prostitute bambine Bangladesh

Sono poco più che bambine, 15, 16 arrivano anche a 17 anni, ma non sono ancora donne eppure sono costrette a comportarsi come tali, sono bambine drogate, costrette a stare con uomini adulti che le sfruttano e le usano per soddisfare le loro voglie. Sono più di 900 le “lavoratrici del sesso” nel bordello di Kandapara, a Tangail, nel nordest del Bangladesh.

Lei è Hashi una diciassettenne che ha per nome “felicità”, chissà se lo sarà mai? Intanto Hashi non può essere mai triste.

“La tristezza è una parte della nostra vita, ma facciamo in modo di non perdere tempo con la tristezza. I miei genitori non sono in grado di riconoscermi. C’è una grande differenza tra il mio aspetto attuale e l’aspetto malnutrito della mia infanzia. Io sono più sana di prima e in forma per servire un sacco di clienti in un giorno solo”.

Sono ragazze giovani, troppo giovani, troppo truccate, vestite con abiti dai colori sgargianti, si trovano in un vicolo stretto del quartiere dove la musica ad alto volume e i neon delle vetrine rendono tutto surreale. Queste ragazze cercano di attirare l’attenzione ridendo e muovendo le mani, e non passano inosservate.

Qui ci sono un centinaio di palazzine con circa 800 stanze, sono piccole sembrano celle, e se vogliamo dirla tutto è proprio quello che sono per le 900 ragazzine che lavorano li, in uno dei 14 bordelli ufficiali del Bangladesh.

bambine drogate

Queste ragazzine devono soddisfare le esigenze di almeno 10 o 15 uomini durante al loro giornata di lavoro, e sono obbligate a farlo perché loro sono “Chukri ‘o ragazza legata al suo padrone, il loro Sardarni che le ha “acquistate”.

Hashi lavora qui da quando aveva 10 anni, la sua prima volta è stata traumatizzante:

“Quando ho avuto il mio primo cliente, non ho capito che cosa stava per accadere. Mi ha violentata ancora e ancora. Sanguinavo tanto e piangevo. Non avevo idea di cosa fosse il sesso”.

“Sono stata usata per servire i clienti uno dopo l’altro durante l’intera giornata. Non so quante volte, ma credo che siano circa 20-25 clienti al giorno. Trovo almeno 4-5 clienti in attesa davanti alla mia camera quando mi sveglio al mattino “.

Queste ragazzine sembrano più “mature” della loro età, questo perché vengono costrette a prendere degli steroidi come Oradexon che viene utilizzato dagli agricoltori per ingrassare il bestiame. In questo modo sembrano più sane, più in carne ma soprattutto più attraenti, ma in realtà sono solo delle bambine drogate.

Ed è ancora Hashi che racconta:

“Sei o sette anni fa il mio Sardarni mi ha costretto a prendere una compressa; non sapevo che era una droga. Ha detto che dovevo sembrare più sana e bella. Ho rifiutato la sua offerta. Lui mi ha picchiato e non mi ha dato più cibo. Mi ha minacciato e mi ha ricordato i miei crediti”.

“Quattro anni fa il mio Sarderni mi ha lasciato, lei ha bisogno di giovani ragazze per il suo business. Ma non ho la possibilità di tornare alla vita normale. Ho un figlio di quattro anni. l’ho affidato a uno dei miei parenti. Non posso neanche andare a vederlo per almeno un paio di anni. “

“In questo bordello clienti cercano sempre le ragazze sane. Ora prendo l’Oradexon. I clienti devono pagare le mie bollette e rimborsare i miei prestiti. Spero di risparmiare qualche soldo per mio figlio. Se non ho clienti, come posso sopravvivere? Devo pagare 6.600 taka (circa 8 $) per l’affitto di questa piccola stanza. Il debitore bussa ogni sera alla porta per avere i soldi. Se non ho alcun cliente in un giorno, non posso mangiare il giorno dopo. “

L’intervista fatta dal fotografo Andrew Biraj mostra la vita di queste ragazzine, e oltre a Hashi, Andrew ha incontrato anche Maya di sedici anni.

Maya fa la prostituta da 8 anni e guadagna circa 300-500 Taka al giorno ($ 0.85 – $ 1,22) e riceve circa 15-20 clienti ogni giorno. il figlio di quattro anni di Maya si chiama Halim e vive con i genitori di lei in un altro paese, a Brisal. Maya ha troppi debiti e non riesce a pagare le bollette e a mettere da parte qualcosa per suo figlio.

“Quando ero sotto il mio Sardarni, non so quanto ho guadagnato, perché lui ha portato via tutto il mio guadagno. In cambio mi ha servito il cibo tre volte al giorno. Per me era abbastanza. Non potevo tollerare la fame “.

“Ma quando il mio Sardarni mi ha lasciato, ero sola e non riuscivo nemmeno a mangiare correttamente durante il giorno. Stavo dimagrendo sul seno, non avevo più una bella cera. Ho notato che il numero dei miei clienti stava diminuendo. Così ho iniziato a riprendere il farmaco solo per sopravvivere. “

“Dopo aver preso l’Oradexon, mi sono ritrovata molto fresca. Ha aumentato il mio appetito. Mi sento più soddisfatta di me stessa.”

“Non ho potuto mettere da parte niente per me o per mio figlio. Ho bisogno di più clienti. Nell’atmosfera della mia stanza in frantumi, i clienti non vogliono venire. Piango in silenzio ogni notte. Piango per me, non vedo alcun futuro. Piango per mio figlio, raramente lo incontro “.

Queste sono parole di ragazzine che sono nate per fare le prostitute, vendute dai loro genitori, buttate via dai loro “protettori” quando diventano troppo “vecchie” per soddisfare gli uomini che vogliono le bambine.

bambine drogate

La loro vita non vede uscita da questo stretto vicolo, da queste stanze sudicie e cadenti. Non c’è futuro per loro, non c’è famiglia. Solo sesso fino a che trovano qualcuno che le voglia ancora, solo droga per sembrare più sane, più formose.

Erano solo bambine ora sono solo oggetti vuoti… o forse no. Forse sotto tutto quel trucco si nascondono ancora le bambine, messe da parte per sopravvivere, bambine che aspettano di essere salvate.