie zone d’Italia, difatti, ci sono stati avvistamenti di animali rari dei quali non si sperava più in un ripopolamento.

In boschi, fiumi e laghi come ad esempio in Trentino dove ci fu un drastico calo di esemplari di Orso, ma è di qualche giorno fa la notizia che un’orsa con i suoi tre cuccioli sia stata avvistata sulla statale della Gardesana, all’imbocco delle strade che portano alla valle dei laghi. Ma l’orsa ha un’altra particolarità oltre ad essere stata avvistata in pieno giorno che vagava tranquilla, uno dei suoi cuccioli è un rarissimo orso albino con un manto candido quasi a sembrare un lontano parente polare.

Sperimentazione animale, ecco i “contro”

3

Ecco un esempio di come  la sperimentazione animale ha fuorviato anni di studi e ha ritardato risultati clinici.

Da un estratto di un articolo della LAV

…Kunlin fece un’indagine che copriva 200 anni di osservazioni cliniche su di un raro “esperimento della natura” chiamato aneurisma arteriovenoso (AA). I pazienti affetti da AA hanno le vene che pulsano come arterie e che si intasano come fossero arterie.
Prima di Carrel, lunghi studi sulle vene di pazienti affetti da AA avevano portato alla conclusione che le vene umane potessero sopportare la pressione sanguigna relativamente alta del sistema arterioso. Kunlin, cosciente di questi studi clinici, decise di usare un segmento di vena dello stesso paziente per fare un by-pass nell’arteria ostruita.
Funzionò molto bene. Sfortunatamente, in seguito, ricercatori americani vollero innestare segmenti di vene nel sistema arterioso dei cani.
E cosa accadde ? Gli innesti venosi diedero luogo ad aneurismi. L’esperimento fu riportato nel 1952 all’annuale convegno dell’”American College of Surgeons” (Collegio Americano dei Chirurghi) e creò molta agitazione.

Ucciso il Bufalo Bianco Texano

0

Il rarissimo animale bianco era simbolo del ritorno della pace e della prosperità fra le tribù indiane americane

Randy Meeks, sceriffo della Hunt County in Texas, non pensa ad altro: sa che deve scoprire in fretta il colpevole se vuole evitare che la sua comunità, e forse gli Usa, regrediscano ad uno stato di guerra coi Lakota Sioux.

Una firma per gli animali non costa nulla può fare tanto

0

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ scoppiata una polemica quando sul settimanale “Chi” è apparsa l’intervista di Don Mazzi nella quale invita a fare donazioni «a chi salva le vite umane, invece di spendere per cani e gatti». Sopratutto il parroco Don Manzo replica alla dichiarazione del prete dicendo che “gli animali sono sotto lo sguardo di Dio, che li ha creati con amore. Perciò dobbiamo prendercene cura, sapendo che non siamo padroni della Creazione, ma suoi custodi”, da ricordare anche che ogni 4 ottobre nella chiesa di San Massimo di Via Mazzini a Torino, in occasione della festa di San Francesco, si benedicono gli animali: decine tra cani, gatti, canarini, conigli. Un’iniziativa nata dai parrocchiani e dall’associazione animalista Apda.

La pubblicità pro-vivisezione

0

Gli animalisti fanno paura, fanno tanta paura al punto che i vivisezionisti devono fare pubblicità al loro atroce programma di morte per toccare l’emotività della gente. Un’organizzazione globale di ricerca biomedica ha promosso una campagna pubblicitaria dove su di un cartellone è rappresentata una cavia che “dice” ad una bambina “Un giorno potrei salvare la tua vita”.

La campagna è portata avanti da una fondazione internazionale chiamata Foundation for Biomedical Research (FBR) con il contributo economico di case farmaceutiche, centri di ricerca e allevamenti di animali da laboratorio.

Maltrattamento di Animali, tutela per tutti anche per gli animali dei circhi

0

 

Il maltrattamento di animali è il reato previsto dall’art. 544-ter del Codice Penale ai sensi del quale:

1. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 1 anno o con la multa da 3.000 a 15.000 euro.

2. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi.

Tigri di contrabbando

0

Bangkok, Thailandia il regno delle tigri, dove è stato creato un monastero solo per loro, qui è stato arrestata una rete di trafficanti di questi splendidi animali.

Erano 200 animali in tutto, alcuni in via di estinzione, tigri, leoni albini, pantere e sono stati sequestrati tutti dalle autorità tailandesi nel corso di un raid contro una rete di trafficanti nella provincia di Saraburi, Thailandia centrale.

“Il proprietario degli animali non ha fornito i documenti legali per le cinque tigri e pertanto è indagato per violazione della legge sulla tutela e la conservazione della fauna selvatica”, ha indicato il tenente colonnello Adtapon Sudasi, agente della polizia criminale per i reati ambientali.

Le case di riposo e gli amici a quattro zampe….

3

Quante volte capita di vedere annunci riguardanti animali abbandonati perchè i loro padroni sono stati ricoverati presso ospizi o case di riposo. Purtroppo in tante strutture non possono entrare gli animali figuriamoci pernottare. Quello che però non si sa è che il regolamento comunale di Torino prevede l’inserimento degli animali da compagnia nelle strutture adite all’accoglienza degli anziani padroni autosufficienti in grado di accudirli.

Un’ottima notizia quindi per tutte quelle persone e tutti quegli amici pelosetti che patiscono la separazione. Peccato però che il regolamento non ne imponga l’obbligo, ma solo l’eventualità e quindi nessuna struttura accetta animali. Vediamo nel dettaglio quali istituti si sono rifiutati di accogliere  la nonna col suo cagnetto.

Denunciamo i maltrattamenti sugli animali

0

Affrontiamo un argomento delicato, spesso ci capita di sentire parlare di maltrattamenti, di abusi e di mancanza di rispetto verso i nostri amici animali… ma a chi ci dobbiamo rivolgere se per caso dovessimo incappare in uno di questi episodi???

Bhè sicuramente in primo luogo deve partire una denuncia alla polizia o ai carabinieri, ma il maltrattamento di fatto chi lo verifica?

 

Secondo l’Ufficio legale della LAV non c’è bisogno dell’accertamento di un veterinario Asl per raggiungere la prova di fronte a casi di flagranza di soprusi e violenze, sia fisiche che psicologiche, subite dagli animali.

La Lombardia vuole chiudere Green Hill

1

Le regione Lombardia promuove un progetto di legge a favore della chiusura di Green Hill, e si fa promotore di un movimento che lentamente sta prendendo coscienza. Il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni con l’On. Michela Vittoria Brambilla, ha presentato il progetto di legge regionale per vietare l’allevamento di cani, gatti e primati destinati alla vivisezione; primo firmatario, il Consigliere Giorgio Puricelli (PDL).

“Non è la prima volta che la Regione Lombardia si schiera contro gli allevamenti di animali destinati alla sperimentazione e a favore dei metodi alternativi di ricerca -dichiara Michela Kuan, responsabile nazionale LAV settore vivisezione –  E’ necessario che i diversi Gruppi Consiliari agiscano compatti e in coerenza con quanto fatto sino ad oggi per contrastare la vivisezione”.