Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Smartphone

Tag: smartphone

Dipendenza da smartphone: il video di Moby fa riflettere

0

Fino a qualche anno fa non sapevo usare Facebook, mi rifiutavo di acquistare smartphone preferendo il mio Nokia da una ventina di euro, usavo la mail quando capitava e l’idea di essere connessa h24 non mi passava nemmeno per la testa. Poi è arrivato il lavoro, sul web, e le cose sono cambiate. Internet è diventata una seconda casa di cui ho appreso, nel corso del tempo, molti segreti. Facebook, che avevo snobbato per anni, mi ha conquistata sebbene continui a farne un uso prevalentemente professionale. Ma ammetto che fatico a non sbirciare le ultime novità postate sui social o a non condividere qualche curiosità del weekend su Instagram. Da anti-social qual ero, mi sono lasciata sedurre dal meccanismo e confermo che innesca una forma di dipendenza subdola, di cui è bene essere un minimo consapevoli. Perché? Da cosa dipende?

“Abbassa la tariffa”: ecco come risparmiare sulle tariffe di telefonia mobile!

0

abbassa-la-tariffa-altroconsumo-logo

Quale tariffa scegliere per il proprio dispositivo mobile?

Dopo il successo di “Abbassa la bolletta“, l’iniziativa che ha permesso di risparmiare in luce e gas passando ai fornitori da loro proposti, l’associazione dei consumatori Altroconsumo ha deciso di ripetere l’esperienza di un gruppo d’acquisto anche per permettere di tagliare i costi delle tariffe di telefonia mobile.

In un periodo in cui la telefonia mobile, grazie soprattutto all’avvento degli smartphone, ha raggiunto livelli di utilizzo su larga scala (complice l’impiego di internet per chattare, navigare e utilizzare applicazioni), trovare una tariffa davvero conveniente e allo stesso tempo economica non è assolutamente semplice.

Tablet e smartphone, ecco perchè ritardano l’apprendimento nei più piccoli

0

Ormai ci troviamo nell’era della tecnologia. Oggi, infatti, non ci sorprende vedere bambini molto piccoli che maneggiano smartphone e tablet ancor prima che sappiano parlare.

Persone adulte e mature a volte li guardano con una certa invidia e una certa ammirazione, ma il che non è un bene.

Ormai tutto ruota intorno a touch. Tutto ruota intorno alle app. Ormai basta un semplice tocco con un dito per trovarci catapultati in quello che stiamo cercando o di cui abbiamo bisogno.

iDon’t: l’App che cura la Dipendenza da Social

0

Tommaso Martelli, 36 anni, esperto di comunicazione ha deciso di creare un’applicazione in grado di disintossicare gli utenti dalla dipendenza da connessione, cioè il tempo che noi tutti passiamo attaccati allo smartphone a chattare o a giocare o a postare foto e commentare quelle degli altri.

L’applicazione ha un nome abbastanza esplicito iDon’t, è costata 3mila euro e fa una cosa molto semplice… monitorizza il tempo trascorso su internet e stila una specie di scala di dipendenza in base alla quale limita la permanenza in rete.

Tommaso spiega da dove è arrivata l’idea:

Mr.Ghost, l’applicazione per smartphone che misura le onde elettromagnetiche

0

Spesso non ce ne rendiamo conto, ma le stanze della nostra casa sono, seppur in livelli differenti, invase dalle onde elettromagnetiche emesse dagli apparecchi tecnologici in nostro possesso.

Spesso non ce ne rendiamo conto perchè, anche se apparentemente spenti o in stand-by, tali apparecchi emettono comunque delle onde elettromagnetiche che, a lungo andare, potrebbero avere degli effetti non proprio benefici per il nostro organismo.

Vero è che la UE ci informa che le onde emesse dagli impianti di alta tensione non fanno male e non sono causa di conseguenze pesanti sulla salute, come cancro o qualsiasi altro disturbo cronico, anche se  si riserva di rimanere aperta a ulteriori studi che approfondiscano la questione.

Copenaghen Wheel, la bici del futuro: la ruota elettrica a pedalata assistita [VIDEO]

0

Avete mai pensato di trasformare la vostra normale bicicletta in una elettrica? Ecco come potrete fare.

La ‘Super Pedestrian‘, ossia una piccola azienda cui sede è a Cambridge, nel Massachusetts, ha iniziato ufficialmente sul suo sito internet la vendita del kit, ovvero un ‘disco rosso’ che consente di trasformare una normale bicicletta in una ‘e-bike‘, cioè una bicicletta elettrica.

Il kit è chiamato ‘Copenaghen Wheel’, in onore della città che solitamente è associata alla capitale delle bici, ed ha la forma di una piccola ruota lenticolare, proprio come quella che usano i ciclisti professionisti in precise condizioni per migliorare le prestazioni durante le gare contro il tempo e viene applicato al mozzo della ruota posteriore.

Relazione tra Cellulari e Tumori Confermata da una Nuova Ricerca [Video]

2

«Quando un mio amico, un giorno, mi ha segnalato come sul libretto d’istruzioni del mio cellulare c’era scritto di tenerlo a un centimetro e mezzo dal corpo, non ci volevo credere. Sono andato a controllare ed ho visto che era effettivamente così. Da lì la curiosità ha preso il sopravvento ed ho cominciato a verificare se era una precauzione che riguardava esclusivamente il mio cellulare o se era un problema diffuso. Ho scoperto che, per esempio, modelli di smartphone appetibili e presenti sul mercato, avevano stampato sul libretto di istruzioni di tenerli addirittura a due centimetri e mezzo dal corpo. Per avere un’idea di quanti siano due centimetri e mezzo, vi dico che corrispondono alla costola del mio libro che è di 350 pagine. Chiaramente nessuno sano di mente terrebbe il proprio cellulare a questa distanza e il problema è proprio che nessuno lo fa e che – cosa più importante – nessuno lo sa!».

Il video della dipendenza da cellulare fa riflettere il web

0

Come vi sentireste se per un giorno non utilizzaste il vostro cellulare?

Fortunatamente ci sono ancora persone (rare ma esistono!) che hanno deciso volontariamente di farne a meno. Altre invece sono per l’uso moderato e sano del telefonino cellulare (da usare in caso di emergenza o solo in situazioni davvero necessarie). I più non riescono a vivere senza!

Oggi vi vogliamo mostrare questo filmato che rende l’idea, purtroppo non tanto lontana dall’effettiva realtà, della dipendenza da cellulare che caratterizza la nostra società.

Il corto s’intitola “I forgot my phone” ed è stato realizzato  a Los Angeles da Charlene de Guzman.