Fuerteventura, l’isola delle Canarie dal cielo sempre sereno e dalle spiaggie paradisiache

Un luogo stupendo, ampie pianure e i rilievi vulcanici, un’immensa spiaggia bianca, un cielo blu sempre sereno, temperature che oscillano tra i 18 e i 24 °C. Un vero e proprio paradiso. Se ci chiedessero di chiudere gli occhi e di immaginare un posto in cui vorremmo essere per poterci rilassare, una delle prime immagini che salterebbe alla mente sarebbe proprio questa.

Ma in questo caso non si tratta di una semplice immagine mentale, ma di pura realtà. Tutto questo, infatti, si trova a Fuerteventura, un’isola subtropicale delle Canarie (Spagna), situata nell’Oceano Atlantico, al largo della costa africana.

Fa parte della provincia di Las Palmased ed è divisa in sei municipalità: Antigua, Betancuria, La Oliva, Pájara, Puerto del Rosario e Tuineje. Tra queste municipalità sono distribuiti ben 67 insediamenti individuali.

E’ la seconda isola delle Canarie (Spagna) per dimensioni dopo Tenerifeed e la prima per quantità e lunghezza delle spiagge.

La sua strana forma venne creata da una serie di eruzioni vulcaniche molte migliaia di anni fa. Un’isola molto arida e poco popolata, dove le principali attività praticate sono l’agricoltura (frutta, ortaggi), la pesca e il turismo.

La popolazione totale dell’isola nel 2003 era di 74.983 abitanti. La sede del governo insulare è invece a Puerto del Rosario.

Un luogo incantevole dove, praticamente, è sempre primavera: la temperatura scende di rado sotto i 18 °C o sale sopra i 24 °C: con le sue 3.000 ore di sole all’anno, dunque, è diventata rapidamente una delle principali destinazioni turistiche europee.

Gli alisei estivi e le onde di marea invernali dell’Atlantico fanno dell’isola, per tutto l’anno, un paradiso dei surfisti. Velisti, subacquei e pescatori d’altura sono attratti dalle limpide acque dell’Atlantico, dove è facile imbattersi in balene, delfini, pesci spada e tartarughe marine.

Per quanto riguarda le tartarghe marine vogliamo segnalarvi in particolar modo quella della specie denominata Caretta caretta, le quali sono state le protagoniste di un progetto di salvaguardia e reintroduzione nelle acque delle Canarie.

Sono animali perfettamente adattati alla vita acquatica grazie alla forma allungata del corpo ricoperto da un robusto guscio ed alla presenza di “zampe” trasformate in pinne. Alla nascita sono lunghe circa 5 cm, mentre la lunghezza di un esemplare adulto può variare dagli 80-140 cm, con massa variabile tra i 100 ed i 160 kg.

La Caretta caretta, una volta raggiunta la maturità, torna a deporre le uova nella stessa spiaggia dove è nata affrontando migrazioni anche di migliaia di chilometri. E proprio qualche anno fa sono state rilasciate sulla spiaggia di Cofete un modesto numero di tartarughe, e adesso si attende il loro ritorno per la deposizione delle uova proprio a partire dal 2014.

La posizione geografica dell’isola ha permesso alle sabbie del Sahara di depositarsi sulle coste creando numerosissime spiagge di grande bellezza.

Le spiagge di Fuerteventura, proprio per la loro struttura, si adattano ad ogni “esigenza”. Per esempio, El Cotillo, di sabbia chiara, è una spiaggia lunghissima dedicata ai surfisti e ai romantici per i tramonti indimenticabili. Poi ci sono le dune di Corralejo, dove il paesaggio passa dalle dune di sabbia bianca desertica all’oceano turchese e immenso. Caratteristiche costruzioni in pietra nera a forma di nido, poi, permettono il riparo dal vento.

Sotavento è una spiaggia caratterizzata dall’alternarsi delle maree che coprono e scoprono ettari di spiaggia, formando lagune dove si può passeggiare in 40 cm di acqua. Cofete è invece una spiaggia raggiungibile con strada sterrata, attorniata da un paesaggio naturale con onde sorprendenti e inarrestabili.

Abbiamo poi Barlovento, una spiaggia separata dalla civiltà da 15 km di strada sterrata, luogo incontaminato e selvaggio. Garcey, una spiaggia circondata da imponenti scogliere, caratterizzata da sabbia scura, nella cui baia ondeggia il relitto di una nave.

Morro Jable, un’area naturale protetta, caratterizzata dalla presenza di vegetazione resistente alle varie maree. Jandia, anticamente un isolotto separato e in seguito unito all’isola dai depositi di sabbia: è considerata per la sua lunghezza una delle migliori spiagge al mondo.

Ci sono anche Las Playtas, una spiaggia caratterizzata dalla sabbia nera di origine vulcanica, e Pozo Negro, di origine vulcanica, con sabbia scura, che prende il nome dal caratteristico paesino di pescatori a cui appartiene.

Gran parte dell’interno dell’isola, poi, con le sue ampie pianure e i rilievi vulcanici, consiste di aree protette che possono essere esplorate in fuoristrada o con moto da cross.

Nell’isola di Fuerteventura si possono degustare molti prodotti tropicali tipici di queste isole, dalla frutta esotica, come papaya, avocado, mango e platano, fino alla grande varietà di succhi di frutta tropicali e tanti altri prodotti tipici, come il miele di palma, la marmellata di cactus, la crema di banane tropicali canarie, ed anche le papas arrugatas, delle particolari patate dolci ed esotiche, bollite in acqua salata e servite con salsa all’aglio e yogurt o piccante.

In quest’isola, inoltre, è possibile trovare una famosa pianta grassa tropicale originaria della Canarie: l’aloe vera. Questa pianta è ricca di proprietà: il succo, infatti, può essere impiegato come drink energetico, ricostituente, ed è anche molto efficace contro il mal di stomaco. Essendo molto curativa, inoltre, il gel è usato anche per guarire scottature e per curare dolori muscolari. Infine, l’aloe vera viene anche impiegata per realizzare delle creme di bellezza per corpo e viso.

In quest’isola, inoltre, i turisti possono trovare davvero di tutto: cinema, centri commerciali, ottimi ristoranti, parchi di divertimenti, mercati dell’artigiano e quant’altro. Disponibili, inoltre, anche delle specifiche strutture per i disabili.

Tra l’altro vi segnaliamo il sito ufficiale dell’isola di Fuerteventura in cui potrete trovare tutte le informazioni relative all’isola, alle spiagge che la compongono, alle varie attività praticabili e a tutte le indicazioni utili per poterla raggiungere. Lo trovate cliccando qui.

Perchè non concedersi una bella vacanza in questo paradiso terrestre?

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Daniela Bella

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Daniela Bella il 05/12/2013
Categoria/e: Ambiente, Primo piano.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655