Notizie
Primo piano

Condannato a diventare paralitico: sentenza choc

Di Elena Bernabè - 5 Aprile 2013

Il 2 aprile scorso un tribunale dell’Arabia Saudita ha emesso una sentenza choc: ha condannato un uomo a «essere reso paralitico se non pagherà un milione di riyal sauditi (circa 270mila dollari) di risarcimento».
La denuncia arriva direttamente da Amnesty International che rivolge con urgenza un appello al Paese affinchè ripensi alla condanna.
Perchè questa incredibile pena? Perchè Ali al-Khawahir, l’accusato, aveva accoltellato nel 2003 un suo amico il quale era rimasto, a causa delle profonde ferite, paralizzato ad entrambi gli arti inferiori. La condanna si rifà quindi alla legge del taglione: occhio per occhio, dente per dente.
L’Arabia Saudità è purtroppo tristemente nota per le punizioni corporali inflitte ai colpevoli di vari crimini: pensate che l’amputazione degli arti è prevista in casi di furto o rapina. Nel 2010 è stata emessa un’altra condanna simile, per fortuna mai eseguita.
Questa durissima condanna è stata criticata dal mondo intero: speriamo si riesca a non farla attuare.
Fonte: Corriere.it
Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente
 





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)