Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags WWF

Tag: WWF

Eco-volontariato: Ecco come Aiutare le Tartarughe Marine con il Wwf

0
eco-volontariato
Caretta caretta, Loggerhead turtle hatchling on the Cirali beach. Mediterranean Sea, Turkey - © Michel Gunther WWF

Ogni anno più di 40.000 tartarughe marine muoiono a causa delle attrezzature da pesca e del degrado delle coste. In prima linea per il loro salvataggio è il Fondo mondiale per la natura (Wwf), che da oltre 40 anni promuove progetti per la salvaguardia di questi splendidi animali marini in 44 Paesi del mondo. Tra questi l’Italia, dove sono attivi cinque centri di recupero (Policoro, Favignana, Lampedusa, Molfetta e Torre Guaceto), che offrono possibilità di volontariato per un’estate alternativa all’insegna della tutela dell’ambiente e degli animali.

#SOSLUPO: petizione per salvare il lupo dagli abbattimenti

0

Ai giorni nostri, una delle tematiche etico-ambientali di maggior interesse è quella del delicato equilibrio fra il mondo animale e quello umano, come semplice quanto estrema evoluzione del primo, per la coesistenza e la sopravvivenza in questa terra.

In ogni angolo del mondo vi sono specie animali che oggi rischiano l’estinzione a causa dell’incoscienza e di un’illogica logica del profitto tutta umana, che di “umano”, purtroppo, sembra avere ben poco. Foche, balene, orsi, elefanti, lupi… creature perseguitate in nome di un infondato senso di supremazia che alimenta un circolo vizioso di distruzione.

Living planet report 2014: la Terra ha perso il 40% degli animali

0

living-planet-report-2014

Biodiversità a rischio: la popolazione degli animali è calata del 40%

Il nuovo rapporto biennale del Living planet report redatto dalla Società zoologica di Londra (Zoological society of London, Zsl) in collaborazione WWF International non lascia adito ad alcun dubbio: l’umanità sta seriamente compromettendo la vita degli animali e dell’ambiente circostante in una maniera che riusciamo solo lontanamente ad immaginare.

Secondo il rapporto, infatti, si è registrato un calo della popolazione mondiale di pesci, uccelli, mammiferi, anfibi, rettili del 52% tra il 1970 e il 2010 a causa di inquinamento e distruzione degli habitat naturali. Una percentuale molto più alta di quanto si pensasse finora raggiunta analizzando quasi 15.000 animali appartenenti a 3.169 specie.

Rimini, l’ex delfinario non riaprirà: mobilitazioni, petizioni e il Ministero dell’Ambiente nega la licenza

0

Proprio così.  A meno di un anno dalla chiusura, il delfinario di Rimini rischiava di riaprire e senza autorizzazione. Non solo, la riapertura avrebbe potuto prevedere l’utilizzo di animali come leoni marini, foche e otarie, probabilmente perchè si tratta di animali sottoposti a regole meno restrittive rispetto ai delfini.

Ricordiamo, infatti, che il delfinario fu chiuso dopo che il servizio Cites del Corpo forestale dello Stato aveva disposto il sequestro per presunto maltrattamento ed evidenti violazioni del decreto, che stabilisce le modalità di detenzione e gestione dei tursiopi in cattività (n. 469/2001) e l’assenza di autorizzazione e il riconoscimento della struttura quale zoo-delfinario (ai sensi della legge 73/05).

Earth Hour 2014, il 29 Marzo è di nuovo l’Ora della Terra: WWF lancia il conto alla rovescia!

0

Tutto pronto per il conto alla rovescia dell’ottava edizione di Earth Hour – Ora della Terra, l’evento internazionale organizzato dal gruppo ambientalista WWF che ha l’obiettivo di richiamare l’attenzione sulla necessità di intervenire contro il riscaldamento globale mediante un gesto semplice ma concreto: spegnere la luce per un’ora nel giorno stabilito.

Il risparmio energetico, infatti, ha come effetto sull’ambiente minori emissioni di anidride carbonica, il principale dei “gas serra”.

