Il latte di mucca è una bevanda largamente diffusa nella nostra società. Viene raccomandato da medici e nutrizionisti che lo considerano essenziale per la dieta di ogni individuo: dai bambini fino agli anziani.

Tutti siamo cresciuti con il latte di mucca e non ne abbiamo mai criticato le virtù tanto elencate dai professionisti della salute.

Ebbene: il latte di mucca è la bevanda meno etica e meno salutare per l’uomo.

Siamo gli unici esseri viventi a nutrirci del latte di un’altra specie: da che mondo è mondo quando il cucciolo di un mammifero smette di bere il latte dalla propria mamma non va a bere il latte di un altro animale, bensì inizia un’alimentazione più adulta. Per fattori storici, economici e culturali, invece, per l’uomo è diventata un’abitudine accogliere nella propria dieta il latte di mucca.

Ma questo di per sè non sarebbe problematico: il vero dramma, come abbiamo detto precedentemente, è salutare ed etico.

La nostra salute ne risente enormemente: tutte le proteine animali rubano il calcio che possediamo ed il latte di mucca non fa eccezione. Inoltre quest’ultimo è responsabile di molte patologie e malesseri fisici.

E dal punto di vista etico bevendo il latte di un’altra specie ci rendiamo responsabili di un sfruttamento animale crudele ed insensato: le mucche, come ogni donna, per produrre il latte devono avere dei cuccioli. E come agisce l’uomo? Fa fecondare la mucca e allontana immediatamente il suo vitello in modo che quest’ultimo non possa bere ciò che invece sarebbe suo per natura.  La mucca mediante farmaci, antibiotici e l’estrazione continua di latte riesce a produrne 10 volte di più di quanto accadrebbe naturalmente alimentando il proprio vitello.

E che fine fanno la mucca da latte e il suo vitello? La prima, poichè stressata e sfruttata, non supera i 6 anni di vita (contro i 20 se avesse invece vissuto libera in natura). Il vitello finirà la sua breve vita in un macello.

Insomma il latte di mucca non è una bevanda essenziale per l’uomo: anzi è per la sua salute una bevanda negativa ed inoltre la sua produzione impedisce ad altri animali di vivere liberamente, serenamente e naturalmente la propria vita!

E se aggiungessimo che il calcio è presente in gran quantità nei cibi vegetali, nei semi oleosi, nei pani e nella pasta integrali avete ancora giustificazioni per continuare a bere latte di mucca?