Arriva Natale… I regali sono pronti sotto l’albero, alcuni scelti con cura, altri solo per dovere. L’albero è stato fatto, il presepe anche, tantissime altre tradizioni per chi crede in altre religioni sono state rispettate e si avvicina così il fatidico giorno. Il giorno della nascita! Della vittoria della luce sul buio!

Bene, quest’anno, nel clima di guerra in cui viviamo, tra diffidenza e paura, io ho pensato ad un Natale diverso, un Natale sens-aziona-le!!! Ovvero “Aziona il senso del Natale“. Ho pensato ad un luogo in cui ritrovarsi (nel mio caso la mia Ludoteca “Il Mondo di Anya” il 23 dicembre dalle 19,30 a Vigliano Biellese. Prenotazione obbligatoria) un albero da addobbare tutti insieme con decorazioni (possibilmente artigianali) portate dai partecipanti, con una candela da accendere insieme come simbolo di rinascita, con un regalo fatto a mano dal proprio bambino da donare ad un altro bimbo ancora sconosciuto. Infine  un piatto tipico della tradizione famigliare o della propria origine o della propria religione per conoscerci, fonderci, abbassare le difese e festeggiare insieme il vero senso del Natale! Perché “diverso” non vuol dire “nemico”, perché “straniero” non vuol dire “delinquente”, Perché “nostro” non significa che ti portano via qualcosa… Insieme, tu, io, loro diventiamo “Noi” e con un “Noi ” si può fare molto di più! E ci sono milioni di modi per azionare il senso del Natale! Una festa tutti insieme, un regalo inaspettato, far del bene incondizionatamente, senza pensare ad un proprio tornaconto.

doni-natale

Vi voglio parlare, a tal proposito, di ciò che è successo all’asilo nel Bosco di Bioglio in Piemonte. La realtà del “bosco dei piccoli” di cui vi ho parlato in un mio precedente articolo. Purtroppo il 9 dicembre scorso il rifugio che ospitava i piccoli in caso di intemperie, ha preso fuoco. È andato perso tutto. Il rifugio e il suo contenuto. I bimbi per fortuna erano al sicuro nel bosco maestro con gli educatori e nessuno si è fatto male. In attesa di trovare i fondi per ricostruire, hanno trovato un porto sicuro nella tavernetta di Nonno Nino, (azienda agricola Cà Tomà) , ma c’è bisogno di donazioni anche per ricomprare tutti i materiali (tavolini, sedie, libri, cucina, cariole, attrezzi da giardino, corde, tute parapioggia, scarponcini….. Ecc… Ecc…) . Se quest’anno avete voglia di fare un regalo in più i nostri bambini ve ne saranno grati! Vi lascio i dati dell’associazione per contattarli direttamente nel caso foste interessati a perorare la causa.

agri.cultura@hotmail.com

Una cosa ancora voglio dirvi su questo Natale… Non comprate regali per “dovere”. Comprateli se vi fa piacere. Donare non dev’essere un obbligo, ma un gesto nobile che nasce dal cuore. È un gesto che fa stare bene noi prima di colui a cui è indirizzato il pensiero. Se poi sono oggetti creati da voi faranno ancora più piacere a chi li riceverà perché non racchiudo solo la materia, ma l’emozione, il tempo, la dedizione che voi ci avete messo per portare a termine quel lavoro.

Perchè Natale è Famiglia, è donare, è gioia, calore, luci, musica e poesia… Se i bambini vivono questa magia saranno adulti capaci di grandi gesti e doneranno per il piacere di farlo, senza aspettarsi niente di più di un sorriso. Vi lascio ora alcuni spunti di regali fai da te da creare con i vostri bambini per nonni, zii, cugini e amichetti…

1- Pupazzo di neve con calza

Vi serviranno una calza bianca, sale grosso, feltro, bottoni e cotone. Inserire all’interno della calza del sale grosso. Fermare con un elastico avanzando ancora un pezzetto di calza per fare la testa. Inserire altro sale. Con un pezzetto di feltro abbiamo realizzato un cappellino e lo abbiamo fissato con colla a caldo. Attorno e sulla punta abbiamo messo del cotone sempre con colla a caldo. Occhi, naso e bocca disegnati con pennarelli. La sciarpa è sempre in feltro e semplicemente legata intorno al collo. Due bottoni fissati con colla a caldo sulla pancia del pupazzo.

pupazzo di neve con calza,sale grosso, feltro,bottoni e cotone

2- Puzzle fai da te

Gioia ha realizzato un Puzzle fai da te con bastoncini del gelato e pennarelli. Avvicinare i bastoncini del gelato e fermarli con lo scotch. Girarli e disegnare sulla superficie un elemento natalizio. Per giocare basta togliere lo scotch e tentare di ricomporre la forma. Per completare il gioco disegnare su un foglio l’immagine completa.

IMG_8953

IMG_8959
puzzle in preparazione.Shanti, 3 anni e mezzo, che colora il suo puzzle.

3- Pallina di polistirolo per abbellire l’albero di Natale

IMG_9182
Gioia,6 anni, con pallina di polistirolo,spilli e popcorn sta realizzando una pallina per l’albero di Natale.
image1 (1)
Shanti che punta gli spilli sul popcorn e la palla di polistirolo.
image2 (1)
Pallina di polistirolo ricoperta di popcorn pronta per decorare l’albero!

4- Biglietto di auguri fai da te

IMG_9226
Realizzazione di un biglietto di auguri. Forma disegnata su foglio e riempita con palline di carta crespa colorata incollata.

5- Porta candela

Vasetti di vetro, colla a caldo e zucchero per i bordi. Zucchero anche sul fondo e colla a caldo per fissare pigna, mela e arancia essiccata! Una candela ed un giro di spago o di rafia e il gioco è fatto!!!

Candela da accendere insieme

Vivere Montessori vi augura di vivere un Natale sens-aziona-le, ricco di grandi emozioni e di gesti sinceri.

Educatrice Manuela Griso

Articolo precedenteLa magia del numero 7 e il suo significato simbolico
Articolo successivoIncenso una Pianta dai Molteplici Usi
avatar
Operatrice socio-assistenziale per l'infanzia, direttrice de "Il Mondo di Anya". Mamma di due splendide bimbe e un angioletto. Ama scrivere e riflettere sul mondo, l’educazione, la vita, le gioie e i dolori. Ritiene che la vita vada assaporata con calma, seguendo i tempi che la natura ci suggerisce. Sostiene dunque un’educazione più naturale, a contatto con la terra e gli animali. Ha fatto del Montessori uno stile di vita e si impegna nella diffusione dell’approccio attraverso il lavoro con i bambini, gli incontri con i genitori e gli articoli su EticaMente. “Ogni bambino è un essere unico e speciale, aiutiamolo a tirare fuori ciò che è senza giudizio ne' aspettativa”