L’evento, inoltre, è anche mirato a ridurre l’inquinamento luminoso e nel 2008 è coinciso con l’inizio della National Dark Sky Week (settimana nazionale del cielo buio) negli Stati Uniti.

Occhio allo spreco alimentare: cos’è e qualche consiglio per evitarlo

0
Immagine da: www.edfirenze.eu

Lo spreco alimentare rappresenta, oggi, uno dei principali paradossi globali. Sì, perchè per quanto si parli di crisi e di problemi legati a questo, gli sprechi alimentari continuano a far parte della nostra quotidianeità.

Spesso non ci rendiamo conto di quanto cibo finisca nelle nostre pattumiere: forse per capirlo veramente bisognerebbe raccogliere tutto insieme quello di una settimana, per esempio, e farcene così un’idea.

A tal proposito, lo scorso 5 Febbraio è stata istituita dal Ministero dell’Ambiente la Prima giornata  nazionale di prevenzione dello spreco alimentare in Italia, che ha visto  per la a prima volta riuniti i principali enti, associazioni, organizzazioni e imprese legate a questo tema, per parlare dello spreco alimentare e dell’impatto che questo ha sull’ambiente.

Orso ucciso in Svizzera da un cacciatore per “atteggiamenti confidenti”

1

L’orso viveva in un cantone svizzero ed è stato ucciso da un cacciatore.

Le uniche sue colpe sono state quelle di aver avuto “atteggiamenti confidenti” e di aver causato danni ai contadini e agli allevatori. La legge della Svizzera prevede l’abbattimento di un orso se il suo comportamento è problematico per l’uomo.

Per Natale regala un’adozione di una specie a rischio con il WWF

0

 

Natale si avvicina. Spesso il suo significato più autentico si perde tra mille pacchetti ed oggetti spesso superflui.

Ma il WWF ci aiuta a riscoprire il vero valore del Natale: che è l'inno alla vita! Quest'anno regalate ai vostri cari un'adozione di una specie a rischio d'estinzione tramite l'inziativa del WWF per il natale 2012.

Cerchiamo di salvare gli animali e i loro habitat naturali in pericolo a causa dell'uomo.

A tal proposito il WWF ha individuato le 13 specie  a rischio che hanno bisogno di aiuto: panda, orso bruno, orso polare, foca, pinguino, delfino, lupo, tigre, gorilla, elefante, ghepardo, leone, orango.

10 modi per cucinare e aiutare il nostro pianeta

0
Ho trovato un articolo interessantissimo sul sito del WWF – OnePlanetFoode lo voglio condividere con voi proprio perchè il nostro Pianeta sta cambiando e noi dobbiamo fare qualcosa. Questi 10 piccoli passi non sono passi da gigante, possono essere fatti da tutti e sono sicuramente importanti non solo per il Pianeta ma anche per la nostra salute.Il cibo è inutile negarlo, ha una grande responsabilità sulla decadenza del Pianeta, sia da come si produce a come si consuma. Quindi dovremmo metterci molta attenzione alla qualità, alla quantità e alla tipologia dello stesso, perchè sono tutte caratteristiche che influiscono molto sia sulla nostra salute che sulla salute dell’ambiente.

Questo significa che è necessario scegliere ogni giorno un’alimentazione che sia sostenibile per il nostro pianeta e fonte di benessere per gli individui sempre più affetti da malattie legate a una cattiva o eccessiva alimentazione.

Elsa, il segugio salva-animali

0

Elsa è uno splendido esemplare di segugio, ma a differenza dei suoi pari, lei non viene utilizzato per braccare animali durante una battuta di caccia, anzi il suo indiscutibile fiuto viene utilizzato per ben più nobili scopi.

Elsa ha 8 anni è un segugio di Hannover, lavora per la sezione specialistica faunistica della Polizia Provinciale di Varese e il suo compito è quello di individuare e ritrovare animali feriti, in particolare grossi ungulati, vittime di incidenti con auto oppure colpiti dai bracconieri.