Animalismo
Primo piano

Aperta la prima macelleria di carne "umana"

Di Valeria Bonora - 5 Ottobre 2012

Si avete letto bene, una macelleria di carne umana. Purtroppo però è solamente una trovata pubblicitaria della Capcom per il lancio europeo del videogioco Resident Evil 6 avvenuto il 2 Ottobre.
La Capcom ha pensato bene di far aprire una macelleria al London’s Smithfields Meat Market, il vecchio mattatoio della città trasformato in un mercato della carne e dei suoi derivati, aperto ogni giorno dalle 4 del mattino per soddisfare i clienti più esigenti, i ristoranti e i negozi.
La macelleria è stata attrezzata da poter “lavorare” e decorare la carne di centinaia di animali in modo da darle un’aspetto umano, un gesto davvero di cattivo gusto, gli animali uccisi e usati per provocare, per promuovere un video gioco.
I giocatori saranno in grado di acquistare salsicce umane e bistecche di coscia d’uomo ‘”, dice la Capcom,” insieme ad alcuni vasi realizzati appositamente di erba rossa e erba verde. ” (n.d.r. ingredienti legati alla sopravvivenza nel gioco)
Il listino recita: mani per £ 5,99, piedi per 6,99 £, peni di salsiccia per £ 1.99. Per la vendita è stato fatto anche un grande torso maschile.
Il manager Adam Merrett ha dichiarato “Noi di Capcom, siamo entusiasti di poter offrire questo scenario“. “Se il C-Virus (n.d.r. virus creatore di zombi nel gioco) diventasse una realtà, non ci sarebbe più speranza nel mondo, e così vogliamo creare la paura e la tensione che i fan e nuovi giocatori sperimenteranno in Resident Evil 6 nel mondo reale.”
Siamo estremamente orgogliosi di lavorare con questi talenti degli alimenti. Contribuiranno a portare Resident Evil 6 nella vita attraverso i sensi umani, rimpolpando la paura e la realtà potenziale, per mostrare a cosa si andrebbe incontro per sopravvivere se il C-virus invadesse il mondo.
Queste parole mi lasciano piuttosto perplessa, davvero se arrivasse un virus letale inizierei a mangiare carne umana? A parte questo nessun rispetto per gli animali che hanno “prestato” le loro carni per questa, perdonatemi la franchezza, buffonata.
Volevano provocare l’opinione pubblica? Per ora hanno provocato solo disgusto. Ci insegnano che non si gioca col cibo, ma qui si è superato veramente il limite.

Non credo che a nessun sano di mente verrebbe in mente di farsi una risata davanti a decine di corpi mutilati a forma di mani, piedi, braccia ed altre parti di cadavere umano, anzi credo che dopo il primo senso di stordimento possa anche salire la rabbia di veder disprezzata in questo modo la vita.
La casa nipponica si è spinta veramente oltre il giustificabile per poter sperare di impressionare i consumatori ed incassare qualche soldo in più.
Inoltre anche la stampa ridicolizza l’orrore: “tranquilli, non si tratta di carne umana altrimenti sarebbero già scattate le manette per qualcuno…” non sarà umana ma non è neppure un giocattolo erano animali, che già è brutto ucciderli per nutrirci, ma anche trasformare le loro carcasse per puro piacere ludico… anzi neppure… per pubblicizzare un videogame!
Per gli animali è proprio il caso di dire… oltre il danno, la beffa.
Di seguito la galleria fotografica della macelleria, oltre l’orrore anche il cattivo gusto.
Le immagini sono un po’ angoscianti ma a pensarci non fanno impressione, ma solo tristezza.
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente
Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUI e poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser
Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!




Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)