Ambiente
Inquinamento
Primo piano

I Figli di Černobyl [video]

Di Valeria Bonora - 4 Aprile 2013

Mancano 20 giorni all’anniversario dell’esplosione del reattore n°4 di Černobyl. Sono passati 27 anni ma non per questo dobbiamo dimenticare.
 
Era il 26 aprile 1986 alle ore 1:23:00 circa, la centrale nucleare era la V.I. Lenin, situata in Ucraina settentrionale. L’incendio proseguì per 10 giorni: i gas e le polveri sottili vennero trasportati attraverso le correnti d’aria nella maggior parte dei paesi dell’Europa Centrale e del Mediterraneo, ricadendo al suolo con le intense precipitazioni dei mesi di aprile e maggio. Dalla centrale nucleare fuoriuscirono 50 tonnellate di materiale radioattivo (equivalenti all’esplosione di 10 bombe atomiche) che coinvolsero 5 milioni di persone e 5 mila villaggi.
I morti furono 65 accertati e furono stimati altri 4.000 decessi dovuti a tumori e leucemie. I dati ufficiali però Greenpeace li contesta e presenta cifre che arrivano fino a 6.000.000 di decessi su scala mondiale.
Questo è un video per non dimenticare quello che succede dopo l’esplosione, quando la nube tossica si deposita, quando tutto torna calmo, ma quando ormai il mostro radioattivo si è radicato nelle persone, è penetrato nelle loro carni e ha prodotto i figli di Černobyl.
 
Proprio stasera al telegiornale è stata data la notizia di una presunta minaccia da parte delle Corea di un attacco nucleare all’America. Questo è un video che dovete vedere per realizzare cosa vuol dire “nucleare” e cosa viene dopo il nucleare.
Malformazioni congenite dovute a forti dosi di radiazioni, immagini dure ma che con coscienza non dobbiamo non guardare, dopo 27 anni dal disastro nucleare che ha colpito tutto il mondo non solo Černobyl.
 

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)