Home Tags Nestlè

Tag: nestlè

Acqua rubata ai poveri per darla ai ricchi

0

La sensazione di impotenza che si prova davanti alla grande impellenza dei bisogni primari di gran parte delle popolazioni del mondo può avere varie attenuanti come le condizioni climatiche e il contesto geografico che caratterizza le zone desertiche o a grande rischio sismico, ma quando nulla di questo giustifica carenze primarie come l’assenza d’acqua, allora il senso di impotenza si trasforma, doverosamente,  in indignazione. Nelle zone dell’India del Nord e del Pakistan si vedono spesso bambini che chiedono soldi e cibo, come accade in tutto il resto del paese e del sud est asiatico e come accade in Europa ed in Italia, anche se in una percentuale ridotta, ma da un po’ di tempo a questa parte la situazione è cambiata ed incominciano a chiedere acqua.

Nesquik Plus gusto fragola: tra gli ingredienti manca la fragola e l’80% è zucchero!

0

Nesquik Plus gusto fragola è un nuovo prodotto della Nestlè. Il Fatto Alimentare ne ha analizzato le caratteristiche nutritive.

Sul sito dell’azienda si legge riguardo a questa polvere rosa: ““Quando il gusto di Nesquik incontra la fresca piacevolezza della fragola, nasce il nuovo Nesquik plus al gusto fragola. Provalo col latte freddo!”.

Basta leggere gli ingredienti del prodotto per rimanere un pò sorpresi:  zucchero, maltodestrine, aromi naturali, colorante rosso di barbabietola, vitamine (C, niacina, acido pantotenico, B6, tiamina, folacina, D).

Industria del cacao: donne e bambini schiavi da 2 euro

0

La notizia arriva dall’Oxfam che ha classificato le politiche adottate dalle 10 maggiori aziende del settore alimentare su 5 tematiche precise:

  1. il rispetto dei diritti dei lavoratori e dei contadini impiegati nella loro filiera nei paesi in via di sviluppo;
  2. l’attenzione alla tematica di genere;
  3. la gestione della terra e dell’acqua utilizzate nel processo produttivo;
  4. le politiche di contrasto al cambiamento climatico;
  5. la trasparenza adottata dall’azienda nella propria attività

La campagna di Oxfam si focalizza su 10 delle più potenti aziende del settore alimentare che sono: Associated British Foods (ABF), Coca-Cola, Danone, General Mills, Kellogg’s, Mars, Mondelez Internatonal (ex Kraft Foods), Nestlé, PepsiCo e Unilever .

Nesquik: contiene l’80% di zuccheri

0

Il Nesquik è il famoso prodotto della Nestlè conosciuto soprattutto dai più piccini.

Viene utilizzato soprattutto per dare un sapore più piacevole al latte. Ma cosa contiene in realtà?

Secondo il fatto alimentare (www.ilfattoalimentare.it) “il barattolo da 500g, che costa 4,90 euro, contiene zuccheri, in una percentuale vicina all’80%, cacao magro, destrosio, lecitina di soia, e qualche vitamina.” Una quantità di zuccheri pari a quasi l’80% del prodotto totale è davvero una quantità esagerata.

A ciò si associa il fatto che il prodotto è pubblicizzato con immagini e colori mirati ad accalappiare i più piccini.

Ikea: ritiro di prodotti alimentari per colibatteri fecali

0

Le autorità di frontiera cinesi hanno fermato alcuni prodotti alimentari appartenenti al gruppo svedese Ikea in transito alla dogana a causa di parametri non idonee nelle analisi sanitarie.

L’Ikea si è vista così costretta a fermare la vendita dei «dolci al cioccolato». Si sarebbero trovati colibatteri fecali nelle tortine al cioccolato: immediato il ritiro del prodotto in 23 Paesi.

Questi batteri rappresentano solitamente una spia di una contaminazione fecale, anche se non sempre è così. Una portavoce dell’azienda svedese ha dichiarato che è necessario conoscere i livelli quantitativi dei batteri sotto accusa poichè una minima presenza non è pericolosa per la salute pubblica.

Carne di cavallo: in Italia Nestlè ritira ravioli e tortellini

0

Lo scandalo della carne di cavallo spacciata per manzo ha coinvolto anche l‘Italia. Il caso era scoppiato in Gran Bretagna con alcuni prodotti Findus. Ora la multinazionale svizzera Nestlè ha deciso per il ritiro dai mercati di Italia e Spagna due suoi prodotti: i «Ravioli di Brasato Buitoni» e «I Tortellini di Carne»

Perchè il ritiro? A causa dei test effettuati: dalle analisi dei prodotti Nestlè sono emerse tracce di Dna di cavallo pari a poco più dell’1%.

Pensate che appena una settimana fa la multinazionale alimentare più famosa del mondo aveva rassicurato i propri consumatori dichiarando che i propri prodotti a base di manzo non contenevano in modo assoluto alcuna traccia di carne di cavallo.