Animalismo
Primo piano

Istanti di vita: Quando un Micio Viene al Mondo

Di Marina Cau - 13 Novembre 2013


Il momento è arrivato: la nostra amica gatta sta per partorire e noi non sappiamo bene cosa fare. Niente panico: le gatte sono le migliori mamme del mondo e hanno dalla loro parte una grande guida che si chiama istinto. Se la micia e l’amico umano sono alla prima esperienza, non c’è da preoccuparsi: ecco alcuni semplici suggerimenti.
Per prima cosa, procuriamoci una cesta o una scatola abbastanza grande da permettere alla gatta di potersi sdraiare comodamente; prendiamo un vecchio cuscino e inseriamolo dentro ad una busta di plastica, in modo da restare protetto dai liquidi del parto e dopo poterlo riutilizzare , avvolgiamolo con un asciugamano. Sistemiamo la cesta in un angolo della casa che sia tranquillo e lasciamo che la natura faccia il suo corso.
Se la gatta incomincia ad essere irrequieta , a ringhiare ed emettere piccoli miagolii, allora il parto è imminente. Vi accorgerete che la gatta inizierà a spingere e dalla vagina uscirà un sacchetto pieno di liquido: è il primo micetto che sta per nascere. Di solito, il primo gattino è il più grande di tutti i fratelli: questo perchè dovrà “aprire la strada” agli altri. Tra le prime spinte e l’espulsione vera e propria passeranno alcuni minuti, dopo di che , la gatta mangerà la placenta , che gli fornirà le energie per portare a termine il parto, taglierà il cordone ombelicale e pulirà il micino per asciugarlo, pulirlo e avviare la circolazione sanguigna.
Se questo non dovesse avvenire, procuriamoci una forbicina, sterilizzata, e provvediamo noi a tagliare il cordone e pulire il nasino al piccolo, in modo che inizi a respirare da solo e non soffochi. Quando sarà asciutto, il micino troverà da solo la strada per i capezzoli e inizierà a succhiare il primo latte, il colostro, che gli garantirà tutti gli anticorpi di cui necessita.
Di norma, una gatta partorisce dai 3 agli 8 gattini e tutto il parto potrebbe durare intorno alle 4 ore. Se la gatta oltre le 5-6 ore perde del sangue, sarà bene portarla dal veterinario.
E’ bene tenere presente il vecchio detto, secondo il quale “la natura non lascia niente al caso” e lasciare che mamma gatta partorisca senza interferenze da parte nostra, ma controllando ogni tanto che vada tutto bene.
Se è andato tutto bene, mamma gatta si occuperà dei suoi mici a tempo pieno, noi dobbiamo solo lasciarla tranquilla.
Ecco il video di questo momento emozionante, perchè per quanto possa essere piccola, una nuova vita che arriva al mondo riesce sempre a strappare lacrime ed emozioni a tutti.


Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici?
Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente su Pinterest e su Twitter
 





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)