Il viso è una parte del nostro corpo composta anch’essa da muscoli, ma non siamo abituati ad allenarli come gli altri. Eppure è la mappa della nostra anima, il biglietto da visita della nostra interiorità.

Prenderci cura del nostro viso è un importante atto d’amore verso noi stessi.

Come il volto è l’immagine dell’anima, gli occhi ne sono gli interpreti.

(Marco Tullio Cicerone)

Leggi anche —> Analisi del viso per scoprire come stai

Yoga del viso: cos’è

Lo yoga del viso è una pratica naturale e semplice adatta a tutti e può essere praticata a casa per pochi minuti al giorno. Si basa sui principi della contrazione muscolare e della respirazione. Basta posizionarsi dinnanzi ad uno specchio e contrarre per pochi secondi i vari muscoli del viso uno alla volta  (bocca, occhi, fronte, zigomi ecc.) e poi rilassarli respirando tra una contrazione e l’altra. Si consiglia di ripetere l’esercizio una ventina di volte. Così facendo vengono attivati i vari muscoli facciali che divengono più tonici e meno rilassati.

E’ sempre buona abitudine procedere prima con una breve fase di riscaldamento dove ogni muscolo del viso compreso il collosi attiva: basta fare un grande sorriso, far uscire la lingua, strizzare gli occhi, far ruotare la testa e via dicendo.

Lo yoga del viso si può compiere senza alcun strumento oppure, per aumentarne l’efficacia, si può abbinarlo ad un facial rolle, una sorta di piccolo massaggiatore viso, che riesce a stimolare ancora di più la circolazione sanguigna premendolo leggermente su tutto il viso.  Per completare la sessione di yoga facciale si può utilizzare anche una pietra chiamata Gua Sha da posizionare soprattutto lungo i contorni della mascella per renderne i contorni più tonici.

donna che si massaggia il viso
Credit foto
©Pexels

Dopo lo yoga facciale è importante dedicare attenzione al viso con un massaggio mediante un siero o un olio adatto che amplifica i benefici della seduta di yoga e rilassa i muscoli facciali.

I benefici dello yoga facciale

Sono innumerevoli i benefici dello yoga facciale. Innanzitutto già solo il fatto di prendersi del tempo per fermarsi, guardarsi allo specchio senza fretta e dedicarsi al nostro viso spesso trascurato è un atto d’amore per se stessi grande e potente.

Gli esercizi dello yoga facciale poi migliorano la circolazione del sangue, rendono la pelle più elastica, tonica e brillante, possono correggere alcune asimmetrie del viso, diffondono il rilassamento, fanno sperimentare espressioni del viso poco o per nulla usate solitamente, generano un benessere diffuso in tutto il corpo.

Stare dinnanzi allo specchio a guardarsi il viso è un modo di guardarsi dentro, di conoscersi attraverso le espressioni e gli esercizi, di sperimentare espressioni buffe, divertenti e particolari, è un modo di spegnere la mente.

L’anima si rivela in maniera estremamente potente sui nostri volti e sui nostri corpi.

(Ann Brashares)

Prendersi cura del proprio viso per prendersi cura della propria anima

E’ di fondamentale importanza riuscire a dedicare del tempo al nostro viso e lo yoga facciale può aiutare a ricordarci di questa nostra parte del corpo spesso dimenticata. Se infatti diviene un’abitudine quotidiana da svolgere per esempio la mattina appena alzati o la sera prima di andare a dormire il nostro viso potrà divenire tonico e più rilassato dopo poche settimane di pratica.

Leggi anche —> Alzarsi presto la mattina: 10 benefici

Entrando in relazione con il nostro viso, sia con il tatto che con la vista, riusciremo ad entrare in relazione con la nostra anima: è un modo di prenderci cura delle nostre emozioni, delle nostre rughe che ci parlano e ci raccontano del passato, della nostra pelle che cambia ogni giorno, delle nostre espressioni che sono lo specchio dei nostri pensieri.

Un giorno, nella vita, qualcosa si getta su di noi e ci dà il nostro volto.

Non è il volto di quando siamo nati, è il volto in cui prende forma il nostro modo di sorridere, di guardare le cose, di stupirci, di avere paura.

Quel volto può nascere in qualsiasi momento.

Poi resta nostro per sempre.

(Fabrizio Caramagna)