L’olio di palma è ormai risaputo che non è da usare, abbiamo scritto mille articoli su cosa c’è dietro al sua produzione, in quali prodotti è contenuto e perché è meglio evitarlo. Ma oggi non voglio rimarcare quello già detto, sono qui per mostrarvi un video che parla di un prodotto, in realtà è la pubblicità dei Doritos, una specie di tortillas messicane, prodotte con mais e olio di palma.

Il vido è uno di quei video che l’azienda dei Doritos non vorrebbe mai vedere o almeno non vorrebbe vedere con questo finale: una coppia si conosce grazie all’ultima tortillas presente in una ciotola e da quel momento la loro vita ruota intorno a questo prodotto che li ha fatti incontrare, conoscere, amare, sposare e andare in viaggio di nozze… e cosa c’è di meglio di andare in viaggio a scoprire dove le tortillas nascono?

Schermata 2015-01-19 alle 11.30.05

E qui che il video non è più tanto divertente, passa da pubblicità di un prodotto amato a dura realtà, quella della deforestazione causata dall’uso smodato delle foreste per creare piantagioni per la produzione dell’olio di palma; i due neo-sposini si trovano davanti una vasta area di foresta pluviale distrutta, rasa al suolo, senza vita. Si guardano e si vergognano di questo: chissà se ora il loro amore basato su quella tortillas sarà ancora così euforicamente banale?

Dietro all’uso smodato dell’olio di palma c’è sofferenza, distruzione, abbandono, c’è tutta una scia di morte che porterà inevitabilmente alla distruzione delle foreste pluviali e del mondo così come lo conosciamo.

Le foreste sono una parte importantissima dell’ecosistema della Terra, ne sono il polmone, addirittura si stima che nelle foreste pluviali si trovino i 2/3 di tutte le specie viventi animali e vegetali della Terra, e che molte centinaia di milioni di specie di pianteinsetti e microrganismi siano tuttora sconosciute.

Deforestazione e olio di palma

Le foreste pluviali stabilizzano il clima della Terra assorbendo il diossido di carbonio dall’atmosfera. Un’elevata concentrazione di diossido di carbonio può contribuire in maniera sostanziale al riscaldamento globale del sistema; inoltre hanno una rilevanza sul clima locale, poichè attraverso le piogge e il giusto grado di umidità, diminuiscono le temperature locali.

Secondo l’U.S. Geological Survey, le foreste pluviali contribuiscono in maniera sostanziale al ciclo dell’acqua, meglio conosciuto come il ciclo idrologico, che descrive i continui movimenti dell’acqua sopra, sotto, ed all’interno della superficie terrestre”, le foreste, hanno un ruolo fondamentale perché attraverso il processo di traspirazione rilasciano l’umidità nell’atmosfera che fa si che avvenga il processo di condensazione delle nuvole che a loro volta rilasciano la stessa acqua sotto forma di pioggia. In Amazonia il 50-80% dell’umidità rimane nell’ecosistema del ciclo dell’acqua.

174030644-f22ea272-9edd-402d-8a29-ee80953d01b2

E’ per questi motivi che non dobbiamo permettere l’abbattimento indiscriminato e assolutamente non regolamentato delle foreste, ed è quello che l’organizzazione SumOfUs chiede nella petizione.

Le foreste e le torbiere vengono rase al suolo per far posto alle piantagioni di palme per produrre l’olio, ci sono specie che rischiano l’estinzione come gli oranghi e stanno inquinando l’atmosfera terrestre con gigatonnellate di gas ad effetto serra. La deforestazione nel Sud-Est asiatico ha reso l’Indonesia il terzo più grande emettitore di carbonio sulla Terra. 

wpid-palm+oil+4+briciole+di+cescaqb

Gli oranghi, la tigre di Sumatra, e innumerevoli altre specie sono stati spinti sull’orlo dell’estinzione. Molti lavoratori sono attirati nelle piantagioni di palma da olio con falsi pretesti, e i loro passaporti e documenti sono stati confiscati. Le indagini hanno portato alla luce storie di lavoratori picchiati, bloccati in piccole baracche di notte, e senza il  permesso di lasciare il lavoro per nessun motivo. 

Ci sono molte cose che le aziende coinvolte possono fare, la PepsiCo ha politiche mediocri con lacune così grandi che non servono a nulla. 

16899_32489

Firmate la petizione per far si che la PepsiCo inizi a contribuire a salvare la foresta pluviale con delle politiche sulla deforestazione forti e puntuali e che le aziende che producono cibi scrivano chiaramente sull’etichetta “olio di palma” e non olio vegetale, in modo da essere consapevole che quando acquisti quel determinato prodotto stai contribuendo a distruggere le foreste pluviali e a distruggere la Terra.

Firma la petizione su  www.sumofus.org/doritos e condividi questo video con i tuoi amici, solo così possiamo sperare di salvare il nostro Pianeta, solo così la gente potrà essere informata e solo così le multinazionali la smetteranno di sfruttare le risorse per i loro ritorni economici.

Valeria Bonora