Fra le meraviglie che ci sono pervenute dall’antichità non vi sono solamente costruzioni, opere d’arte e di cultura, ma anche una saggezza ed una conoscenza spiazzanti per quanto ancora – e forse sempre – attuali. Questa conoscenza giunge dalle più svariate presenze umane nel mondo, in ogni suo angolo e in ogni sua differente forma, nella quale ognuno può ritrovare la propria, soggettiva e perfetta, poiché sempre perfetta se soggettiva. La conoscenza che arriva dal passato e che ha preservato in linea di massima le condizioni e gli sviluppi autoctoni riguarda ad esempio le varie tipologie di divinazione.

DIVINAZIONE

Gli antichi, in ogni cultura tanto occidentale quanto orientale, essendo forse meno condizionati dalle comodità e più in connessione con l’essenza immediata di se stessi e della terra, si affidavano per le loro scelte quando necessitavano di un supporto o consiglio, alle più svariate tecniche di divinazione per ottenere un barlume di conoscenza, per orientare il corso delle loro azioni al flusso del loro destino. Le più famose sono le consultazioni di tarocchi od oracoli, come ad esempio quello di Delphi in Grecia.

La divinazione può essere induttiva quando ci si affida all’interpretazione di simboli, situazioni, rituali da parte di un individuo che potrebbe essere superficialmente chiamato ‘indovino’, oppure intuitiva quando una persona giunge alla conoscenza attraverso una rivelazione da parte di un’entità spirituale o mistica. Le metodologie sono le più svariate ma dall’antichità arriva anche una tecnica di divinazione alla portata di tutti, tanto semplice quanto sbalorditiva, in grado di dare un consiglio, un punto di vista quasi esterno e pulito da ogni giudizio o pregiudizio, che prende il nome de “l’oracolo della Sibilla“.

SIBILLA 2ACQUISTA LA VERSIONE EBOOK —> amzn.to/2NjAdjE

L’oracolo della sibilla è un libro che custodisce fra le sue pagine il segreto di un mistero e la preziosità di una rivelazione che non ricade sulle nostre esistenze come manifestazione di una forza esterna ma come la traduzione in parole di una scelta che esercitiamo sul potere rinomato dei numeri. Le sibille, nella mitologia greca, erano vergini dotate di virtù profetiche le cui predizioni erano fornite dal richiedente in forma oscura o ambivalente.

Non sappiamo come il contenuto del libro arrivò a Madame Ippolita Douglas Scotti di Vigoleno, la quale si prese cura della testimonianza accertandosi di renderla chiara e di diffondere la sua potenza, ma é sicuramente grazie alla sua intercessione che oggi possiamo usufruirne. La sibilla in oggetto é la Sibilla Cumana, che dimora nel suo antro “magico” dell’attuale zona archeologica di Cuma nel napoletano, in un luogo tutt’ora visitabile, immerso nella natura, che esprime un enorme fascino mistico.

cuma

Il libro si compone di 99 pagine divise in 3 colonne e 10 righe (da 0 a 9) che riportano dei frammenti di testo, i quali composti a 3 alla volta daranno vita ad una frase di senso compiuto. L’interazione con la sibilla avviene ponendo una domanda quanto più specifica a cui è possibile rispondere attraverso due modalità, di cui riporto la più semplice. Si dovranno scegliere 3 numeri, le cui cifre, dal 10 in poi, dovranno essere sommate (esempio di tre numeri: 0; 11; 457; sommando le cifre per singolo numero si otterrà in questo caso: 0; 1+1=2; 4+5+7=16=1+6=7; quindi i tre numeri da considerare sono 0, 2, 7). Come riporta il libro “l’oracolo della sibilla”, cui rimando per la tavola delle risposte, il processo di consultazione si divide in tre fasi.

1) seguendo la combinazione 0 – 2 – 7, andare a pagina 02, consultare la prima colonna e trascrivere il frammento di testo presente alla riga 7, cioè:

“tuttoavverrà

maguardati”

Come avrete potuto notare, le parole non contengono spazi. A breve capirete perché.

2) spostare il primo numero della combinazione alla fine; quindi di otterrà la sequenza 2 – 7 – 0. Andare quindi a pagina 27, consultare la seconda colonna e trascrivere il frammento di testo presente alla riga 0, aggiungendolo ai frammenti precedenti, ottenendo dunque:

“tuttoavverràcomevorre

maguardatidachitista”.

3) stesso procedimento di spostamento del primo numero della combinazione, che sarà quindi 7 – 0 – 2. Andare quindi a pagina 70, consultare la terza colonna e trascrivere il frammento di testo presente alla riga 2, aggiungendolo ai frammenti precedenti, ottenendo dunque:

“tuttoavverràcomevorrestitanto

maguardatidachitistadaccanto”.

Ecco dunque la rivelazione della sibilla, la quale essendo ora completa avrà un significato di senso compiuto, cui sarà necessario aggiungere spazi e punteggiatura e dare la giusta interpretazione alla lingua che essendo di origine antica necessita di un adattamento all’italiano moderno. Nulla di cui preoccuparsi: ogni rivelazione risulterà sarà chiara al richiedente.

Questo metodo di divinazione, se testato personalmente, dà risposte davvero spiazzanti e intriganti, la cui interpretazione è in grado di dare una nuova/diversa/precisa prospettiva sulle cose. Come ogni metodo di divinazione, non va preso troppo alla leggera o sovra sfruttato per liberarsi dal peso della propria responsabilità individuale rispetto alle scelte della vita. In tal senso va considerato come se a parlarci fosse un amico o un’amica cui chiediamo consiglio, ma che siamo sempre liberi di ascoltare o evitare. Nel momento in cui il richiedente entra nel processo di divinazione egli si confronta a tutti gli effetti con una realtà possibile alla quale forse non aveva mai pensato; da ciò nasce l’esigenza di analizzare nel dettaglio un aspetto di sé o del mondo che lo circonda con una precisione ed una visione delle cose quanto più attinente al proprio modo di essere. A volte la risposta è ambigua ma così come accade per i tarocchi, il concetto va interpretato e personalizzato, consapevoli che questi metodi possono essere uno sguardo possibile con cui affrontare le strade della vita, un terreno di confronto, una possibilità.

ACQUISTA IL LIBRO —> amzn.to/2wdC8je

di Chiara Pasin