Un video che tutte le Donne dovrebbero vedere

Oggi vogliamo mostrarvi questo video, un video che tutte le donne dovrebbero vedere, per ricordare la condizione delle sorelle, per riacquistare la consapevolezza, la forza di combattere, la volontà di liberarsi dall’oppressore, qualunque esso sia, l’uomo, un’altra donna, la società, la paura di perdere il lavoro, l’abitudine e la paura di rimanere sole, un video che tutte le donne dovrebbero vedere per ricordarsi quanto sono forti.

Non a caso la colonna sonora che anima tutto il video accompagna una danza di combattimento che ricorda la potenza generatrice femminile ed al tempo stesso il potere distruttore di Kali, una feroce divinità femminile hindu.

Scene brevi, attimi, in ogni parte del mondo c’è un cuore di donna che sta soffrendo ed ha senso soffermarcisi oggi (anche se sarebbe necessario farlo ogni giorno) perché bisognerebbe recuperare il legame che c’è tra le madri e la madre terra e vedere con occhi diversi lo sfruttamento e le ingiustizie alle quali sono sottoposte.

Il video mostra diversi tipi di soprusi, di diritti negati e di violazione della persona, dall’infibulazione alla mutilazione con l’acido, dalla violenza in casa sia sessuale che fisica, fino alle molestie sul posto di lavoro e allo sfruttamento nelle fabbriche. Si conclude con un moto di ribellione e di rinascita, con una danza che dal cuore del mondo sveglia tutte le donne del pianeta, le connette tra di loro e le porta a ribellarsi con forza alla situazione che stanno vivendo.

Il messaggio finale è quello che dà il senso a questo video, non una mera denuncia, non solo un documentario, ma un invito a cambiare le cose, da donna a donna, nel rispetto delle altre.

Insieme al video vi lascio con un’antichissima preghiera dedicata ad Iside, per ricordare la “dea” che alberga in ognuna di noi e che deve essere rispettata.

Perché io sono la prima e l’ultima,
Io sono la venerata e la disprezzata,
Io sono la prostituta e la santa,
Io sono la sposa e la vergine,
Io sono la mamma e la figlia,
Io sono le braccia di mia madre,
Io sono la sterile, eppure sono numerosi i miei figli.
Io sono la donna sposata e la nubile,
Io sono colei che da’ la luce e colei che non ha mai procreato,
Io sono la consolazione dei dolori del parto.
Io sono la sposa e lo sposo,
E fu il mio uomo che mi creo’.
Io sono la madre di mio padre,
Io sono la sorella di mio marito,
Ed egli e’ il mio figliolo respinto.
Rispettatemi sempre,
Poiché io sono la scandalosa e la magnifica.

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Seguite Eticamente sulla Fanpage di Facebook, su Pinterest e su Twitter e non dimenticate di iscrivervi alla newsletter!

Jordana Pagliarani

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Jordana Pagliarani il 22/04/2014
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655