Animalismo
Cura degli Animali
Primo piano

Pulizia degli amici pelosi in 5 mosse

Di Valeria Bonora - 5 Novembre 2012

Siamo sempre di corsa e puntualmente cos’è che passa in secondo piano? La pulizia del peloso di casa, ma non dobbiamo per forza prenderci una giornata libera per occuparci della sua igiene, bastano 5 trucchetti che ci insegna PawNation per tenere cane e gatto sempre puliti e in un ambiente pulito.
Cinque facili cose da fare ogni giorno, non richiedono più di 5 minuti ogni una e facendole tutti i giorni, il problema pulizia cane o pulizia gatto non esisterà più.
Spazzola: è lo strumento più importante per la cura del manto di cane e gatto. Pettinando con regolarità il loro pelo, infatti, si riduce la possibilità che questo si sparga per tutta casa o rimanga a contatto con l’animale, con il rischio che venga ingerito o penetri nelle vie respiratorie;
Aspirapolvere: l’aspirapolvere è l’amico di tutte le casalinghe, ma forse non tutti sanno come non sia sempre sufficiente per gli ambienti frequentati da cani e gatti. Anziché passare semplicemente l’aspiratore sul tappeto preferito di Fido, è consigliabile batterlo all’aperto con apposite spazzole prima dell’operazione. Inoltre, un lavaggio igienizzante ad alte temperature è consigliato almeno una volta al mese;
Tamponi: in caso cani e gatti si macchiassero con qualche sostanza casalinga – un detersivo, ad esempio – o lasciassero i loro bisognini sul divano in salotto, il metodo più rapido per pulire è l’uso di tamponi. Una spugna, una salvietta, un rotolo di carta superassorbente: non bisogna mai fregare con vigore sulla macchia, bensì raccogliere i fluidi. Questo vale soprattutto quando si cerca di pulire l’animale da un incidente domestico, perché i movimenti vigorosi possono irritare pelle e pelo;
Zampe: nella pulizia di un animale domestico, spesso ci si dimentica delle zampe. In realtà, è consigliato passare un morbido panno ogni volta che cani e gatti passano dall’esterno all’interno dell’abitazione, perché fra i cuscinetti delle loro zampe potrebbero essere presenti terriccio e fango di primo acchito non visibili;
Lavatrici: bisogna ricordarsi, di tanto in tanto, di lavare tutti i tessuti appartenenti a cani gatti: coperte, cappottini e guinzagli, quest’ultimi purché non in pelle. Non serve fare un carico di lavatrice apposito per questi strumenti: si possono unire ai bianchi molto sporchi, come stracci e panni per le polveri. Evitare, invece, di lavare indumenti animali insieme agli abiti dei loro padroni.
 
Facile no? Basta poco per tenere pulito il cane o il gatto e anche la casa!
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente
Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUIe poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser
Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)