Animalismo
Notizie dalla Lav
Primo piano

Divieto di usare randagi per la vivisezione

Di Valeria Bonora - 24 Ottobre 2012

Una notizia direttamente dal sito della LAV:
La direttiva europea 2010/63 sulla vivisezione che entrerà in vigore dal 1° gennaio prossimo prevede ancora, come la precedente n.609 del 1986, la possibilità di utilizzare – in deroga a un flebile divieto generale – cani e gatti randagi per la sperimentazione.
Prima con la Legge 281 del 1991 per la tutela degli animali d’affezione e la prevenzione del randagismo e poi, un anno dopo, con il Decreto Legislativo 116 del 1992 sulla vivisezione, l’Italia aveva introdotto e confermato il divieto di utilizzazione almeno di queste due categorie di animali.
Ora il pericolo, concreto, che con il Decreto Legislativo che recepirà la direttiva 2010/63 salti questo pur minimo divieto, è stato sventato.
Questa mattina, durante un incontro presso il Ministero della Salute, Gianluca Felicetti e Roberto Bennati (presidente e vicepresidente LAV) hanno raccolto il formale impegno della Dott.ssa Gaetana Ferri, Direttore Generale della Sanità Animale e del Farmaco Veterinario, a inviare alla Commissione Europea di Bruxelles la lettera, prevista dall’articolo 2 della direttiva stessa entro il 1° gennaio prossimo, per “mantenere le disposizioni vigenti al 9 novembre 2010, intese ad assicurare una protezione più estesa degli animali che rientrano nell’ambito di applicazione della presente direttiva rispetto a quella prevista nella presente direttiva” ovvero il divieto di utilizzazione dei randagi, senza eccezioni, per la sperimentazione.
La LAV esprime soddisfazione per questo impegno del Ministero della Salute e invita tutti a concentrare gli sforzi per l’approvazione in Senato dell’articolo 14 della Legge Comunitaria 2011 contro la vivisezione e per far chiudere definitivamente allevamenti come Green Hill così come a proseguire le battaglie contro l’utilizzo di tutti gli animali per la sperimentazione a prescindere da provenienza e specie.
Voi cosa ne pensate? Riusciremo a far cessare la vivisezione? Lasciate un commento.
[fonte LAV]
 
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente
Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUIe poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser
Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)