Alimentazione
Animalismo
Primo piano
Sfruttamento

Il video del vitellino che non può bere il latte della propria mamma-mucca

Di Elena Bernabè - 17 Settembre 2013

Viviamo in un modo davvero strano.
I nostri bambini vengono allattati al seno poco o per nulla. Preferiamo nutrirci fin da piccoli e per tutta la vita di un latte di un’altra specie animale. La cosa non sembra molto naturale e molti studi scientifici rivelano i grandi danni provocati da questa nostra abitudine. Per saperne di più leggete l’articolo La verità sul latte di mucca: intervista alla dott.ssa Luciana Baroni
Il modo in cui viene prodotto il latte di mucca destinato all’uomo è davvero crudele. Ecco un estratto dell’articolo che Eticamente ha scritto mesi fa e che potete rileggere cliccando qui:

Dal punto di vista etico bevendo il latte di un’altra specie ci rendiamo responsabili di un sfruttamento animale crudele ed insensato: le mucche, come ogni donna, per produrre il latte devono avere dei cuccioli. E come agisce l’uomo? Fa fecondare la mucca e allontana immediatamente il suo vitello in modo che quest’ultimo non possa bere ciò che invece sarebbe suo per natura. La mucca mediante farmaci, antibiotici e l’estrazione continua di latte riesce a produrne 10 volte di più di quanto accadrebbe naturalmente alimentando il proprio vitello.
E che fine fanno la mucca da latte e il suo vitello? La prima, poichè stressata e sfruttata, non supera i 6 anni di vita (contro i 20 se avesse invece vissuto libera in natura). Il vitello finirà la sua breve vita in un macello.

Oggi vi vogliamo mostrare una vera e propria tortura che viene inflitta ai vitellini.
Nel video si vede un vitellino che vuole attaccarsi alle mammelle della sua mamma. Vuole nutrirsi oppure forse solo coccolarsi (sappiamo infatti che l’allattamento al seno materno è un modo primordiale di relazionarsi alla propria mamma).
Purtroppo però non ci riesce perchè l’allevatore gli ha applicato una piastra davanti al naso proprio per impedirgli di andare a bere il latte. Facendo così il vitellino “non ruba” il latte destinato al consumo umano e gli allevatori possono rimandare di alcuni giorni l’allontanamento del piccolo dalla mamma.
Il video è straziante… è una vera e propria tortura. Proviamo ad immaginare se al posto di quel vitellino ci fosse un neonato umano…


✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente
 





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)