Ambiente
Inquinamento
Primo piano

Buste di plastica bandite in Mauritania: fanno morire gli animali

Di Elena Bernabè - 7 Gennaio 2013

La Mauritania si trova nell’Africa nord-occidentale, la sua capitale è Nouakchott. In questo Paese dal 2 gennaio scorso sono bandite le buste di plastica. Sono vietate la fabbricazione, la commercializzazione e l’utilizzo: pena fino ad un anno di carcere ed una multa di 2.500 euro per chi violerà la legge.
Una misura drastica ma necessaria!
Il ministro dell’Ambiente, Amedi Camara, ha dichiarato che “la quasi-totalità degli imballaggi in plastica non viene riciclata e viene dispersa in mezzo alla natura. Spesso pezzi di plastica vengono ingeriti da pesci e bestiame, provocando la loro morte”.
Le statistiche ufficiali dicono che ben il 25% dei rifiuti prodotti annualmente dalla città di Nouakchott è di plastica.
Una decisione scaturita dall’intento di inquinare di meno e di salvare gli animali dall’incuria dell’uomo.
Le buste di plastica sono purtroppo diffuse in tutto il mondo e solo di recente si stanno trovando soluzioni per non produrle e non utilizzarle: basta sostituirle con borse di stoffa, di carta o di qualsiasi altro materiale riutilizzabile. Un piccolo grande cambiamento nelle nostri abitudini che però può voler dire davvero tanto!
 





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)