Animalismo
Primo piano

Cane cieco "vede" grazie agli occhi di un micio

Di Elena Bernabè - 10 Gennaio 2013

Terfel è un bellissimo e dolcissimo cane rimasto cieco a causa della cataratta. La vista lo aveva abbandonato e la sua condizione lo costringeva a rimanere fermo nella sua cesta per non sbattere contro muri, mobili ed oggetti. Ma la sua vita cambiò con l’incontro di Pwditat.
A narrare questa incredibile storia è la “mamma umana” dei due animali: Judy Godfrey-Brown, 57 anni, impiegata statale in pensione di Holyhead, nel Galles del Nord.
Il micio fu un randagio accolto in casa. Non appena entrò nella sua nuova abitazione vide Terfel, si avvicinò a lui e senza dire (o meglio miagolare) nulla lo accompagnò fuori in giardino. Da quel momento sono diventati inseparabili.
Gli occhi del micio sono anche gli occhi del povero cane cieco. Judi racconta: “da allora usa le zampe per guidarlo: sono incollati l’uno all’altro e dormono anche insieme ora”.
Un legame empatico nato in un modo così naturale che stupisce… Il mondo animale, per l’ennesima volta, ci fa da guida!
 
 
 





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)